Salta i links e vai al contenuto

Emozioni (2)

  

Stamattina mi sono svegliata e ho sentito ancora una volta la necessita di condividere le mie emozioni, ma come sempre mi bastano pochi secondi per realizzare che non posso farlo più…. perché sono rimasta sola.
Quattro anni fa mio marito, il compagno che avevo scelto per condividere l’incredibile viaggio della vita, mi ha lasciato…. la leucemia ha stroncato la sua giovane vita e la mia.
La sua sofferenza, durata due anni è viva nella mia mente, sento le sue parole di speranza, sento tutta la forza e il coraggio con cui ha cercato di vincere la battaglia per la vita…. ma neanche il grande amore che ci ha sempre uniti è riuscito a vincere la morte.
Oggi mi sento una persona svuotata, di me, di quello che ero è rimasto solo un ricordo, sono il fantasma di me stessa…. non so se riuscirò mai a riprendere a respirare.
Sono in apnea da quando lui ha smesso di respirare, vivo perché sono viva e perché inconsciamente una piccola parte di me ancora spera che lui la sera torni da lavoro e mi abbracci forte facendomi sentire al sicuro.
Quando la sera guardavamo la tv seduti sul divano, lui mi teneva stretta sul suo petto ed io mi sentivo in paradiso niente mi poteva toccare, ero felice, serena.
Oggi sono sola…. gli “amici” sono scomparsi in pochi mesi e per me è così difficile ricominciare che sono sempre chiusa in casa esco solo per commissioni importanti, necessarie….
Lui era allegro, organizzava le serate con gli amici….. un ottimista, mi manca tantissimo, spesso il silenzio di casa diventa assordante… mi sento terribilmente sola!!!!!!!!!!!!

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

8 commenti a

Emozioni (2)

  1. 1
    fio -

    Ciao Cara Roberta,
    mia ha veramente toccato leggere la tua lettera. Purtroppo a volte la vita ci toglie le cose + belle e importanti della nostra vita… ogni giorno la vita ci mette alla prova. Anch’io in un certo senso ho subito dei grandi dispiaceri, ma giorno per giorno cerco di vedere le giornate in modo diverso, e cerco di riempire le stesse nel migliore dei modi.

    Sono sicuro che lui di guarda da lassù, e sarebbe molto dispiaciuto vederti in questo stato, pertanto cerca di riprenderti la tua “vecchia” vita, sono sicuro che tuo marito ti vorrebbe felice, in quanto lui è sempre presente nella tua vita. Inerente gli amici… i veri amici non ti lasciano MAI E POI MAI, anzi nei momenti di bisogno sono i primi a porgere la mano nei momenti difficili.

    Un caloroso saluto.
    Fio

  2. 2
    Agen -

    Non so di preciso come commentare questa tua lettera, non so cosa vuol dire perdere in quel modo la persona che si ama, non avendolo provato sulla mia pelle non credo di avere gli strumenti necessari per darti nessun consiglio, anche se la mia indole tenterà comunque di dartene, solo l’idea del dolore che devi aver provato mi fa stare male e le tue parole giuro che mi hanno molto commosso. Solo mi piacerebbe che tu non perdessi la speranza, di una vita serena, di reinventarti, di gioire, di vivere, perché tu sei ancora qui e devi dimostrare a te stessa e a lui che puoi stare bene, probabilmente lui vorrebbe vederti felice. Dici che non esci mai di casa, e credo anche che sia abbastanza normale visto quello che hai passato, prova magari a concederti una passeggiata, ricomincia dalle piccole cose, senza fretta, cercando di non aspettarti ne troppo ne troppo poco da te stessa. Un abbraccio.

  3. 3
    emilio -

    cavoli….leggendo queste poche righe che hai scritto mi è venuta la pelle d’oca e non solo; in un certo senso posso capire il tuo vuoto anche se è una situazione totalmente diversa….da quando ci siamo lasciati io e la mia ex ( la ragazza dei miei sogni) non vivo piu, ancora oggi ho un vuoto che mi pervade, che mi annulla, nulla ha piu senso..nulla… ma il mio dolore rispetto al tuo è nulla.
    Mentre ti sto scrivendo ho una lacrima che solca il mio viso perche mi vengono in mente ricordi, situazioni in cui l’abbracciavo e le dicevo che l’avrei sposata….ho un nodo allo stomaco…..

    Mi dispiace davvero quello che ti è successo e quello che stai provando ma da lassù lui sicuramente vorrà la tua felicità e vedendoti che sei triste per lui sarà triste anche lui stesso.

    Spero che riuscirai a prendere la tua vita in mano te lo meriti ….lo spero davvero con tutto il cuore perche anche se non ti conosco leggendo quelle poche righe ti reputo una persona speciale …e una persona speciale merita una vita speciale…

  4. 4
    roberta -

    Oggi sentivo la necessità di condividere i miei pensieri e l’ho fatto con voi,anche se non vi conosco mi avete regalato parole di conforto semplici e sentite. Grazie!

  5. 5
    Daniele -

    In questa triste storia credo di poter dire che è quella in cui vi sono più sentimenti che io abbia mai avuto modo di leggere. Il percorso che scegliamo alcune volte ci viene imposto dal fato e pertanto ci troviamo di fronte a delle situazioni che mai avremmo immaginato.
    Il modo ovviamente per ricominciare è ricordarli quando siamo tristi è sopratutto nei ricordi più banali, come ad esempio il modo in cui giravano il cucchiaino nel caffè o quando si dimenticavano le chiavi della macchina.
    Io non comprendo perché una volta che perdiamo le persone più care ci restano piú vivide queste immagini, forse è solo per il fatto che Dio vuole rammentarci che non siamo perfetti.

  6. 6
    rossana -

    Roberta,
    credo di capire il tuo dolore e il tuo vuoto: a mio avviso, solo perdere un figlio è peggio che perdere un amore.

    quanto ti sto per dire ti potrà sembrare duro ma è quello che sento di esprimerti: cerca di ritrovare te stessa e di rifarti una vita ma valorizza SEMPRE e APPIENO quanto hai avuto di completo e di bellissimo: porta in te, nella parte più profonda del tuo cuore, tutti i ricordi più dolci che questo grande uomo è stato capace di lasciarti, emozioni uniche e vere, che niente e nessun potrà mai far affievolire.

    morir giovani è spesso il miglior modo per non essere corrotti dall’usura del tempo e per poter lasciare alle proprie spalle, nei ricordi altrui, il meglio di sè, momenti rari che non tutti hanno potuto vivere in modo così intenso e completo.

    a questo mondo tutto non si può avere, e tutto ha un prezzo. tu hai avuto molto e sii grata per quanto la sorte ti ha concesso, anche se ora farai fatica a saldare i conti… e quando ti sembrerà più difficile andare avanti, ricordati che in linea di massima non sono molti ad aver provato le tue gioie…

  7. 7
    unless -

    Tempo fa a soli 35 anni è venuto a mancare una persona fantstica che ho conosciuto, il mio maestro di chitarra. Tumore

    Anche lui era felicemente sposato, e immagino solo cosa ha provato e cosa provi lei, me lo sono domandato spesso.

    Vorrei solo dare la mia vita a queste persone che hanno qualcosa da dare in più di me. Ho 28 anni e mi sento solo una nullità, non riuscendo a vivere la mia vita.

    Sicuramente troverai una persona che sappia compensare questo vuoto, te lo auguro di cuore.

  8. 8
    colam's -

    Ho gia’ vissuto la morte da vicino, ma non si trattava del coniuge.

    Io credo molto alle vecchie ricette percio’ te le ripropongo: porta il lutto , per rispetto per lui e per voi, per 6 mesi, 9 mesi, 1 anno, quello che sara’. Ma poi ti devi anche dare il diritto di vivere. Chi muore non vuole vedere i suoi cari morire per lui, ma vuole che vivano la loro vita, voi che potete. Allo stesso modo dovrai un giorno accettare questa morte, e continuare a vivere. Un abbraccio..

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili