Salta i links e vai al contenuto

Giorgio Santelli, giornalista RAI “smemorato”

Ho assistito proprio adesso (16:24 del 7 ottobre) su RAI NEWS 24 alla cronaca della giornata politica sul cosiddetto Jobs Act in discussione al Senato.

Il giornalista Giorgio Santelli  diligentemente e senza fretta  ha spiegato le posizioni di tutti i partiti sulla legge delega.

Ha parlato del PD citando le posizioni di Renzi, Damiano, Civati, Bersani e Mineo, ha parlato del NCD citando la posizione di Alfano, poi è passato a Forza Italia e qui ha spiegato cosa ne pensa Paolo Romani e persino cosa ne pensa Maria Bernini, infine ha parlato di SEL e della Lega indicandoli come “le posizioni delle altre forze politiche” … e qui si è fermato.

E il Movimento 5 Stelle? Il più votato partito alle ultime politiche con il 25% e oltre 8,5 milioni di voti, l’unica vera forza di opposizione, attivissima nel contrastare questa buffonata del Jobs Act? 

Non è stato nemmeno citato! Le “altre forze politiche” sono SEL e la LEGA e l’unica vera opposizione viene “dimenticata”!

Oggi si è rafforzato il sospetto che ho già da tempo, e che anzi è diventato per me certezza,  e cioè che la RAI, in mano ai partiti, cerchi deliberatamente di far dimenticare il Movimento 5 Stelle semplicemente NON PARLANDONE PIU’.

Vergogna Santelli, vergogna RAI !

L'autore ha scritto 32 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cittadini - Politica

2 commenti a

Giorgio Santelli, giornalista RAI “smemorato”

  1. 1
    Angelo 9 -

    Non è una novita’ che la Rai – e non solo – faccia da strumento alla propaganda di regime e affinché ci si dimentichi del pericoloso avversario. Il problema è che troppi italiani si informano ancora e soltanto con la tv. Andate sul web, cercate sul web, oppure accontentatevi di telegiornali e programmi genuflessi e complici del regime.

  2. 2
    rob -

    Buongiorno…e ben svegliato!! desidera un caffè??

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili