Salta i links e vai al contenuto

Se mi trovo in un gruppo non sto bene, mi sento a disagio

Buongiorno!
Ho deciso di scrivere perché ho bisogno di sapere cosa ne pensate voi del mio stato d’animo! Ho quasi 37 anni e da 4 anni non ho più una relazione con una ragazza, da quando mi sono lasciato, dopo una bellissima relazione durata qualche anno. Da allora non ho più cercato niente, ho conosciuto parecchie ragazze ma non ho la più minima voglia di tentare di costruire un rapporto, ho come un blocco, un rifiuto al provarci. Ho un carattere introverso, ma ho sempre avuto amici con cui uscire e divertirmi. Da qualche anno le cose stanno cambiando, mi trovo a disagio nelle grosse compagnie, preferisco uscire magari con un amico ma quando mi trovo in un gruppo di amici iniziano i problemi. Il mio carattere chiuso e introverso non mi permette di aprirmi e di conseguenza all’occhio degli altri sembro indifferente, antipatico cosa che non sono per niente conoscendomi! Ho un bel lavoro che mi permette di stare a contatto con la gente e dal punto di vista lavorativo sto bene.
Il problema sorge quando devo confrontarmi con gli altri al di fuori del lavoro, se mi trovo in gruppo non sto bene, ho l’impressione di avere pochi argomenti di cui disporre, di conseguenza mi sento a disagio e il non essere simpatico agli altri mi porta a chiudermi e a evitare di confrontarmi. Sto bene da solo questo è il fatto, ma in questa maniera diventa difficile conoscere una ragazza, non so cosa fare e come risolvere questo mio stato d’animo!

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia - Me Stesso

5 commenti

  1. 1
    unless -

    si tratta mica di fobia sociale?…. ha mai parlato con un medico?

  2. 2
    Paolo25 -

    Può anche darsi unless…ma forse non proprio. Io ho gli stessi suoi problemi e adesso che, come ai la mia rande storia d’amore si è chiusa è come se quello che avevo prima si fosse moltiplicato per100. Credo che il problema del nostro amico sia dovuto principalmente alla relazione conclusa…da li credo che lui abbia attivato la convinzione che non riuscirà a rendere felice chi gli sta accanto e da li deriva anche il fatto che non ha voglia di provarci con nessuna…credo che sia una mancanza di fiducia in se abbastanza importante e il lavoro che ha non basta a tappare questa falla. Conosco la fobia sociale (non personalmente ma indirettamente) è la fobia sociale ti spinge a non provare neanche a confrontarsi con gli altri…gli affetti da fobia sociale tremano al solo pensiero di uscire di casa e se lo fanno si distanziano kilometri dai propri coetanei… Lui ha solo perso la fiducia in se stesso…spero risponda presto per poter confermare o smentire la mia idea (io mi ci ritrovo in lui con l’aggravante che io non ho nessuno con cui uscire(

  3. 3
    andrea75 -

    Buongiorno a tutti!
    Vi ringrazio per le vostre risposte. Sto leggendo parecchi articoli riguardo la Fobia Sociale e mi ci ritrovo dentro su parecchi punti. Il fatto di non avere fiducia in me stesso, di evitare le feste, mi viene solo il mal di stomaco a pensarci, di non stare per niente bene in un gruppo di amici, mi sembra di essere un estraneo, un pesce fuori dal’acqua, ho sempre l’impressione che se inizio un argomento agli occhi degli altri non frega niente a nessuno. Non posso pensare che sia solo una mancanza di fiducia in me stesso in quanto sono passati ben 4 anni dall’ultima storia con una ragazza. 4 anni sono tanti e io continuo a non avere nessun stimolo nel cercare un incontro e tante difficolta’ in una compagnia di amici. Sto bene da solo ma continuando in questa maniera rimarro’ completamente solo! Non so cosa pensare!

  4. 4
    cassandra8 -

    Ciao “Andrea75”! Probabilmente il tuo disagio, come dice anche “Paolo25”, è dato proprio dal tuo malessere, causato dalla fine della tua storia. Capita, quando non si sta bene con se stessi, di non riuscire a stare con gli altri. Capita di sentirsi soli in mezzo a tanti, inadeguati, con pochi argomenti e magari sempre gli stessi e si ha paura di annoiare l’altro. Ma tu devi cercare di riprenderti e di “buttarti nella mischia”. Cerca di superare questo disagio, magari facendoti aiutare da quegli amici intimi che dici di frequentare con piacere. Te lo dice una che sa cosa significa!
    @ “Unless”: sai anche io credo di appartenere a quel genere di “disturbo”. Ho letto varie cose, ma ultimamente ho visto un documentario e ho riflettuto. La fobia sociale, probabilmente, è solo tipica timidezza, spacciata dai dottori come disturbo per poterci guadagnare insieme alle case farmaceutiche.

  5. 5
    Paolo25 -

    Andrea ti capisco tanto sono nella tua stessa situazione…per esempio adesso ore 20 e 19 sono tornato a casa dopo un ferragosto passato a trovare zie e parenti (anziani tutti) in compagnia di mia madre, mio fratello e la ragazza…siamo poi tornati a casa di una zia dove avevamo pranzato e mio fratello aveva accompagnato la ragazza a casa sicuro che io sarei andato poi con loro (lui e la sua lei e con altri amici) a Leuca. Quello che nessuno ha previsto è un improvviso scoppio di rabbia (per carità non centrava niente nessuno) ma vedere tutto il giorno mio fratello con la ragazza,la visita perenne a zie e zii, e il ritrovarmi poi con gente che per carità sono amici miei ma con i quali non condivido niente (quasi tutti fidanzati) ha fatto scattare in me qualcosa…e adesso sono qui pensando a lei aquella lei che prima mi ha lasciato poi non si è fatta più sentire tranne che per rivolere le sue foto indietro…quella lei che molto sicuramente sta passando ferragosto con quello str**** e il fesso qui presente che ne paga le conseguenz…l’altro giorno ho tentato il suicidio perchè non ho retto più poi ho rigettato e ancora mi chiedo il perchè…ti capisco in tutto andrea e prendi in considerazione questo perchè la tua non è fobia sociale…e tutto partito da 4 anni fa lo so perchè sto passando la stessa cosa….

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili