Salta i links e vai al contenuto

La mia collega…

Ciao a tutti ragazzi! Ebbene sì, mi piace la mia collega… vi racconto (non starò a dilungarmi con smielate varie, potrei scriverne una marea, e non è che mentirei, ma ho deciso di scrivere una lettera più “razionale”: ovunque ci possano stare mettete pure i fronzoli 🙂 ). Io 29 anni, lei 22, io single da circa 7 mesi, lei ha il ragazzo. Lavoriamo assieme da una decina di mesi, e fin da subito abbiamo avuto un certo “feeling”: ridiamo, scherziamo e stiamo bene assieme… Fin dall’inizio lei ha tenuto a precisare che voleva essere mia amica, e la cosa non mi ha creato particolari problemi. Nell’ultimo periodo però le cose sono cambiate: ho cominciato a vederla sotto un’ottica completamente diversa, mi piace, ogni giorno che passa sempre di più. Il mio atteggiamento è logicamente cambiato, e si è spostato verso una conscia quanto involontaria ed incontrollabile ricerca di situazioni di complicità, di contatto fisico, di maggiore confidenza, di “flirt” (il mio comportamento è palese, se ne accorgerebbe anche una persona sorda e cieca). E qui arriva il punto sul quale mi piacerebbe avere da voi qualche opinione: i miei atteggiamenti non sono in nessun modo bloccati o rifiutati, anzi, sono ricambiati; e (lo scrivo solo per fermare sul nascere commenti del tipo “non è che sembra a te?”) in ufficio ormai pensano tutti che tra noi ci sia qualcosa di non definibile come una semplice e sana amicizia, o, diciamo, per lo meno un’amicizia un po’ “speciale”. Scherziamo, ci coccoliamo, ci cerchiamo sempre… Una volta ci siamo trovati a parlare un po’ di noi, ed ha di nuovo chiarito il fatto che siamo amici. In pratica le parole dicono una cosa, mentre il comportamento ne dice un’altra… Pensando ai pro ed ai contro della situazione la testa mi direbbe di fare un passo indietro, di allontanarmi (non in senso letterale, visto che ci vediamo 4 giorni a settimana, un giorno sono in trasferta), di tenere il nostro rapporto entro dei limiti, e forse sarebbe la soluzione migliore ma… ma purtroppo esiste anche il cuore… E anche una metà di testa meno razionale che non mi lascia proprio fare quello che dice l’altra metà… Il fatto è che con lei mi sento bene, libero di essere me stesso, di dire quello che penso senza preoccuparmi e senza maschere; vederla e stare con lei mi mette di buon umore e mi fa tornare il sorriso anche nelle giornate peggiori. Mi sento, anzi sono, MIGLIORE. E la vorrei, solo per me. (Ok, lo sapevo che non avrei resistito fino alla fine della lettera senza scrivere almeno una frasina sdolcinata..) E poi? poi c’è il problema “ha il fidanzato”… poi c’è il problema “siamo colleghi”… poi c’è il problema “e se una volta fatto un passo superassi il punto di non ritorno per quanto riguarda il nostro rapporto?” E’ meglio un rimpianto o un rimorso? Rischierei di perderla anche come amica? Forse sì ma cavolo, io voglio di più!

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Lavoro

11 commenti a

La mia collega…

Pagine: 1 2

  1. 1
    L@lla -

    Credo che tu ti sia risposto da solo:tu vuoi di più…il rapporto che hai oggi con questa tua collega non si limita ad un semplice rapporto di cortesia e collaborazione.Se tu le chiedessi di uscire perderesti questo rapporto,ma nulla vi vieterebbe col tempo di mantenere un sano rapporto tra colleghi.
    Al contempo questa tipologia di “amicizia” che si è instaurata tra voi ti fomenta a cercare qualcosa in più,è un circolo che in un senso o nell’altro va interrotto,poichè non ti soddisfa:alimentalo o stroncalo.Chiedile di uscire,mal che vada resterete colleghi.
    Buona fortuna.

  2. 2
    sarah -

    può essere che le sei simpatico e non vuole essere scortese con te ma rifletti:se tu avessi una ragazza e un uomo ci provasse con lei che faresti?no sai la natura dei rapporti tra di loro,può essere sia in crisi e tu non ne devi approfittare,se si lascia ok altrimenti fatti gli afffari tuoi. io penso che dovresti parlare chiaro, le dici che ti piace e vorresti di più, poi lasciala riflettere,se si lascia è un conto ma non diventare l’amante altrimenti sei uno str...o egoista.se invece decide che rimane solo l’amiciazia fai davvero un passo indietro magari per un pò allontanati giusto il tempo che questa cotta ti passi ricordati che lei è la donna di un altro, rispetta questa cosa.

  3. 3
    paoletto -

    L@lla e Sarah:
    L@lla hai perfettamente ragione. In effetti ora la situazione si sta autoalimentando, solamente lasciando gli eventi andare come vogliono andare.. Però, c’è un però. E qui mi riallaccio anche alla risposta di Sarah: io non voglio assolutamente fare passi che mi portino ad essere l’amante, anche perchè c’è la possibilità che la cosa abbia effetti catastrofici. Semplicemente sto maturando la convinzione che Lei sia la persona che voglio al mio fianco. Non credo stiamo parlando di una cotta; l’affinità che vedo e che trovo va oltre a questo.
    Premetto che non so come effettivamente sia la situazione riguardo a quanto scriverò ora. Sarah, tu mi dici che io non so se lei sia in crisi o cose di questo genere, e sulla base di questo, di non aprofittare. 7 mesi fa io sono uscito da una storia di 4 anni che mi stava distruggendo e facendo del male (anche a lei chiaramente), proprio perchè una crisi è stata tirata avanti, vuoi per l’affetto, vuoi per l’abitudine, troppo a lungo. E solo con uno scossone di questo genere siamo riusciti ad uscire da quel vortice che altrimenti, forse, ci starebbe ancora risucchiando.. Siamo sicuri che sia un aprofittare della situazione? Io sono convinto che con me potrebbe essere più felice. Su che basi si può contestare questa affermazione? Credo sulle stesse per cui si può affermare il contrario.
    Per quanto riguarda il “magari non vuole essere scortese con me”: mi dici che se diventassi l’amante sarei uno str...o egoista.. E questo atteggiamento, se dovuto proprio al fatto che lei non vuole essere scortese, come si potrebbe definire? Forse str...o? Forse egoista? E per di più nei confronti di 2 persone?
    Io sono dell’idea, al di là di quello che racconto qui, che se uno ci prova con la mia ragazza è liberissimo di farlo. Come si dice, in guerra e in amore.. Ma è qui che entra in ballo la fiducia, la vonlontà di questa persona di essere corretta verso il proprio compagno, di bloccare sul nascere determinate situazioni, e non solo a parole (credo che chiunque con un po’ di esperienza sia d’accordo con me nel pensare che le parole molto spesso, sopratutto quando si parla di relazioni, non corrispondono a quello che poi viene comunicato/desiderato in altri modi)…

  4. 4
    Cecilia88 -

    Mi sento molto vicina alla tua situazione….e ti voglio dire come la penso:-))) credo che allontanarti da lei non servirebbe nulla…credo che anche tu le piaci, altrimenti non ti starebbe tanto attaccata,(noi ragazze abbiamo 1000 scuse nuove per scaricare chi non ci piace e ci prova troppo:-) ) e se lei continua a dirti che “hai il fidanzato” è solo per auto convincersi di non pensarti più del dovuto…cosi la penso io…Ma tu non allontanarti,non servirebbe a nulla…Continua e vedi fino a che punto arrivi…e il fatto che siete colleghi..che problema è????

  5. 5
    paoletto -

    @cecilia:
    Infatti quello che a me passa dai suoi atteggiamenti e dal non fare in modo che io mi comporti in maniera differente è proprio quello… Per quanto riguarda l’essere colleghi, beh, io non sono mai stato a favore delle relazioni sul posto di lavoro, ovviamente finchè non mi sono ritrovato a volerne una! 🙂 Di sicuro c’è che ci potrebbero essere delle complicazioni rispetto ad un rapporto di altro genere, proprio per le eventuali tensioni che si creano sul lavoro, oppure sul fatto che a lungo andare l’essere costantemente insieme… Chissà… Resta il fatto che sinceramente al momento di questi possibili problemi, beh, non me ne importa nulla!

  6. 6
    Davide -

    Ho voluto apposta aspettare qualche altro commento prima di rispondere personalmente. Ho vissuto sulla mia pelle pochi mesi fa questa situazione e ne sono uscito, non dico come, ma l’importante è esserne usciti. Stessa dinamica: il Risultato? è che ora non ci parliamo neanche più. Ma sono contento cosi, perchè i sentimenti vanno esternati. Al cuore non si comanda. @Lalla: “Chiedile di uscire,mal che vada resterete colleghi.” Se va male resteranno colleghi e magari come nel mio caso neanche si calcolerebbero più. Io sono dell’idea che non si può essere amici di una persona di cui sei innamorato. Ho preferito interrompere quell’amicizia subdola mista qualcos’altro che si era venuta a creare da parte di tutti e due e che quando c’era da prendere una decisione non è stata presa, o è stata presa in modo affrettato. Ora sto meglio, non potevo mai immaginarmi di rimanere accanto a questa ragazza come lo ero fino a poco tempo fa sapendo che al posto mio aveva scelto un altro. Il mio sbaglio è stato accettare subito all’inizio la competizione con un altro ragazzo. E alla fine ha vinto lui. Mi sono reso conto poi delle grandissime bugie che ha detto a me, ma che ben piu grave ha detto a lui che a tutt’oggi stanno insieme e vivono una storia d’amore. Ma quando sei innamorato rifletti poco e metti in gioco il tuo istinto. Certe cose le capisci dopo, quando hai il cuore infranto. Ennesimo colpo, ennesima delusione. Mi spiace di aver perso una persona cara che voglio tutt’ora bene, ma non potevo di certo andare avanti così. Devo pensare anche a me stesso. E nel caso di un rifiuto, anche lo scrittore di questa pagina deve seguire questa strada.

  7. 7
    sarah -

    “Io sono dell’idea, al di là di quello che racconto qui, che se uno ci prova con la mia ragazza è liberissimo di farlo. Come si dice, in guerra e in amore..”Non sono dello stesso parere,sinceramente se uno è fidanzato io rinuncio subito,non mi permetto di insinuarmi in una coppia anche se uno fa il carino con me,l’occasione l’ho avuta ma ho lasciato perdere.So cosa significa quando una persona si intromette nella storia di altri.Pensa anche che lei ti ripete che è fidanzata,io ti consiglio di non fasciarti la testa,puoi piacerle un pò ma da qui ad amare ce ne passa e non puoi dire che vuoi lei accanto,quanto la conosci effettivamente?puoi provare qualcosa,sicuramente ma io ti direi di desistere poi se lei ti insegue allora ti vuole davvero ma che sia coerente e lasci il ragazzo ma come ti ho detto, io credo che prima di tutto ci vuole il rispetto per se stessi e gli altri, quindi non credo che se avessi lei e uno, magari il suo ex si riavvicina tu pensi tanto è libero di farlo,non credo che non te ne fregherebbe nulla, certo sta a lei rifiutare ma se una cede così facilmente io ci penserei due volte a fidarmi.Posso capire la situazione perchè mi è capitata una cosa simile a questa ragazza che descrivi,io fidanzata da più di un anno e un ragazzo mi si avvicina,mi piaceva fisicamente,anzi mi piaceva prima di incontrare quello che era il mio ragazzo,il mio rapporto era in crisi e le attenzioni di lui mi facevano piacere e mi facevano stare bene,anche noi avevamo feeling ma ho pensato al mio ragazzo e ho voluto provare a salvare il rapporto,poi lui se ne è fregato e ci siamo lasciati,dopo con questo ragazzo c’è stato qualche bacio ma abbiamo fatto subito una pausa,saremmo stati distanti per un pò e io volevo riflettere e gli dissi che se dopo aveva ancora voglia di me ci potevamo trovare e così è stato ma era solo una cotta,è durata due mesi e alla fine ci siamo chiariti e lasciati,siamo rimasti amici e ci sentiamo ogni tanto,quindi davvero il feeling non basta,quanto la conosci effettivamente?sii cauto.

  8. 8
    SAM -

    Sono il fidanzato della tua collega -.-‘ come ti piglio ti rovino!

  9. 9
    SAM -

    Ahuahauahuahau! 😀 stavo scherzando! 😀

    Devi dirle tutto e aprire il tuo cuore! Devi convincerla e viverti i momenti con passione e coinvolgimento senza pari!

    Certo…poi però vedendola ogni giorno al lavoro diventerà dura…

    CARPE DIEM questo si… però…e il però c’è sempre…se iniziate una relazione prima o poi questa relazione diverrà routine…e magari la magia di ora svanirà…non so che consigliare a dire il vero…

    Forse è meglio evitare…o forse no…devi vedere i pro e i contro…

  10. 10
    dancan -

    io appoggio sarah in quasi tutto cio che dice…… amico mio. lei ha un ragazzo. le cose son due: o ce l’ha veramente e sta cercando il pollo successivo ( il famoso gioco delle due scarpe, che tante donne rinfacciano a noi uomini) oppure si è accorta che tu provi qualcosa e ricorda ad entrambi che LEI ha un compagno. ora… che penseresti di lei, se TU avessi una ragazza e lei facesse la carina? ma è mai possibile che fanno tutti i cretini con chi è gia impegnato? ci tieni al lavoro? lasciala perdere, siete colleghi. anzi, date un freno alle carinerie. nn fanno bene ne a te , ne a lei. potresti però anche saltare il fosso e vedere come va a finire. quindi provarci seriamente. allora preparati a soffrire. e preparati al dubbio… che lei, prima di stare con te, stava con un altro.. quindi, ha ceduto solo perchè tu facevi il carino. ….. vedi tu se ne vale la pena. tu hai dei sentimenti. lei ne ha?

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili