Salta i links e vai al contenuto

Gli asociali

Lettere scritte dall'autore  strazio
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 7 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

56 commenti

Pagine: 1 2 3 4 6

  1. 11
    ex leader ora asociale -

    Io sono un ex leader di una bella comitiva di adolescenti degli anni ottanta.Ho sempre creduto nella forza del gruppo,ma il bullismo dilagante ha spostato la leadersheap dai brillanti ed ingegnosi verso i prepotenti ed gli affiliti.Io non mi sento pecora o leader di un branco di pecore e pr questo che a 42anni mi ritrovo solo come in cane,con uno spiccato senso civico calpestato quotidianamente dalle mode e dalle furberie.Preferisco morire solo che circondato da ipocriti.Lìdea di “associarci” tutti noi asociali é bella!Facciamolo!

  2. 12
    davide -

    Purtroppo viviamo in una società permissiva e vòlta all’individualismo. Esempio di frase individualista: “Stò bene io = Stanno bene tutti”. Così è impossibile combattere il bullismo. I bulli andrebbero isolati e ridicolizzati dal resto della comunità fino a quando non cambieranno atteggiamento.

  3. 13
    Corsara -

    Anch’io sono sempre stata – dicevano – chiusa ed introversa. Da piccola non capivo cosa volessero dire, per me era normale stare sulle mie, essendo figlia unica ed avendo avuto poco dialogo con i genitori. Ho sempre sofferto stando in qualche gruppo, perchè venivo sempre emarginata e criticata, quindi ho finito per preferire starmene isolata.
    Poi se non accetti le condizioni che gli altri vorrebbero importi, vieni maltrattata o esclusa. Di solito dovevo sempre accettare di fare quello che volevano gli altri per avere compagnia, le mie proposte venivano sempre scartate. Così per fare quello che volevo realmente dovevo farlo da sola. Sono stata mobbizzata sul lavoro (allora non c’erano leggi di tutela), aggredita per strada 2 volte (non in modo grave, per fortuna), e molestata da stalking telefonico. Adesso sto diventando sempre più asociale, mi rifiuto di stare in mezzo a gente che trovo sempre più volgare, ignorante, maleducata, interessata e prevaricante. Mi trovo sempre più spesso meglio da sola.

  4. 14
    Sara -

    Ciao a tutti. Oggi è l’ultimo dell’anno. Uno dei giorni più odiosi, xké ti senti ancora più solo. Eppure non mi sento di invidiare chi si vuole divertire x forza, beve e si ubriaca oggi xké si DEVE fare. Soldi buttati in Cenoni dove fai la fame e ti trovi a tavola con tante maschere,gente falsa ed ipocrita, vuota. Pailletes e trucco pesante, Grandi aspettative dall’anno ke verrà. Io, se potessi, oggi me ne starei su una spiaggia,sotto il sole, a bere un succo di frutta, a leggere un bel libro. Lontana dal rumore di questa società malata. Sarebbe bello fare 2 chiacchiere con chi mi capisce! Xke in fondo non siamo noi quelli soli.. Un abbraccio a tutti.

  5. 15
    Gianni -

    @sara
    sarò solo anch’io stasera.
    Io sono di Milano e tu?

  6. 16
    davide -

    Brava Sara anche io vorrei stare su quell’isola 😉

  7. 17
    Sara -

    Buon anno a tutti! Io scrivo dalla Sardegna. Per fortuna qua è abbastanza facile stare fuori dagli schemi…non ti senti così “obbligato” ad uniformarti ad una società in continuo mutamento, anzi… Io credo che la “colpa” di tutta questa ipocrisia sia della società moderna, del consumismo, dell’eccellere per forza in tutti i settori, essere migliori degli altri perchè HAI più degli altri (ed intendo i beni materiali ed i soldi). Sono reduce della fine di un rapporto con una persona narcisista che pensava di essere migliore di tutti (me compresa) perchè aveva più di tutti (secondo lui), sapeva fare tutto meglio degli altri, aveva una posizione sociale importante..per questa persona l’apparenza contava più di tutto. Ma per carità… Non credo che gli “asociali” siano persone misantrope che non stanno bene con gli altri (così come ci definirebbero i più), siamo solo persone speciali, diverse, magari semplici, che non si adeguano alle ipocrisie ed alle falsità della società. Per essere individui accettati, dobbiamo in realtà essere ed avere come tutti gli altri, in questo modo perdiamo la nostra individualità ed il nostro valore unico.

  8. 18
    Fabrizio -

    @Sara
    Ciao Sara, mi ha fatto molto piacere leggere quello che hai scritto perche’ mi ci ritrovo profondamente, specialmente quando parli del consumismo e del rifiuto dei valori che in questa societa’ sembrano prevalere. Faccio molta difficolta’ a trovare persone con cui riesco a comunicare questo mio disagio, e per questo mi piacerebbe avere la possibilita’ di parlare con te e di scambiarci qualche opinione, anche semplicemente via email. Chissa, magari fondiamo un club delle persone asociali, un po’ un ossimoro … ma forse no, perche’ tra di noi magari si potrebbe stare bene visto che abbiamo delle aspettative diverse dalla massa..!
    Ciao
    Fabrizio

  9. 19
    Sara -

    Ciao Fabrizio, grazie a te per la risposta! Effettivamente la parola “asociale” è orribile. Io per prima vorrei avere una bella cerchia di amici con cui condivedere passioni e pensieri “sani”, veri, senza vergognarsi, senza falsi moralismi o falso bigottismo, senza dover fare per forza quello che fanno tutti e per questo sentirsi sfigati. Sarebbe bello fondare un blog, ma non chiamiamolo “noi asociali”, piuttosto “noi siamo unici perchè LIBERI”. La mia mail è rassar77@gmail.com
    Due chiacchiere fanno bene a tutti, anche a chi SEMBRA estraniarsi dal mondo 😉
    Ps: qualcuno sa come si fa un blog??
    Buona notte a tutti 🙂

  10. 20
    lalla -

    Sara ti ho mandato una email con un link per crere un blog.

Pagine: 1 2 3 4 6

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili