Salta i links e vai al contenuto

Dipendenza affettiva come uscirne

Lettere scritte dall'autore  81mylife
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

27 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 11
    charliebrown -

    “Tutti mi dicono che é uno squilibrato e quindi non mi merita…non gli devo rispondere…devo toglierlo dalla testa…”

    – innanzitutto potresti provare a smetterla di sentirti in colpa, stupida, scema per esserci stata tutto questo tempo (ormai quello è tempo perso e buttato, ma se da OGGI decidi di allontanarti, inizierai a guadagnarne, di tempo);

    – non “devi” fare nulla perchè te lo dice tua madre, tutti i tuoi amici, o la tua parte razionale. TU, nella parte più profonda di te stessa, cosa provi? Mi sembra di capire che hai quasi paura di questa persona, te ne vuoi allontanare. Non è che DEVI lasciarlo perchè “è cattivo e quindi i cattivi si lasciano”, lo farai perchè è quello che senti, quello di cui hai bisogno. Non devi dare giustificazioni a nessuno se non a quello che più profondamente vuoi. Tantomeno a lui. Non capisce i tuoi motivi? Problemi suoi, tu glieli hai detti in italiano. Gli hai dato tutti gli strumenti per capire la situazione, gli hai dato più volte seconde opportunità. Continua a non capire perchè l’hai lasciato? è una sua mancanza.
    Non c’è bisogno che tu impazzisca appresso ai suoi capricci o alla sua ignoranza affettiva. Non gli devi nulla. Nessuna spiegazione in più rispetto a quelle che hai già fornito.

    Penso che le persone molto spesso provino ad aiutare facendoci “aprire gli occhi”, dicendoci “quello è uno ****, DEVI lasciarlo!” ma questo ci confonde ancora di più, perchè una parte di noi ancora vede il buono che c’è in loro, ci sentiamo “costrette” a far qualcosa che magari non sentiamo al 100% e questo paradossalmente ci lega ancora di più alla situazione stessa.
    Tappati le orecchie, e vedrai che senza i consigli e le sgridate di nessuno riuscirai a capire quello che ti fa star bene veramente (e tutti meritiamo di star bene, senza dar giustificazioni di sorta a nessuno)

  2. 12
    ets -

    Generalmente quando permettiamo alle persone di farci così male è perché, in fondo in fondo, non stiamo bene e non siamo in pace con noi stessi.
    Poi c’è la cosiddetta sindrome di stoccolma, Sai, generalmente le persone tendono, piuttosto che fuggire, ad abbracciare chi fa loro del male e a provare anche pietà e compassione. Forse è un meccanismo di autodifesa innato e di conservazione della propria vita: se tizio mi vuole uccidere gli faccio capire che io sono totalmente asservito/a e dunque forse mi risparmierà la vita.
    Ovviamente questo funzionava nelle barbarie, oggi però questo comportamento innato si tramuta in una gestione totalmente sballata della vita id coppia.
    Anche io in passato ho avuto donne che nonostante si comportassero male, ricevevano da me sempre nuove chances per rimediare (entro certi limiti, poi alla fine tagliavo le relazioni, ma dopo molto tempo).
    Però era ovvio che il problema fondamentale non erano loro, ma ero io.
    A te serve solo un po di calma e tranquillità, taglia totalmente i ponti con quel tizio, no contact a manetta e piano piano, tutto si sistemerà. Pensa al tuo lavoro e poniti degli obiettivi!
    Ci vorrà del tempo, magari molto tempo. Però sei forte e ce la farai.

  3. 13
    Golem -

    Ciao Mylife. Mandalo a cagare, anche se è stitico e forse gli faresti un favore. Ti ha rovinato abbastanza la vita e si è mangiato la tua dignità. Non ti basta? La tua non è una dipendenza affettiva. È una dipendenza “effettiva” e basta.

  4. 14
    81mylife -

    Cari tutti, mi sembra impressionante come il problema sia chiaro e lampante agli occhi di tutti. Mi chiedo come ho fatto ad essere cieca io e ad andarci avanti finché sono arrivata a questo punto. Vi riporto una storiella che spiega bene come si finisce in questo vortice: “Immaginate un pentolone pieno d’acqua fredda nel quale nuota tranquillamente una rana.

    Il fuoco è acceso sotto la pentola, l’acqua si riscalda pian piano. Presto diventa tiepida. La rana la trova piuttosto gradevole e continua a nuotare.

    La temperatura sale. Adesso l’acqua è calda. Un po’ più di quanto la rana non apprezzi. Si stanca un po’, tuttavia non si spaventa.

    L’acqua adesso è davvero troppo calda. La rana la trova molto sgradevole, ma si è indebolita, non ha la forza di reagire. Allora sopporta e non fa nulla. Intanto la temperatura sale ancora, fino al momento in cui la rana finisce – semplicemente – morta bollita.

    Se la stessa rana fosse stata immersa direttamente nell’acqua a 50° avrebbe dato un forte colpo di zampa, sarebbe balzata subito fuori dal pentolone.

    Questa esperienza mostra che – quando un cambiamento si effettua in maniera sufficientemente lenta – sfugge alla coscienza e non suscita – per la maggior parte del tempo – nessuna reazione, nessuna opposizione, nessuna rivolta.”

    Grazie charliebrown. Cosa vorrebbe una dipendente affettiva? Riavere la sua droga. Ecco cosa vorrei nel mio cuore. Ma la mia testa ha detto stop. E non seguo soltanto i giudizi delle persone che mi hanno vista deperire, seguo anche quella vocina dentro di me che si é ribellata, che mi dice che l’amore é qualcosa di diverso da così, quella vocina che mi ha spinto a chiedere aiuto, in psicoterapia fino ad arrivare sino a qui, a chiedere parere su un forum e a stupirmi dell’importanza che mi avete dato.

    Perché una dipendente affettiva ha sicuramente dei problemi con se stessa, problemi che diventano varchi profondi quando trovano persone che ne scorgono il pungiball per affermare la propria forza, il proprio potere e narcisismo. E quindi mentre scrivevo la mia storia mi sentivo così stupida e sbagliata che ho pensato che nessuno l’avrebbe Letta e commentata. Invece il mondo é ancora pieno di persone che utilizzano le loro parole per fare del bene se scorgono una 34enne così sciocca da ridursi in questo stato. Grazie, di cuore.

  5. 15
    Sofia -

    Cara mylife….sai quel detto..: che a volte bisogna cambiarla la minestra perché riscaldata troppe volte alla fine fa schifo? Questo ovviamente riferito alle storie d’amore…quelle malate come la tua..in cui ci si lascia e si riprende e poi tutto da capo di nuovo! ma la tua non è solo una storia malata è anche marcia in tutti i sensi…e devi assolutamente salvarti.
    Sei in questo stato perché non sei stata forte a troncare tutto in modo decisivo e radicato fin dall inizio! Ma io ti capisco benissimo..perché in altre forme anche io ci sono passata..ma ora sono cambiata totalmente!
    Quando una donna è innamorata soprattutto in questi casi come il tuo ,spesse volte sa dentro di lei che la relazione va male e che l’uomo è sbagliato! Sa che dovrebbe lasciarlo..ma il più delle volte non lo fa,ci casca e crede di nuovo oppure pensa di cambiarlo o che lui cambierà!nella vita invece appena si capisce che un uomo è sbagliato ,malato mentalmente con gravi problemi psichici e di personalità come il tuo ex,INNAMORATA O NO ALL’ISTANTE BISOGNA LASCIARLO E ALLONTANARSI… ALL ISTANTE!! ma so che tu non l’hai capito ALL inizio..pensavi fosse solo un bastardo e non ti sei accorta dei suoi disturbi..è questo vero che ti ha permesso di nuovo di avere rapporti con lui..pensavi che cambiasse vero? Mi fai tanta pena e tenerezza perché alla fine dici che nessuno ti amerà mai più… Perché tu credi che questo essere ti abbia amato? Se tu non sei in grado di capire da sola che lui non ti ha mai e dico mai amato, non ne è capace e si è visto, allora è grave perché significa che tu non sai nemmeno riconoscere il vero amore! Tu lo hai lasciato e lui ritornava sempre super innamorato..no mia cara lui tornava dal suo giocattolo preferito! Tu eri il suo giocattolo, la burattina malata da prendere per il culo, giocare con te in tutti i sensi e illuderti per poi darti subito la mazzata dopo! Il tuo ex è un perverso malato mentale ma molto astuto e bastardo..gli andavi bene per giocare come passatempo,ma tu invece eri veramente innamorata e chiedevi giustamente affetto amore e dimostrazioni,ecco allora che diventava violento,eri solo un gioco e gli rompevi le palle con le tue richiesta di attenzioni! Dopo un anno ci siete lasciati..tu nel mentre hai avuto altre storie ,quando scopre che stai con un uomo ci riprova e torna da te! Fra sé ha pensato “era il mio giocattolo mi spiace che sia finita, mi va di giocare ancora ,tanto ho potere su di lei ( cioè tu mylife) che è innamorata persa e dipendente da me,e allora è tornato e ci ha provato di nuovo con te! Vuole fare bella figura,e convincerti e ti regala l’anello ma in realtà dentro di lui neanche sa quello che sta facendo!altro tuo errore mylife..gli chiedi il permesso di mantenere le tue amicizie femminili?? TU CHIEDI IL PERMESSO AD UN UOMO?? TI RENDI CONTO DI QUANTO SEI STATA DEBOLE SUCCUBE E ZERBINA? TI RENDI CONTO ORA?..non esiste neanche nell anticamera del cervello che chiedi a un uomo il permesso di vedere le tue…

  6. 16
    Sofia -

    Amiche…primo! Secondo non esiste che lo chiedi a uno psicopatico come il tuo ex..che sapevi già che avrebbe detto di no!ha fatto il finto geloso ,ti urlava che tu non lo mettevo al primo posto ecc..solo ed esclusivamente per farti diventare sempre più debole e dipendente da lui,se era rassicurato che lo amavi,lui poteva andare avanti con il suo gioco!ma a visto che tu all’improvviso ti sei svegliata,ti sei ribellata al suo modo di comportarsi ,hai fatto valere le tue ragioni,ma soprattutto hai smesso di essere zerbino, e lui non poteva piu’ continuare il suo gioco malato! è questo lo ha fatto andare in bestia! Ecco perché della sua reazione violenta,manifestata con ogni tipo di insulti verso di te,accuse assurde che tu hai rubato non sapeva più che inventarsi! Quando ti ha stretto la testa tra le mani,avrebbe potuto stringerti anche il tuo collo! Ricordati che hai avuto perché Tu hai voluto,continuare ad avere una storia con un pazzo! Avrebbe potuto benissimo cercare di strangolarti. Non permettere mai più che un uomo ti prenda la testa in quel modo violento come avrà fatto! Mai più!ti ha detto che è andato in ospedale? ATTENTA,NON È VERO!NULLA DI CIÒ CHE DICE LO È! ATTENTA!STA CERCANDO DI FARTI CEDERE E VOLERTI VEDERE ANCHE PER L’ULTIMA VOLTA,MA LE ULTIME VOLTE SPESSE VOLTE SONO QUELLE FATALI!RICORDA I GIORNALI,LA TV!RICORDA TUTTE QUELLE DONNE UCCISE PERCHÉ GLI UOMINI VOLEVANO VEDERLE UN ULTIMA VOLTA! NON CI CASCARE MAI! MAI! NEANCHE SE TI DICESSE CHE STA MORENDO ED È IN FIN DI VITA E DEVE PARLARTI DI COSE IMPORTANTI E DIRTI ADDIO! MENTIRÀ E MENTIRÀ! MAI DOVRAI CASCARCI MAI! FATTELO ENTRARE BENE NEL CERVELLO QUESTE COSE CHE TI DICO!E TU STUPIDA VUOI ANCORA SCRIVERGLI E DIRGLI CHE TI DISPIACE?!brava! Così inizierài di nuovo un circolo infernale che non avrà mai fine!TU DEVI CHIUDERE PER SEMPRE IN TUTTI I SENSI E IN OGNI MODO POSSIBILE CON LUI!DEVI SOLO DIRGLI CHE TI LASCI IN PACE PER SEMPRE! CHE TU MAI TORNERAI CON LUI! MAI LO VORRAI PIÙ RIVEDERE! E SE LUI PROVA A MINACCIARTI O ANCHE SOLO AD AVVICINARTI A TE,TU CHIAMI ALL ISTANTE I CARABINIERI!CHE DEVE SPARIRE PER SEMPRE! Questo gli devi dire! Non che ti dispiace ! Svegliati! Svegliati ! E salvati ! Pensa a te stessa! Solo a te e alla tua famiglia! E a stare bene!
    Questo con lui è un rapporto malato e marcio ..ti porta solo male e dolore! Anche tu hai amore malato per lui.. Perché come c.... fai ad amare uno così??! Come! Svegliati!e ragiona! Ragiona! Sei cmq una brava ragazza .e avrai tanto amore da dare..ma non a lui!
    Fallo uscire per sempre dal tuo cuore e dalla tua testa! Lui è il male che ti farà fare una brutta fine se ci caschi di nuovo e se non ti dai una svegliata!
    Spero di essere stata abbastanza chiara! E che tu abbia capito!
    Pensa alla tua salute …cerca di uscire da sta merda in cui ti trovi..stacca mente cuore e anima da lui…per sempre! PER SEMPRE .COME SE NON ESISTESSE PIÙ.. HAI CAPITO?!

  7. 17
    Golem -

    “Cosa vorrebbe una dipendente affettiva? Riavere la sua droga. Ecco cosa vorrei nel mio cuore”

    Tutto giusto tranne l’organo nel quale collochi l’effetto di quella droga.
    Si tratta del cervello purtroppo. È questo che diventa dipendente dalle droghe, anche quelle autoprodotte. Il cuore é solo una pompa idraulica, con una prevalenza media che va dai 130 mm di mercurio per la sistolica ai 90 per la diastolica.

  8. 18
    81mylife -

    Sí Sofia, ho capito. Anche la mia famiglia mi ha detto di non incontrarlo mai più per le stesse paure. Non credo che lo farebbe mai, ma di questi tempi meglio non rischiare. Usciró da questa merda e smetterò anche di pensarlo. Ci vuole tempo e forza, e io la voglio avere. La smetterò di pensare:”e se avessi sbagliato io?” perchè certe accuse non si dicono, non si devono dire, tantomeno alla persona che si dice di amare!

  9. 19
    rossana -

    Ets,
    – “Generalmente quando permettiamo alle persone di farci così male è perché, in fondo in fondo, non stiamo bene e non siamo in pace con noi stessi.” – osservazione a mio avviso centratissima!

    “era ovvio che il problema fondamentale non erano loro, ma ero io.” – spesso i problemi stanno un po’ da tutte e due le parti, a volte anche soltanto come semplici squilibri di crescita, da compensare con l’esperienza.

  10. 20
    piero74 -

    mylife, sai che c’è una mia amica di scuola che, seppur per vie trasverse, ha vissuto la stessa tua cosa? mi spiego: questa mia amica, si stava semtemdo telefonicamente con un ragazzo della sua città e si sono visti solo una volta da vicino; ora, che faceva questo grande figlio di…. quando si conobbero, era uno dei più grandi angiolettial mondo, ha detta della mia amica. uno di quei i ragazzi di 31 anni che, all’apparenza vivono tra casa e chiesa e hanno paura di staccare il cordone obellicale da mammà. aveva solo amiche e nessuna ragazza (sempre a detta della mia amica). anzi, dice che aveva una storia alle spalle, e voleva girare pagina perchè era stanco di vivere (tra casa e chiesa); però la sera, al telefono con la mia amica era un angioletto…. bravo, bello, diceva parole dolcissime che chiunque ci sarebbe cascata. al che, io, sua nipote e il ragazzo la mettemmo in guardia, da (troppa dolcezza), perchè troppa dolcezza provoca il diabete. ma lei niente; era troppo presa da quell’uomo; troppo presa a tal punto di trascurare tutto; pensa che il suo nervosismo lo scaricava sul cibo; tutto è filatoliscio fino a sei mesi fa,

    quando non so cosa successe e la mia amica non lo chiamò per due tre giorni. il ragazzo non ci stava a questa decisione presa dalla mia amica e, appena lui la chiamò, puntualmente lei si lasciava rimbambire da quelle sue belle parole: con queste cose, (aggiusta e rompi) si andò avanti fino ad agosto, quando qualche santo le mise in testa che veramente non doveva cercarlo più, ma ogni volt che la mia amica faceva nuove amicizie su fb, non passavano nemmeno 2 giorni, che il ragazzo tornava a darle fastidio. nel giro di 6 mesi, cioè da giugno a una settimana fa, ogni volta che si creava un’amicizia su fb, lui tornava ad infastidirla e lei, innamorata com’era, ci cascava; ormai lui l’aveva manipolata a suo piacimento; una settimana fa, ebbe la mazzata finale: al ragazzo gli bloccarono il cell. perchè sei mesi fa, ebbe uno scamio di foto porno con amici e, a sua detta, da 6 mesi fa, adesso gliel’hanno bloccato sia a lui che ad un’altro suo amico. le foto se li scambiarono tramite watsapp: il fatto del cell. gliel’aha detto il ragazzo. però, sia a me che alla nipote col ragazzo, non ci convince che l’abbia capita la lezione, perchè ormai dipende da lui: come se l’avesse imcamtesimata; dipende in tutto e per tutto da lui: mangia perchè deve scaricare il nervosismo, si è trascurata…. quasi ha trascurato anche la sua bimba di10 anni.. non ha più il controllo della sua vita; mylife, ormai è così: quando una persona è manipolata è così, ma col tempo e con la pazienza te ne esci, tranquilla, ma togliti da testa che l’opsicologa ti aiuta; lei può darti un imput, ma ricordati che se vuoi cambiare, tutto deve partire esclusivamente da te stessa: la psicologa può darti l’imput, ma, ricordati, la vera amicizia è quella che ti aiuta e soprattutto la tua volontà.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili