Salta i links e vai al contenuto

La bandiera valore unitario

Il 20 Vendemmiaio anno V (11 Ottobre 1796) il Generale Bonaparte scriveva da Milano che era oramai pronta l’organizzazione della Legione Lombarda e che “i colori nazionali adottati sono il verde, il bianco e il rosso”. Nasceva il primo reparto militare ad usare il tricolore quale emblema distintivo e il 6 Novembre dello stesso anno quella prima bandiera tricolore (una delle quali conservata al Museo del Risorgimento di Milano) venne consegnata da Napoleone in una solenne cerimonia in Piazza del Duomo.
La formazione di quella prima unità dell’esercito, che utilizzò il tricolore come lo conosciamo oggi, era composta da circa 3.741 uomini suddivisi in 7 coorti (3 della città di Milano, una da Cremona e Casalmaggiore, una da Lodi e Pavia, una da Como ed infine una composta da patrioti provenienti in prevalenza dallo stato pontificio e dal Regno di Sicilia). Quella stessa bandiera, che si sarebbe distinta pochi mesi dopo nelle Battaglia di Arcole e del Senio, è la stessa che (con l’aggiunta dello stemma sabaudo) sarebbe sventolata a partire dal 1848 per volontà di Carlo Alberto di Savoia e che continua, dopo l’avvento della Repubblica, a rappresentare le nostre istituzioni
Questo anniversario non è abbastanza ricordato nella nostra Regione o dalle autorità della città di Milano, ma sarebbe il caso di riscoprirlo e valorizzarlo, anche perché la nostra bandiera e la sua storia rappresentano uno dei valori nei quali poter riunire gli italiani di ieri e quelli che hanno eletto la nostra Penisola a loro nuova Patria.

L'autore ha scritto 12 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook La bandiera valore unitario

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Mondo

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili