Salta i links e vai al contenuto

Il mio peggior nemico? Me stesso

  

È da tempo che leggo lettere su questo sito, ed ora mi sono deciso a scrivere, non riesco a parlare di questa cosa con nessuno, nemmeno i miei amici più cari.
Sono uno studente di 21 anni, io da sempre soffro di un “disturbo” che mi perseguita oramai da anni lo definirei come una sorta di “masochismo psicologico” ma di preciso non saprei definirlo, diciamo che questo disturbo per la maggior parte ha afflitto la mia vita sentimentale mandando le poche relazioni che ho avuto all’aria. Da circa una settimana sono stato lasciato dalla mia ragazza, la relazione è durata solo 6 mesi senza dubbio sarebbe durata molto di più se lo schifo che ho nel cervello non avesse preso il sopravvento. A un certo punto della relazione ho cominciato a dire alla mia ex ragazza cose che un fidanzato normale non direbbe mai ad esempio “sei molto bella meriti di meglio, dovresti uscire con un ragazzo migliore di me etc.. ” eppure mentre dicevo queste oscenità nella mia testa ripetevo “oddio ma che sto dicendo? Io sono perso di questa ragazza e non faccio altro che distruggere il nostro rapporto dicendo cose simili”. Eppure io quando ero con lei mi sentivo come il male, il cattivo della fiaba che tiene prigioniera la principessa cercando di impedirle di raggiungere il principe azzurro ed essendo io una brutta persona meritavo di soffrire e di passare una vita miserabile. In lacrime giustamente lei mi disse “tu in realtà non mi hai mai amato erano solo bugie vero? Pensavo fossi una delle più belle cose che mi fossero capitate in vita mia ma evidentemente mi sbagliavo” In questo preciso momento sono in lacrime, ho perso una persona stupenda unicamente per colpa mia. Ho avuto un’altra relazione prima di quest’ultima quando avevo 19 anni è finita esattamente allo stesso modo, il parassita nella mia testa che prende il sopravvento e distrugge le cose belle che mi stanno attorno. Da notare inoltre che questi comportamenti assurdi li ho anche al di fuori delle relazioni un esempio? 1 anno fa senza alcun motivo apparente ho detto a mia sorella “ti odio e ti ho sempre odiata, la tua presenza mi da la nausea”, i nostri rapporti dopo questo episodio sono diventati di quasi totale indifferenza. Le uniche persone con cui riesco a trattenermi sono i miei amici. Perché continuo a distruggermi? Io non capisco… Ho pure pensato di suicidarmi per rimediare a questo mio male, ero certo che le persone attorno a me sarebbero state felici di vedermi morto (o così almeno diceva la mia testa) e invece solo ora ho deciso di svegliarmi, Martedi 6 marzo andrò da uno psichiatra e se necessario sarò anche disposto ad iniziare una terapia farmacologica, sonn sicuro che un rimedio esiste.
Questa lettera potrebbe magari suscitare rabbia in certe persone e posso capirlo, ma io stesso sono conscio del fatto che qualcosa nella mia testa non funziona e devo rimediare.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

8 commenti a

Il mio peggior nemico? Me stesso

  1. 1
    Alastor -

    Premettendo,che la parola Suicidio devi tenerla lontana dal tuo vocabolario,perché il suicidio o pensare al suicidio è da codardi è la cosa più sbrigativa ed immediata, è più coraggioso vivere alzarsi ogni mattina ed affrontare i problemi.
    Che dirti da quello che hai scritto sembra che tu abbia una scarsa stima di te stesso,come molta gente, ti fai tanti complessi mentali dicesi PIPPE MENTALI,che non portano a nulla se non ad autodistruggerti e ti impediscono di avere una storia o una relazione.Chi direbbe alla propria ragazza “trovatene un altro”,manco tu fossi un mostro…Gia il fatto che tu scriva su questo forum,significa che riconosci il fatto di sbagliare…c’è una frase che dice:
    La prima cosa che due persone si offrono stando insieme dovrebbe essere un sentimento d’amore verso se stessi. Se non ti ami tu, perché dovrei amarti io?…non vedere solo l’aspetto negativo di te stesso,ma domandati e mettiti alla prova su cosa sei in grado di dare alla persona che hai affianco,non sottovalutarti…vivi le cose ,le storie,per come vengono e come si presentano…rilassati.

  2. 2
    Byron -

    Esatto Alastor, fin dall’adolescenza ho sempre pensato di essere un mostro sia fuori che dentro a volte addirittura passavo giornate ad insultarmi da solo e a dire che sono un cancro per la società e che dovevo morire. Io non amo me stesso e Dio solo sa come ho fatto ad avere 2 ragazze (di breve durata) in 21 anni di vita.Ma ora sono stufo di vivere cosi, voglio cambiare, voglio essere una persona migliore. Quando ci sarò riuscito forse potrò finalmente stare serenamente con una persona e darle l’affetto che si merita.

  3. 3
    Byron -

    Aggiungo: oggi ho chiamato mia sorella (attualmente vive in Inghilterra) per chiederle perdono per ciò che le ho detto un anno fa. Sembrava contenta.

  4. 4
    s. -

    credo tu abbia preso la decisione giusta; non perchè tu sia malato ma perchè a volte certe situazioni limitano troppo la nostra vita di relazione e ci fanno stare male, come nel tuo caso.
    non so se lo psichiatra deciderà di darti dei farmaci o indirizzarti a uno psicologo, però è un bene che tu abbia deciso di chiedere un aiuto.
    forse l’obiettivo non è quello di diventare una persona migliore, ma di capire che sei già una bella persona. l’autostima un po’ vacillante magari ti porta a pensare di non meritare niente, e ha ragione chi scrive che l’amore per se stessi è un requisito essenziale per infilarsi in una relazione che sia almeno un po’ sana.
    facci sapere com’è andata!
    ciao!

  5. 5
    lajo -

    Ciao Byron, ritrovo qualcosa dime in te. Nel senso che anch’io mi comportavo così con le persone che erano diciamo ” importanti nella mia vita”. Forse non sei sicuro di te, non hai fiducia in te stesso, pensi di non essere all’altezza di una relazione con una cosi bella persona ( la tua ex) per questo decidi di allontanarla da te perchè hai paura che tu non sia giusto per lei, perchè hai paura di rovinarle la vita non lo so .. So solo che l’importante è che tu te ne sia reso conto in tempo per cambiare i tuoi processi cognitivi, hai fatto un’ottima scelta ! (quella che poi io ho fatto 3 anni fa, anche a causa di questo) ! 😉 Ciao e buona fortuna !

  6. 6
    Byron -

    ehy Lajo, ho iniziato oggi con la psichiatra/psicoterapeuta ti è stato d’aiuto? Cosa hai fatto per combattere questi maledetti pensieri?

  7. 7
    lajo -

    se ti va scrivimi nell’email : lajhonny@live.com

  8. 8
    Ryan -

    Ciao byron, sono rimasto impressionato leggendo le tue frasi !!
    Ho avuto anche io le tue stesse esperienze con le ragazze , l ultima in particolare … Non mi sentivo assolutamente in grado di proteggerla ( da non so cosa tra l altro ) , ( probabilmente da me stesso ) e quindi l ho lasciata usando esattamente le frasi che hai usato tu !
    La sua reazione e’ stato esattamente uguale a quella della tua ex ragazza … Stesse identiche frasi !
    Io sono arrivato alla conclusione dopo terapie e quant altro che il problema risiede in me e mi uccide da dentro non lasciandomi vivere e non permettendomi di mettermi in gioco seriamente e capire quanto valgo veramente !
    Quindi adesso ho deciso che cambierò città per iniziare una nuova vita e cercare di conoscermi veramente pregi e difetti …. Per essere completo un giorno e poter finalmente realizzare il mio grande sogno di avere una persona al mio fianco da amare e che mi ami !
    Ti auguro il meglio e sappi che anche se non ti conosco hai tutto il mio appoggio … Ti auguro di avere una vita splendida e piena di amore !

    Ps: spero un giorno di riuscirci anche io 🙂

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili