Salta i links e vai al contenuto

Enel gas: incubo appena iniziato

  

Salve a tutti, volevo raccontarvi un fatto che mi è appena successo e che ha dell’assurdo.
Da ormai tre mesi ho preso in affitto un mini appartamento con la mia fidanzata.
Per fare i contratti delle bollette ho dovuto sudare un po’ perché l’affittuario che ci abitava prima ha lasciato bollette da pagare, però ce l’ho fatta, ho spedito i contratti ed ho cominciato a pagare le prime bollette.
Tutto sembrava andare per il verso giusto, quando ieri, 3 novembre 2010, mi alzo per fare colazione e cosa trovo? Il gas non va.. esco e guardo il contatore, sigillato con tanto di targhetta che mi dice: “Il suo fornitore di gas metano ha imposto il sigillo a questo contatore, ecc… “.
Ho subito chiamato enel gas, e dopo parecchi minuti di attesa mi risponde la solita signorina, che dopo aver controllato il mio contratto, mi dice che effettivamente è stato un loro errore e che manderanno al più presto un tecnico a riattivarmi la fornitura.
A questo punto, siccome non ho avuto tanta fiducia nelle sue parole, ho richiamato il giorno seguente, e cosa mi dicono??? Che il mio contratto non esiste e che devo pagare circa 230€ per chiudere il contratto del precedente affittuario!!
Chiamo una seconda volta, e mi dicono lo stesso, solo che la cifra da pagare, non so perché, è cambiata da 230€ a 180€!! Ho la brutta sensazione che dovrò andarmene di qui per colpa di un ente che invece di vendere un servizio, vende solo bugie e prese per i fondelli.
Vi farò sapere se succede qualcos’altro di interessante. Intanto io non posso nemmeno farmi una doccia o prepararmi da mangiare.. Buona giornata a tutti.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Consumatori

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili