Salta i links e vai al contenuto

Io e la solitudine inseparabili da 28 anni

Più si va avanti più e’ peggio ormai piano piano la gente prende la sua strada se ne vanno uno dopo l ‘altro a 28 anni la vita non può finire sono in crisi ho voglia di gridare aiuto ma tanto non mi ascolta nessuno e tantomeno nessuno leggera questo topic…Con le amicizie non ho mai avuto tanto successo fin da quando ero bambino….già dalle elementari venivo preso di petto dagli altri mi fecero i peggio scherzi per non parlare poi alle medie quando iniziai ad entrare in contatto coi bulli che pestavano e fregavano soldi della merenda, poi alle superiori iniziai a conoscere gli snob ovvero quelli che non ti considerano proprio (ragazzi meglio essere odiati che ignorati nella vita) e che mi lasciavano proprio da solo, cosa che anche al giorno d’oggi mi sta accadendo sia a lavoro (questo ne parlerò nella sezione apposita) che fuori-lavoro.

Non ho mai festeggiato un bel compleanno insieme agli amici (quello dei 18 è stato davvero umiliante, nessuno si presentò alla mia festa), una vacanza con loro, una rimpatriata, niente di niente.

Sono sempre stato una persona sensibile, che crede ai veri valori della vita e ho sempre dato 1000 e ricevuto zero dalle persone, come vorrei avere una bella cerchia di amici e una ragazza per uscire insieme, fare viaggi, fare esperienze ma tutti si fanno gli affari propri e si organizzano per conto loro nascondendomi tutto e inventare scuse ormai che conoscerebbero anche i muri, io per la gente sono un vero fantasma e ci sto davvero male tanto tanto.

Mi chiedo sempre dove sbaglio e forse il mio errore è quello di essere troppo sensibile, di affezionarmi troppo alle persone di avere troppa fiducia negli altri per colpa di tutti questi episodi ormai che non riesco più a sorridere alla vita, non so più che significa essere felici o solo provare per un attimo quel brivido che ti fa stare bene, vorrei tanto poterlo sentire anche solo per un istante….ma forse è destino che dovrò stare da solo per tutta la vita…forse nella prossima mi andrà meglio.

Quasi quasi mi informo per il militare, l’ultima speranza forse per diventare qualcuno.
Io e la solitudine inseparabili da 28 anni

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

3 commenti

  1. 1
    kombo -

    Fabrizio, leggi attentamente.

    Ti svelo un segreto:

    Nessuno verrà a salvarti.

    Proprio così. Nessuno verrà a salvarti. Puoi lamentarti quanto vuoi di fronte al tribunale della vita. Puoi pretendere tutto quello che hai sempre voluto perché ti spetta di diritto. Puoi comportarti come un bambino piccolo che fa i capricci e tiene il broncio finché non ottiene quello che vuole.
    Ma nella vita non c’è un genitore che ti soccorre solo perché ti vede scontento. Questa appunto è la strategia dei bambini per ottenere quello che vogliono. Ma come vedi da grandi non funziona.

    Devi comportarti in modo diverso. Questo non significa che tu non hai già tutto quello che ti serve. Tu sai chi sei, in fondo sai che vali molto più di quello che appare agli altri. La sfida è fare in modo che anche gli altri vedano quanto vali.
    Smettila di lamentarti, inizia a diventare davvero una persona migliore. Fai in modo che le persone siano orgogliose di avere un amico come te, ma non per il fatto che ti sacrifichi per gli altri, quanto per il fatto che la tua presenza è positiva e luminosa. Non puoi attirare gli altri elemosinando la loro attenzione. L’unico modo è fare in modo che gli altri stiano bene con te.

  2. 2
    Cantautore -

    Ciao Fabrizio,
    io i bulli, i prepotenti, gli arroganti e gli snob li ho sempre odiati, quindi se finora sulla tua strada hai incontrato solo degli imbecilli, non è detto che tu non possa conoscere anche delle persone sensibili come te, che ti capiscano.
    Poi, in gruppo sono tuti bravi ad accanirsi sui più deboli, sui più fragili e sui più indifesi, deridendoli, denigrandoli, emarginandoli ed inveendo su di loro con ogni forma di angheria possibile con i loro macabri spettacoli, ma tutto questo,, alla fine, non è sinonimo di forza, ma solo di vigliaccheria e di debolezza, mentre poi, se presi singolarmente, non valgono nulla e non sanno nemmeno aprire bocca.
    Inoltre non credere di essere il solo a soffrire di solitudine perché questo è uno dei mali peggiori di questo secolo ed è un problema che opprime un po’ tutti, anche chi, all’apparenza, è circondato da tante persone, ma che in relatà si sente ancora più solo di chi solo lo è veramente.
    E non a caso esiste un detto che dice: chi è amico di tutti in realtà non è amico di nessuno!
    Quindi, mio caro amico, non ti rovinare più il fegato per delle persone che non ti meritano affatto perché tu sei migliore di loro, mentre loro rimarranno per sempre degli stupidi mediocri anche se credono di essere superiori, di avere tutti in loro potere e di possedere il mondo. Inoltre il confronto tra te e il mondo circostante non dovrebbe far abbassare il tuo livello di autostima perché se il confronto è errato, errate sono le conclusioni, alla fine!
    Per concludere, una ragazza non l’hai ancora trovata ma un amico sì, se vuoi.
    Il mio contatto di messenger è Cantautore68@hotmail.it
    Un caro saluto.

  3. 3
    frank133 -

    Ciao, in parte, sembra di rivedere la mia infanzia. Io non ho una ricetta magica che ti permetterà di vivere meglio, ma posso dirti che il potenziale sta tutto dentro ognuno di noi. Solo quando avrai compreso che continuare così non ha senso e che, se lo vuoi, puoi cambiare il tuo modo di vivere, rivoltando i punti deboli in punti di forza. Non c’è nessuno che verrà a soccorrerti se non te stesso. Lascia perdere le persone sciatte, insensibili, ignoranti, inutili i bulli & C. di infima categoria. A 28 anni hai ancora una lunga vita da vivere. Allora, inizia con il capire quale sono i tuoi punti di forza, sei intelligente, colto, avrai qualche interesse. Bene! Fallo fruttare, piano piano inserisciti in gruppi che condividono i tuoi stessi interessi, fatti apprezzare per le tue doti, per la passione che metti nel fare le cose, sii onesto, sincero e vedrai, che piano piano, farai parte integrante di un “sistema”, la vita, che ha bisogno anche di te. Ognuno di noi è un pezzo unico, non esistono copie identiche, quindi se, riuscirai a far valere, ed imporre la tua personalità, nessuno potrà fare a meno della tua presenza. L’affezzionarsi o meno alle persone, dipende dal grado di confidenza che si instaura, non ci si può fidare “sic et simpliciter” subito delle persone. Prima bisogna imparare a conoscerle,(e loro conoscere te) e poi, molto poi, fidarsi ed entrare in epmatia. Io, ci sono riuscito benissimo, dopo varie esperienze nei circoli sportivi e nel volontariato, ho un lavoro che mi soddisfa sono impegnato in politica nel mio paesino e sono apprezzato per il mio impegno. Come vedi niente è impossibile. Adesso ho una vita decisamente appagante e serena, e con amici (pochi) sinceri. Auguri.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili