Salta i links e vai al contenuto

La truffa del cashback

Lettere scritte dall'autore  Bottex

Di solito non mi occupo molto di politica nè tantomeno di economia, ma oggi voglio mettere in guardia gli utenti di una vera e propria truffa del governo ai danni dei cittadini italiani. Non voglio parlare del famigerato MES, su cui il governo ha appena fatto la seconda figuraccia davanti agli occhi di tutti, negando cioè ripetutamente che sarebbe stato attivato la scorsa primavera e poi approvandolo adesso pur di non perdere la poltrona, ipotecando così ulteriormente il futuro degli italiani. La lettera è invece relativa al piano Cashless appena attivato, ovvero dell’incentivo all’utilizzo dei pagamenti elettronici, a detta del governo per combattere l’evasione fiscale e dell’inganno che vi si nasconde. Quello che è stato detto è che il 10% delle spese effettuate con pagamento elettronico verrà poi addebitato sul conto corrente di chi l’ha fatto. Vediamo di smontare questa affermazione.
Intanto è bene sapere che con i pagamenti elettronici non viene accreditato sul conto corrente dell’utente esattamente il 10% della spesa effettuata, come raccontano, ma un massimo di 15 euro per ogni transazione, indipendentemente dalla cifra spesa. Inoltre, per poter usufruire di questo bonus, occorrerà fare almeno 50 transazioni in 6 mesi, altrimenti non si avrà NULLA. Altra cosa: il trucco di comprare le cose a piccole rate non funziona. Il bonus inoltre, non è valido per le spese inerenti alla propria professione che per un imprenditore costituiscono sicuramente la maggior parte di esse. Facendo 2 conti, si deduce quindi che il massimo “bonus” ricavabile sarà di 300 euro in 6 mesi e solo se si sono fatte spese ingenti. Morale della favola: il beneficio economico per gli italiani sarà infimo.
Falso anche il fatto che la manovra dovrebbe arginare l’evasione fiscale: vero che con il nuovo sistema si ridurrebbero del 10% le spese per le prestazioni professionali (anzi, di un massimo di 15 euro a prestazione!), ma pagando in contanti e in nero viene evitata l’IVA che è del 22%, pertanto la gente sarà comunque sempre più propensa ad evadere il fisco che a fare le cose “correttamente”.
Naturalmente poi, è ovvio a tutti che sulle transazioni elettroniche vi è sempre una tassa che finisce in mano alle banche. Alcuni sostengono che verrà annullata, ma in realtà si tratta di una sospensione temporanea. Inutile dire che i prezzi verranno poi presumibilmente aumentati immediatamente del 10% in modo da annullare qualsiasi beneficio effettivo.
Iniziate a capire quindi? Quella che ci viene presentata come una manovra vantaggiosa per gli italiani e per combattere l’evasione, è in realtà un modo per indurre la gente a spendere e far quindi finire più soldi nelle casse dello stato, oltre a limitarne la libertà. Una vera e propria patrimoniale nascosta. La cosa non sorprende, visto che l’Italia è uno dei paesi d’Europa (forse anche del mondo) con una maggiore ricchezza privata, in termini di immobili e di risparmi dei cittadini in banca. Nessuna meraviglia quindi che il governo stia cercando subdolamente di mettervi sopra le mani e non è la prima volta. Alcuni personaggi addirittura non si sono fatti scrupolo di dirlo apertamente, vedi ad esempio la scandalosa battuta di Prodi “servono il MES e i risparmi degli italiani per rilanciare l’economia”.
Questa lettera vuole quindi essere anche un invito per tutti a informarsi su come stanno veramente le cose, invece di accettare supinamente quello che ci propina la televisione. Perché già tante altre volte, come in questo caso, il governo ha fatto un intervento presentandolo come vantaggioso per i cittadini, mentre invece i vantaggi sono infimi e temporanei, ma alla lunga si ritrovano più poveri e meno liberi.
Di fronte a una simile situazione, serve a mio parere una forte risposta da parte di tutti gli italiani, che si traduce nel rifiuto di utilizzare i pagamenti elettronici in favore del contante, sempre e comunque. È l’unico modo per bloccare questo ennesimo, subdolo tentativo del governo di mettere le mani in tasca agli italiani e per far capire a coloro che governano che non siamo affatto disposti a rinunciare alle nostre ricchezze private e alla nostra libertà, nemmeno in minima parte. Dubito che questo avverrà, ma se vi si riuscisse, sarebbe una grossa vittoria per gli italiani e un colossale fallimento per l’attuale governo di “poltronari”.
Il mio consiglio da profano è quello quindi di utilizzare sempre il contante ogni volta possibile, ritirandolo magari dal bancomat della vostra banca per evitare le commissioni. Per le spese importanti, preferire invece dei bonifici bancari o i buoni vecchi assegni, anziché i pagamenti elettronici. Poi ovviamente ognuno è libero di agire come meglio crede, per raggiungere gli obbiettivi sopra descritti.
Infine, va tenuto sempre presente che il contante è l’unico tipo di denaro che nessuno potrà mai togliervi o portarvi via (a meno che non ti scippano per strada, vabbè 😀 ), anche se lo stato o le banche falliscono. È l’unico vero indicatore della ricchezza di un individuo. Ma se invece il denaro viene interamente ridotto ad un numero su un computer o su un dispositivo elettronico, qualunque autorità è in grado di bloccarvelo o di togliervelo. Ecco perché prima ho appunto parlato anche di perdita di libertà. Quindi occhio. Non voglio negare i vantaggi e la comodità dei pagamenti elettronici, ma ormai secondo me i lati negativi superano quelli positivi.
Occhio quindi, gente. Cercatevi sempre da soli la verità su siti internet affidabili o su testi ufficiali. Ci sono anche dei video che spiegano bene passo per passo quello che ho descritto io, in modo perfettamente comprensibile a tutti, anche a coloro che di economia non sanno nulla. Perché quello che vi propinano in televisione o su siti e giornali non ufficiali sono spesso menzogne o solo una parte della verità, quella che fa più comodo a chi la dichiara. Spero di esservi stato utile e mi scuso per essere stato prolisso. Saluti.
PS: questa volta “Economia e buonsenso” lo scrivo io 😊

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: La truffa del cashback

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Politica

22 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Marconi -

    Se un bugiardo!
    Il MES non è stato attivato… e lo sai benissimo!!!

  2. 2
    Nikolas -

    Più o meno è quello che mi aspettavo, anche se non sono sceso nel dettaglio come hai fatto tu.
    Di questo governo c’è poco da fidarsi, di belle promesse poi rimangiate e mal riposte, ne ho ascoltate fin troppe.

  3. 3
    Attimo Ogi -

    Titolo di giornale odierno: “Riforma del MES, le camere approvano”.

    Ora mi domando… con tutte le urgenze che ci sono, a che serve perdere tempo RIFORMANDO quello che non utilizzeremo (come confermano tutti i sostenitori del governo) ?

    Per qualcuno invece si tratta di una azione in sordina, perché il MES sarà poi “attivato” (qualcuno dice che è sempre attivo..mah?)

    Intervento sul MES dell’opposizione:
    https://www.youtube.com/watch?v=NbSY6Y0NwDg

    Nota bene: io non sostengo alcun partito politico attuale, per cui sono benvenuti ulteriori contributi anche della maggioranza, idonei a chiarire meglio le cose.

  4. 4
    Solnze -

    Hai perfettamente ragione, inoltre ho trovato di pessimo gusto lanciare una campagna anti-evasione in un momento in cui moltissimi commercianti e ristoratori sono stati costretti alla chiusura per mesi e mesi. Se li vogliono uccidere, lo dicessero apertamente.
    Finora l’unico bonus decente è il bonus vacanze, ma è decente per il cliente, non di certo per l’esercente.
    Questo governo di incapaci avrebbe potuto aiutare gli imprenditori sospendendo affitti e mutui, e invece li sta punendo doppiamente con questa crociata contro il nero.
    Ma perché si fa il nero? Perché le tasse sono altissime, i ricavi molto bassi, i rincari, anche se alti, non sono sufficienti a coprire le spese di gestione (affitti, dipendenti, utenze e tasse dirette e indirette). Per molti, soprattutto per i piccoli, il nero è l’unico modo di guadagnare qualcosa o di tenersi a galla.

    Questo governo, da “per il popolo” è diventato “contro il popolo, per le banche e per le case farmaceutiche”.

    Ultima precisazione: il Cashback rimborsa fino ad un massimo di 150€, non di 300 come hai scritto tu.

  5. 5
    Bottex -

    Infatti non ho scritto che è stato “attivato” ma “approvato” dalla Camera e dal Senato. Il che lascia supporre una successiva attivazione (tanti personaggi è da mesi che vorrebbero attivarlo), ma per quello si vedrà. Invece, la scorsa primavera il governo era stato sì accusato di averlo “attivato”. L’accusa è stata poi duramente smentita ed era stato affermato che non era lo strumento giusto per salvare il paese e che si sarebbe ricorso ad altri strumenti. Invece adesso, a mesi di distanza, si continua a parlarne. La lettera non è comunque relativa a questo.
    Per Nikolas: invece purtroppo oggigiorno bisogna informarsi bene su tutto perché la truffa è sempre dietro l’angolo. Non c’è mai da fidarsi di NESSUN politico, anche quelli attualmente all’opposizione. Purtroppo lo stato italiano ha ampiamente dimostrato di essere un qualcosa di cui non ci si può fidare.

  6. 6
    rossana -

    Bottex,
    grazie per i chiarimenti.

    ero interessata all’argomento, presentato sempre in modo incompleto e fumoso, ma, subodorando l’inganno, non avevo nessuna voglia di cercare seri approfondimenti.

    non mi interesso quasi più per niente di politica. mi chiedo spesso, però, perché non viene fatta un’accurata riforma del catasto. secondo me, potrebbe fruttare in modo equo e stabile parecchie tasse in più, ben distribuite.

  7. 7
    Gloria -

    Apprezzo molto la tua analisi lucida e chiarissima, che condivido senza alcun dubbio. Non passo di qui spesso, ma in quelle occasioni e’ un piacere leggere i tuoi punti di vista, anche nei casi in cui può essere che la pensi un po’ diversamente. I tuoi contenuti sono tra i pochi che qui stimo, oltre al modo razionale, equilibrato ed educato in cui li esprimi.

  8. 8
    Bottex -

    Ti ringrazio molto, Gloria. Cerco sempre di dare consigli proficui, qui su LaD, in particolar modo cerco sempre di far ragionare le persone con la propria testa, non con quella della collettività. Naturalmente poi, capisco benissimo che non tutti la pensiamo allo stesso modo, come si suol dire, il mondo è bello perchè è vario e sono proprio i pareri contrastanti che fanno maturare.

  9. 9
    CLAUDIO -

    Dal post n°8:”.. cerco sempre di far ragionare le persone con la propria testa, non con quella della collettività”.L’ESATTO CONTRARIO che vuole il governo(ed i governi mondiali nella storia, in generale).Se accadesse così,come ha lucidamente riportato,nel nostro”bel paese”ed a mio modesto avviso,partirebbe un conflitto senza quartiere,anche fra congiunti,oltre che una caccia all’uomo(e donna)perché considerati come nuovi ANARCHICI.
    Può stare tranquillo,bottex,in linea di massima concordo con buona parte di ciò che ha scritto(se é d’accordo,le modalità del cashback ricordano quelli delle famigerate lotterie istantanee ed è tutto dire!),ma le ricordo anche la volubilita’di pensiero dell’italiano medio che,nei casi estremi e di denaro”facile”, può essere’Letale’ quanto il covid stesso.

  10. 10
    Destiny -

    Basta non spendere più di 150 euro a ogni transazione e 30 transazioni le fanno tutti dato che sono incluse le spese di cibo.
    Quindi stai solo spandendo letame sul governo cosa che va molto di moda ma alla fine non mi piace ma fra i governi del passato questo è il meno peggio che abbiamo avuto.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili