Salta i links e vai al contenuto

Con lui resto sempre a bocca asciutta, in tutti i sensi!

Ciao!
ho 32 anni, sono sposata e madre di 2 figli. Sono piacente, fisico asciutto malgrado due gravidanze…. allora viene spontaneo chiedermi che cosa c’è che non va! Io e mio marito abbiamo perso la serenità di coppia e lui fa finta che non c’è niente che non vada. Dice che a me non manca nulla, ma io sono stufa di recitare. Sono sempre io che devo prendere le decisioni dove andare, cosa comprare, cosa mangiare, come vestirsi, cosa regalare, … e se decido qualcosa che va fuori dai suoi schemi va in paranoia. Alle volte credo che lui abbia bisogno di una mamma più che di una moglie. Sua madre ha un rapporto così morboso e possessivo con lui lo fa sentire sminuito e inutile. Lui ha sempre paura ad affrontare le cose, le situazioni a lui insolite. Basta una vacanza in un posto dove lui non vi è mai stato e va in paranoia. Sono stanca di vivere accanto ad un uomo così infantile, ultimamente è anche peggiorato. Vuole fare l’amore quando vuole lui ed io devo sempre essere disponibile, non sa più come toccarmi, come accarezzarmi, mi viene la pelle d’oca per i suoi modi, l’unico scopo che ha quando facciamo l’amore è solo quello di soddisfare il suo istinto e basta e al diavolo il resto del mondo. Con lui nell’ultimo anno resto sempre a bocca asciutta in TUTTI I SENSI. Ho provato a dirglielo in tutti i modi, in tutte le salse, in tutte le lingue, e appena finisco di parlare lui mi dice che mi ama ed è finito lì il discorso. Mi fa sentire una stupida ogni volta, invece quando si sente ispirato e parla allora mi rinfaccia le mie mancanze, i miei difetti, spesso mi dice le cattiverie, dice che sono aggressiva con lui, che mi aspetto troppo. Altre volte si addormenta mentre io parlo. Mai una volta che lui mi dica per primo che cosa c’è che non vada in me, malgrado io glielo chieda molto spesso lo fa solo per farmi stare male mentre io sto parlando. Ma è davvero aspettarsi troppo essere amati dal proprio marito e desiderare che le cose non cambino? Eravamo una coppia felice e l’arrivo al mondo dei nostri 2 pupi desiderati ha accresciuto la nostra gioia. è stato operato e ora sono tre mesi che sta a casa in convalescenza sconvolgendo i ritmi di tutti quanti. Invece di essere contento e felice che l’operazione è andato a buon fine tien il muso perché non sa che altro inventarsi per lamentarsi. ………. AIUTATEMI VI PREGO! L’unica cosa sensata da fare è quella di chiedere la separazione … ma gli voglio ancora bene.. e poi ci sono i bambini.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

8 commenti

  1. 1
    Ari -

    Il suo problema è di aver sposato una donna intelligente e in gamba e che oltretutto lo ama, avesse trovato una cretina che, oltretutto, gli avesse messo le corna, probabilmente sarebbe cresciuto.
    Credo che la decisione sia tua: o te lo tieni così com’è considerato che ti ama e ti è fedele, o, se proprio non ne puoi più, lo molli e ti rifai una vita.
    Non ti sarebbe difficile.

  2. 2
    cuore e attributi -

    in tutti i sensi…
    ma che signorona che sei…
    sicuro che attualmente è tutto asciutto?

  3. 3
    Paolo cogitoergosum -

    Cara Sciusca,
    leggerti mi provoca dolore infinito, dispperazione e tristezza, e provo pietà per te e ancor più per Peter Pan che ti vive accanto!
    Ma voi donne, siete e sarete sempre incomprensibili.
    E per questo vi amiamo, per questo cerchiamo di capire cosa pensate, cosa significano i vostri no, i vostri “non ho voglia” e i vostri silenzi!
    Ma, da uomo e da maschio, comprendo ancor prima e ancor meglio la personalità di chi ti sta accanto, o meglio di chi, come dici tu, è passato dallla mamma-madre alla mamma-moglie, che è anche puttana-badante!
    Non offenderti per queste parole, sono lo sfogo di un uomo che capisce quanto noi maschi si debba ancora crescere!
    Ma quello che è mancato in passato e che oggi sembrava… possibile ed invece è miseramente crollato sotto il peso del consumismo, compreso il consumismo dei sentimenti, è l’aiuto prezioso che voi donne potevate darci e che molti di noi speravano di aver intravisto all’orizzonte.
    Per ogni uomo infantile c’è una donna quanto meno… stupida al suo fianco!
    Per ogni uomo violento, stronzo, meschino, mammone ed incapace c’è una donna che non si ama, non si stima, non si vuol bene e non vuole capire (anche per comodo) al suo fianco!
    E non ti sta parlando il “saggio” di turno, credimi!
    Anzi, mi ritengo così pieno di limiti e di difetti da aver scelto (anche se non solo per scelta) di rimanere solo a “pensare”, nella speranza che il tempo e l’impegno mi aiutino a diventare migliore e dunque a meritarmi l’amore di una donna con la “d” maiuscola!
    Mi chiedo ogni minuto il perchè non ho saputo “riconoscere” e capire in tempo che l’ultima mia compagna era la mia “principessa”. Che ci eravamo davvero “incontrati!
    E poi leggo l’ennesima storia come la tua.
    Ho conosciuto decine di donne come te, in un certo senso sembra che sia scoppiata un’epidemia, ormai. Ci sono migliaia di donne che si ritrovano sole o separate in casa, con o senza figli, e che alla giovanissima età di 30-40 anni sono disperate per la “presa di coscienza” che tutto è cambiato, che tutto è finito e insopportabile.
    Ma quanta responsabilità avete in tutto questo? Ce la fai a chiedertelo? Ce la fai ad aiutarmi a capire cosa vi succede e cosa ci succede?
    Da una parte dei pazzi scatenati discutono sul “pene piccolo”, più in la ci sono gli “scambisti di coppia”, se ti sposti ancora trovi quello che chiede di “pregare perchè lei ritorni”. Per finire con quello che sta impazzendo perchè la moglie non era vergine come lui, e avrebbe dovuto dirglielo e flagellarsi per la colpa!
    Qual’è il senso di tutto ciò? Dove stiamo andando? Eppure, a leggere con ironia si direbbe che siamo tutti più liberi. Oggi si può trombare in 7, farsi l’amante in ogni città, torvarsi una strafiga su internet oppure farsi massaggiare con ostentazione dal solito finocchio di turno, in nome di una ritrovata libertà di azione e di parola!
    E tu sei stanca?? E che aspetti? Guarda un po’ più spesso gli anziani, per la strada, e… capirai!
    Ti abbraccio!

  4. 4
    Paolo cogitoergosum -

    Ma scusami, cara scuscia,
    sto continuando a leggere e rileggere la tua lettera e qualcosa, come al solito, non mi torna!
    Eravate una coppia felice?
    I figli hanno rinsaldato il rapporto?
    Lui è sminuito dalla madre?
    Basta una vacanza per renderlo agitato?
    Non sa come toccarti??? Ti viene la pelle d’oca??
    E’ aspettarsi troppo l’essere amati dal proprio marito??
    Eravate una coppai felice??
    Sciusca… mi fai impazzire!!
    E tu dov’eri??
    Quanto hai dovuto anche tu far uso della tua infantilità e della tua stupidità per aver “fatto finta” di non vedere sino a questo punto?
    Io ho avuto due grandi storie d’amore, una durata 11 anni ed una 3 ma, vivaddio, che io sia fulminato se non sapevo e capivo tutto!
    Sia il motivo della mia felicità che il motivo della mia tristezza e disperazione al fianco delle mie donne!
    Ma quanto, quanto ancora si dovrà aspetttare per iniziare a capire qualcosa??
    La madre di tuo marito è morbosa? Nulla di più facile!! Ma tu vali come il due di coppe??
    Perchè non ti sei fatta tutte queste domande quando eri in tempo???
    COmplimenti, avete fatto due figli, la cosa più semplice!!
    Sai cosa mi fa davvero disperare??
    Che come te altre miglaia di donne si ritrovano con 2-3 figli alla tua età e, disperate, si ritrovano pure sole e chiaramente più in difficoltà nel ricostruirsi una vera nuova unione!
    E a noi non ci pensi?? Non ci pensate??
    Avete voluto sposarvi presto, col l’abito bianco, i confetti e il viaggio di nozze??
    VI siete volute sposare la feccia della feccia, magari perchè vi ha portato la dote o perchè aveva un buon lavoro, o solo perchè era tanto figo???
    E adesso che dovremmo farci?
    A me chi rimane?
    Vorrei incotrare ancora una donna, nella mia vita, e posto che non è “sano mettersi con una 24enne per uno che ha raggiunto gli “anta”, debbo per forza sorbirmi una 35 enne che non ha capito nulla, che ha uno o due bimbi e che cerca solo di accasarsi nuovamente, perchè sente l’acqua arrivarle al culetto??
    Aiutami tu, allora, anzichè chiedere solo aiuto!!!
    PErchè non hai capito prima??
    Certo, risponderai come al solito, come tutte! CHe prima lui era “diverso”, era migliore, era più comprensivo! Giusto?
    Ma come, cazzo, anche la natura vuoi stravolgere??
    DI solito, un uomo, una donna, un essere pensante conl passare degli anni e con l’esperienza (e col dolore, con gli errori e con le lacrime) tende a migliorarsi e anche, pensa te, a migliorare chi gli sta accanto!
    Possibile che tu e migliaia come te vi becchiate sempre quelli che “sono cambiati”, che peggiorano, che non sono più “gli stessi”?
    Quanto cazzo di palle vi siete raccontate anche voi, per farvi andar bene sta specie di mammoni vomitevoli??
    E quando incomincierete davvero a dire basta??
    Quando ci aiuterete e ci aiuteremo a ricostruire almeno il senso del futuro, dell’amore dell’affetto tra un uomo e una donna?
    Dobbiamo proprio lasciarsi sommergere dalla rinnnovata ondata di “transgenders” ed omosex che sembrano ormai i padroni del mondo?!?!???

  5. 5
    uomotriste -

    Paolo cogitoergobooo… dispensi critiche a più non posso, a chi si ritrova un marito un pò piatto, a chi fà scambio di coppie, a chi si fà le seghe mentali a stabilire le misure esatte del pene e a chi pretendeva che la sua ragazza fosse vergine visto che “egli” lo era!
    Ma il vero “trombato” senza famiglia in questo forum sei proprio tu! Hai fallito in ben due storie d’amore come la racconti tu, e critichi chi con tanti sacrifici ha tirato sù una famiglia e dei figli (hai detto ci vuole poco a farli), VERGOGNATI! Non capirai mai il valore dei figli!

  6. 6
    Paolo cogitoergosum -

    critica quanto e come vuoi… uomo triste!!
    Io nn dispenso alcuna critica. Torna a scuola ed incomincia a saper distinguere la critica ed il giudizio, dal pensare!
    Sei tristemente figlio di una cultura nata apposta per massificare e per classificare!
    I figli, egregio uomo triste dovrebbero essere ben di più che sacrificio. O molto di meno!
    E fallito è chi si sente tale non chi crede comunque di aver vissuto, sbagliando sopattutto.
    Il tuo astionei miei confronti, per averti detto schiettamente ciò che penso, è comprensibilissimo!
    Illustre uomo triste, scendi dal tuo piedistallo e comincia a capire i tuoi fallimenti, che nessuno giudica ma che ti srvirebbero soltanto a non fare altro male a persone che non lo meritano!
    Sei libero di essere ciò che vuoi, non sarai mai libero di far subire ad altri ciò che le tue paranoie ti impongono, volendo anche far credere che sono “belle” e giustificabili!
    Io mi vergogno ogni giorno, anche per te!

  7. 7
    uomotriste -

    No, Paolo Rigurgitoergosum, è importante nella vita ciò che si fà, e non ciò che si dice! Siamo pieni di opinionisti che fondamentalmente non fanno nulla, come dici tu pensano (io dico giudicano chi fà) e non producono nulla!
    Tu sei uno di quelli! Uno di quelli che crede di sapere tutto ma non ha mai fatto NULLA!
    Già la presenza assidua in questo sito fà capire quanto da fare hai nella vita, le persone come te sono molto pericolose perchè affondano con parole taglienti nell’anima di chi magari ad un certo punto della sua vita ha un momento di stanchezza di smarrimento, di debolezza.
    Per te è facile attaccare una ragazza di 32 anni madre di 2 figli che magari non ha avuto una vita in passato così deludente, ma oggi si trova accanto un marito poco premuroso, poco vicino al suo ideale di uomo che vorrebbe accanto: certo tu sapresti cosa fare, non faresti nulla, nel senso che non ti saresti mai sposato e non ti troveresti mai in una situazione simile.
    Il mondo è pieno di parassiti letterati come TE!
    Le tue sono braccia rubate all’agricoltura!

  8. 8
    Paolo cogitoergosum -

    Come al solito, i disperti come te resistono poco a parole “vere” e dirette. Passare all’offesa è la cosa che tu e milioni come te sanno fare meglio di ogni altra cosa. In aperta e chiarissima contraddizione, caro uomotriste e penoso, prima dici che le “parole” come le mie sono aria fritta e sono il “nulla”; poi però affermi che sanno essere taglienti. Certo che lo sono! E sempre lo saranno, per cercare di fermare persone come te, pericolose per gli altri prima che per se stesse!
    E io dall’agricoltura non mi sono mai distaccato, e sono molto più immerso di quanto tu creda!
    Ma nn sto certo perdendo tempo per sentire le tue astiose parole “uterine”!
    Se tui sapessi capire, dopo aver letto, avresti capito che io non ho “attaccato” la giovane madre di 32 anni.
    Anzi!
    L’ho solo messa di fronte alla sua fetta di responsabilità, perchè lei e molte donne come lei sono invece la parte migliore della nostra società, se solo non si svendessero proprio a uomini piatti e insignificanti, dei quli tu sei un esempio perfetto!
    Ora torna pure alle tue seghe mentali sulle colpe di tua moglie per la sua “vergintà” mancata! Ma abbi almeno il coraggio di prenderti le tue responsabilità, lasciala stare, ripudiala sdegnato, ma lasciala vivere!
    E corri magari in arabia saudita dove troverai migliaia di mogli “illibate”, pronte ad essere il tuo “zerbino” e capaci di assecondare la tua misoginìa abnorme!

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili