Salta i links e vai al contenuto

La scelta universitaria

Ciao a tutti, sono in crisi perchè si avvicina il momento della scelta universitaria e non ho idea di dove indirizzare la mia vita futura. Sono sempre stata diligente ed ho ottenuto risultati più che buoni, ma non ho spiccate passioni per particolari discipline e temo che questo possa portarmi alla lunga a non essere felice… Vorrei tanto compiere una scelta giusta ed adeguata. Aspetto i vostri consigli…CIAO!

L'autore ha scritto 6 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Scuola

12 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Chiaramente -

    Forse tu credi di non avere passioni o predilezioni però credo che con l’aiuto di un’orientatore dovresti riuscire a trovare qualcosa che ti convinca.
    Esistono questionari appositi per sondare le aree che sarebbero da preferire.
    Di solito vengono somministrati da psicologi che si occupano dell’orientamento scolastico-professionale, ma trovi anche siti specifici su internet .

  2. 2
    angioletta -

    H già fatto vari test, ma niente…Cmq si accettano consigli sul tema del percorso per l’esame di stato!!!:-)

  3. 3
    Selene -

    Ciao! Guarda anch’io ho avuto lo stesso problema…brava in tutto, ma senza una trascinante passione per qualcosa (almeno allora). Secondo me, anche in base alla mia esperienza, potresti considerare un po’ di questioni per restringere il campo delle possibili facoltà e piano piano arrivare alla scelta finale: innanzitutto rifletti su quali materie ti riescono meno pesanti da studiare, quali ti richiedono meno impegno. Se sei una ragazza che è brava a parlare (nel senso di essere in grado di parlare correttamente, prepararsi discorsi e ripetere ad alta voce) potresti pensare a materie socio-umanistiche; se non ami particolarmente questo genere di studio soffermati sulle facoltà scientifiche. Se hai una vaga idea di un tipo di lavoro che potrebbe appassionarti basati anche su quello…ma pensa sempre che non puoi scegliere una facoltà esclusivamente in base a quello (ad es. non fare ingegneria se non sei una persona concreta a cui piacciono quelle materie solo perchè come idea astratta ti piacerebbe fare l’ingegnere…non ce la faresti a finire l’università o diventerebbe un incubo). Forse se non hai una particolare passione per qualcosa potresti anche considerare facoltà che hanno piani di studio vari, con materie molto diverse, come economia, sociologia o scienze politiche. Rifletti anche sul tuo carattere, sul tuo modo di essere…da quello puoi capire molto sull’ambiente che fa per te: ogni facoltà è caratterizzata un certo “tipo” di gente. Personalmente i test non mi sono serviti molto perchè mi hanno sempre dato risposte o troppo “ampie” o che alla fine non mi convincevano fino in fondo. Ti consiglio quindi di non affidarti solo a loro…anche perchè la scelta è importante, sia per il tuo futuro, sia perchè dovrai studiare parecchio ed è difficile studiare i “mattoni” universitari se non si è soddisfatti fino in fondo di quello che si fa. L’ultima cosa: se ti piace una facoltà e vedi che c’è qualche esame meno interessante, non lasciarti spaventare! E’ impossibile trovare una facoltà in cui ti piacciano tutti gli esami! Spero di esserti stata d’aiuto almeno un po’. In bocca al lupo per la scelta allora! Un abbraccio!

  4. 4
    Gaetano -

    Di intanto che scuola frequenti, è un elemento in più per capire, e poi parlaci dei tuoi hobby o delle tue passioni.

    Ciao
    Gaetano

  5. 5
    angioletta -

    Selene sono d’accordissimo con te…hai già detto tutto! Io frequento il liceo scientifico…ma ahimè, odio la matematica…per il resto non ho preferenze particolari. Amo disegnare, leggere, scrivere…Infatti starei pensando di scegliere la facoltà di architettura. La base matematica ce l’ho, l’interesse per la progettuazione anche, quind sembrerebbe appropriata come facoltà. Ma non so perchè…non riesco a decidermi e temo di non essere all’altezza…

  6. 6
    Maddalena -

    Qual’è la tua passione?
    qual’è quel lavoro che vorresti fare anche tutta la vita senza stancarti?
    Fai rispondere il tuo cuore a queste domande e saprai dove indirizzarti!
    Non guardare a “dove guadagno di più” o “dove forse trovo poi più facilmente lavoro”.
    L’Università sono tanti libri da studiare e tanti esami e nottate in piedi: solo la passione e l’amore per quelle materia possono farti “sopportare” queste “fatiche”, e le ” ” è perchè proprio quando c’è la passione non c’è fatica, e sicuramente poi, con la passione, avrai quella marcia in più per sfondare nel mondo del lavoro. Qualsiasi esso sia.
    Tutti abbiamo delle passioni, qualcosa che ci piace in modo particolare e unico, tutti abbiamo il “sogno del cassetto che da grande voglio diventare…” , non devi aver paura dei sogni che hai dentro. Vuoi fare spettacolo ad esempio? ci sono scuole serie come il DAMS, l’Accademia di Roma per gli attori.

  7. 7
    angioletta -

    Sono consapevole del fatto che se non trovo qualcosa che mi piace sarà difficile portare a termine il percorso iniziato…Ma è davvero complicato perchè mentre io mi chiedo cosa mi piacerebbe fare nella vita, la gente intorno a me mi fa notare che non sarò mai totalmente soddisfatta e che devo scegliere anche razionalmente, pensando ad un futuro certo, solido. Insomma secondo gli altri devo pensare a quanto verrò retribuita…e scegliere in base a questo.

  8. 8
    stefi -

    ciao!io mi sono diplomata quest anno e sono nella tua stessa identica condizione!non ho per nulla chiaro cosa mi piace o cosa vorrei fare in futuro e questa situazione mi sta mettendo molta ansia perchè mi sembra di buttare via il tempo. anche io ho fatto lo scientifico ,ma odio la matematica e la fisica quindi mi sono sempre orientata verso qualcosa di più umanistico ma non riesco realmente a capire cosa faccia per me.senza contare di avere paura di fare una facoltà magari meno “impegnativa” dal punto di vista degli anni,tipo una triennale e arrivare a 30 anni e avere rimpianti per esempio..se avessi fatto giurisprudenza o medicina. AIUTOO!grazie dell’ aiuto!ciao a tutti

  9. 9
    caterina -

    Cara Angioletta,
    mi sembra di riascoltare la mia vita: brava nello studio, diploma al liceo scientifico, odio per la matematica, predilezione per il disegno e la storia dell’arte ma non abbastanza creativa (o coraggiosa) per scegliere l’accademia della belle arti.
    Risultato: mi sono iscritta alla migliore facoltà architettura d’Italia, a Ferrara. Il guaio è che ho passato il test. Ora odio questa facoltà troppo impegantiva e l’andirivieni quotidiano dalla mia città. Il punto è che sono ancora confusa, e non saprei cos’altro fare, in più sono già al terzo anno(su cinque obbligatori).
    consiglio: pensaci moooolto bene! Non scegliere assolutamente la facoltà per esclusione… e se trovi una soluzione comunicamelo!!!

  10. 10
    angioletta -

    cara caterina la scelta è stata fatta…e come te ho passato il test ad architettura e ora sto frequentando il primo anno…a breve avrò gli esami e come hai detto tu si tratta di una facoltà estremamente impegnativa…più di quello che pensavo…passo la maggior parte del tempo a disegnare ed è proprio il disegno a privarmi del tempo da dedicare alle altre materie…

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili