Salta i links e vai al contenuto

Dogman, un piccolo film (in tutti i sensi)

Lettere scritte dall'autore  

Ciao,
ieri sera ho visto il film Dogman, che delusione… non tanto per il film in sé, ma per l’ aspettativa che il coro di giudizi positivi e i premi ricevuti, quasi tutti dall’Italia, avevano generato.
Un film povero in tutto: mezzi, storia, sceneggiatura, ambientazione, recitazione.
Sono dell’avviso che una produzione con pochi mezzi a disposizione debba eccellere in quello che non costa: soggetto, sceneggiatura e recitazione e qui non ci siamo proprio, tutto scarso.
Il premio a Cannes 2018 come miglior attore al protagonista Marcello Fonte proprio non l’ho capito… una recitazione completamente inespressiva.
Diciamo che se fosse stato l’opera prima di un regista sconosciuto (e non di Matteo Garrone che aveva diretto il bel film Gomorra), trasmesso in Tv senza clamore in seconda serata, lo avrei apprezzato come un filmettino originale, ma così… NO, mi aspettavo ben altro!

L'autore ha scritto 10 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cultura

1 commento

  1. 1
    Anam -

    Co.e tutti i film troppo osannati. Quando troppi dicono che e’ bello, in realta’ vuol dire che fa schifo. Banale esempio? La grande bellezza, film ultra osannato, e non e’ assolutamente sta gran bellezza in realta’, au contraire.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili