Salta i links e vai al contenuto

Desiderio di una famiglia

Sono felice? No.
Ho un buon lavoro, ben retribuito, una casa e degli ottimi amici. Pratico sport e ho ancora l’entusiasmo e le energie per frequentare l’università studiando alla sera.
Non essere felici in queste condizioni potrebbe far pensare ad una sorta di depressione.
Invece no. Molto spesso le poche cose che ci mancano hanno un peso esponenziale rispetto a tutto ciò che abbiamo. E il vuoto che sento io è legato al non essere riuscito a costruire una famiglia.
All’alba dei 35 anni mi volto indietro e vedo l’occasione della mia vita andata in frantumi. Una relazione trascinata per troppi anni che alla fine ha avuto per epilogo un addio senza appello. Vedo altre donne che hanno bussato alla mia porta senza mai trovare realmente aperto e che rassegnate se ne sono andate.
Adesso mi sento come una cicala che ha sperperato il proprio tempo senza combinare nulla di concreto. Tutti intorno a me si sistemano mentre io sono ancora alla ricerca della persona giusta. Persona che non so neanche se esista a questo punto. E’ come se da questo punto di vista fossi rimasto adolescente fino a ieri e poi, di improvviso, mi fossi svegliato adulto.
Non è la paura di restare solo … la solitudine mi affascina. E’ la paura di non riuscire a dare un senso compiuto alla mia vita. Forse è anche colpa di una società che ci impone canoni da rispettare, non lo so, ma di fatto sento un disagio interiore che mi sta lentamente erodendo.
Forse sono solo inadeguato per la vita di coppia.
Accetto opinioni e consigli.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

27 commenti a

Desiderio di una famiglia

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Meteora -

    Purtroppo ti capisco benissimo. Io sono stata lasciata dopo 12 anni da una persona a cui ho dato tutto, tra cui anche tante opportunità. Ma la colpa è mia. Alle volte è inutile trascinare una storia in cui da una parte c’è solo egoismo e niente amore. Dopo mesi sto meglio, ma come te mi chiedo se ci sarà mai una persona che mi aspetta.
    Alle volte anche se tutto va bene, amici, lavoro provo quel senso di malinconia, come se mancasse qualcosa. Di sicuro non l’ex!!! Forse la voglia di amare ed essere amata. Certo stare un po soli di sicuro fa bene a se stessi, ma se guardi intorno a te sembra che tutto e tutti in natura tendano a completarsi cercando la propria metà! Che dire auguro a te, a me e a chi come noi stia passando questo periodo di transizione di trovare ciò che più desidera! Un abbraccio.

  2. 2
    aura -

    Pure io esattamente come Meteora sono stata lasciata dopo una convivenza di 12 anni, un figlio di 10 da una persona per cui non posso dire nulla ma proprio nulla di male, anzi, una persona meravigliosa. Poi pero’, per vari motivi, tra cui la difficolta’ di venirsi incontro, di sopportarsi, magari anche il dare tutto per scontato perche’ dici che lui c’e’, ecco…. arriva per lui il capolinea, il troppo pieno che straripa. Un legame di coppia porta tanti impegni, sacrifici, deve essere continuamente alimentato onde evitare che si arruginisca e al giorno d’oggi non siamo quasi disposti a fare per troppo egoismo. Se ci guardiamo attorno, vediamo coppie scoppiate, legami di falsa apparenza, finti e tristi, e persone che vivono la loro solitudine con il pensiero di essere inadeguati per poter creare una famiglia. Ma non e’ cosi…. capita quando deve capitare, semplicemente…Alla fine pure io con una storia finita mi ritrovo a fare un bilancio,e sono rimasta sola, senza poter condividere la vita con la persona accanto, con il padre di mio figlio … non so chi di noi due stia peggio, se non altro tu non fai i conti con i tuoi sentimenti, con i tuoi sensi di colpa, con i tuoi ricordi, con le tue gelosie,… no perche’ sei libero e nella tua testa non c’e’ il pensiero di una figura che ti ha lasciato, oppure che ti rifiuta,nella tua mente c’e’ quasi il pensiero di dare un senso alla tua vita sistemandoti. Sorridi alla vita, vai incontro al mondo perche’ il mondo non viene incontro a te, e sicuramente arrivera’ quel momento anche per te… Mentre per me, deve ancora giungere l’accettazione che lui non tornera’ piu’ prima di poter dire… mi rimetto in gioco. Un abbraccio.

  3. 3
    Gaaloth -

    Io esttamente alla tua età ero reduce da un divorzio, con relativo tracollo finanziario e morale. Come te frequentavo l’università lavorando, ma a quel punto ero rassegnato e non mi aspettavo più niente. Le piacevoli frequentazioni femminili, che non mancavano, non mi davano nessuna speranza per il futuro, nè cercavo il futuro in quel senso, perchè pur essendo solo a metà del cammin di nostra vita, si è già strutturati a quel’età, e non ci sia accontenta più facilmente come quando si è ragazzi e senza esperienza. Era una ragionevole valutazione statistica, ma la vita è tanto imprevedibile quanto non statisticamente leggibile.
    Il fatto è che le cose importanti capitano per caso e quando non le aspetti, e più ci si sforza di cercarle meno le si trova.
    Ho conosciuto la mia attuale compagna proprio per caso, entrambi reduci dalla fine di una storia e senza più illusioni romantiche, tutto ciò mentre entrambe si accettava quello che il destino ci aveva riservato, con la prospettiva di una vita in solitudine.
    Invece no, senza sforzi nè costrizioni ci siamo ritrovati affini, come ci conoscessimo da sempre e cominciato subito una storia, che dura da… 26 anni. Ma nessuno dei due avrebbe scommesso una lira (dell’epoca) che il dopo la fine delle rispettive storie sarebbe stato mille volte meglio del prima.
    Come vedi tutto può accadere, e soprattutto quando non te lo aspetti, ma non lo decidiamo noi. Noi dobbiamo solo stare sereni, vigilando ma senza ossessioni. E poi, lasciamelo dire…35 anni!!! Ma la vita comincia a 40, lo sai o no? Abbi fiducia, sarai più attrattivo e soprattutto, pensa meno a lavorare e alla carriera se puoi permettertelo e a apprezzare meglio quello che conta nella vita, che di solito è …gratis.
    Auguri

  4. 4
    vinile78 -

    @meteora – A volte mi capita di ripensare alla mia ex storica o anche alla mia ultima frequentaizone. Mi viene voglia di sentirle, di scrivere loro “riproviamoci”. Ma poi mi rendo subito conto che non sono loro a mancarmi… ne una ne l’altra… e questo è ancora peggio.
    Sì, perchè è come lanciarsi nel vuoto e schiantarsi contro la realtà nuda e cruda. Mi rendo intimamente conto che il problema va ben oltre un bel visino o degli occhi da cerbiatta, ci vuole qualcosa che mi completi (come tu stessa affermi). E intanto il tempo passa…

  5. 5
    causapersa -

    Ciao vinile,
    la tua lettera mi ha colpita e credevo fosse scritta da una donna, invece no.
    Non abbiamo colpe se non abbiamo ancora trovato la persona giusta e come dice giustamente Gaaloth a quest’età si è più egoisti e ci si accontenta più difficilmente. Inoltre sappiamo bene ciò che vogliamo e lo stare da soli non ci spaventa. Capisco bene la frustrazione nel desiderare qualcosa che per ora non esiste, nel tuo caso la donna giusta, ma non possiamo fabbricarci un’amore o una famiglia. Non mi sembra inoltre che guardandoti indietro tu possa dire di non aver costruito niente, anzi. Quello che hai non è poco e lasciatelo dire da una cha ha visto distrutto quello che aveva costruito e che comunque non può dire di non avere nulla! Non hai sprecato tempo, se l’esigenza di costrire una famiglia prima non l’avevi come potevi soddisfarla? L’unico consiglio che posso darti è di usare l’energia e l’entusiasmo che hai per essere più possibilista nei confronti dell’altro sesso. Buona fortuna

  6. 6
    vinile78 -

    @aura – Probabilmente mi sono espresso male. Non intendo dare un senso alla mia vita sisstemandomi, altrimenti l’avrei già fatto da tempo. Io vorrei invece un giorno scoprire che la fuori c’è una persona giusta anche per me. Per il resto hai tutta la mia comprensione per la tua situazione che credo ti veda costretta ad affrontare problematiche concrete e quotidiane. Le mie a confronto sono poco più che esternazioni filoromantiche.

    @Gaaloth – Semplicemente grazie. Il tuo racconto mi ha tirato su il morale!

    @causapersa – E’ propio vero che il mondo si è capovolto. Adesso siamo noi maschietti a desiderare la famiglia e a scrivere testi smielati. Comunque non si tratta di essere possibilisti verso l’altro sesso. Io non ne faccio una questione di brave e cattive ragazze. Quella giusta per me potrebbe essere sbagliata per qualcun’altro e viceversa. E’ solo che vedo tutti intorno a me sistemarsi, trovare la così detta anima gemella mentre io non so neanche se la mia esista.

  7. 7
    Elly19 -

    Ciao,vorrei esprimere la mia opinione riguardo alla tua lettera. Innanzitutto mi dispiace molto per questa sensazione che provi; da un lato se dopo anni ti sei lasciato con la donna che avevi prima forse è meglio perchè vuol dire che lei non era la persona giusta con la quale condividere il resto della vita.Oggi rispetto agli anni passati sono cambiate tante cose,viviamo come se fossimo intrappolati dai condizionamenti della società di oggi e ci facciamo condizionare,invece credo che dovremmo cercare di andare oltre a questo e prima di tutto sperare in meglio anche quando le cose vanno male e cercare di continuare a vivere la vita con tutti i suoi aspetti,sia positivi che negativi.Quando tu dici”forse sono inadeguato per la vita di coppia” non penso che lo dici perchè lo credi veramente ma perchè fin’ora non hai realizzato tutto questo.Non sentirti triste per questo motivo,perchè niente è mai troppo tardi.Chissà non puoi saperlo cosa ti accadrà domani,magari arriverà una donna che anche in poco tempo e non per forza dopo anni,riuscirà a darti emozioni e sicurezze per poter costruire un rapporto che sarà poi la base di un futuro insieme =)

  8. 8
    vinile78 -

    @Elly19 – Sono d’accordo quando dici che domani portebbe succedere qualunque cosa. Vivo abbastanza sereno proprio perchè mi sono convinto da tempo di questa cosa. In altri anni della mia vita mi sarebbe stato atroce sopportare questo disagio. Oggi invece lo vivo come una sorta di malinconia persistente. Non è il massimo, ma mi permette di andare avanti.

  9. 9
    cyber81 -

    Ciao Vinile, sei sicuro che tu vorresti adesso una famiglia? O è solo un po di, chiamiamola “invidia”, rispetto al fatto che i tuoi conoscenti si stanno comunque “sistemando” mentre tu rimani un eterno ragazzone che si gode la gabbia dorata della solitudine?
    Il desiderio di farsi una famiglia dovrebbe, credo, derivare dal forte desiderio di condividere la vita con un’altra persona che da quanto ho capito tu non hai ancora trovato. Credi di essere in ritardo? Io credo di no, non vi sono tempi e tempistiche certe per tutti, ognuno di noi ha i propri tempi e le proprie aspettative.
    Questa paura di restare da solo, nonostante tutto, ti crea un po di disagio che a volte ti spinge a voler cercare un contatto con qualche ex più o meno storica che viene tra l’altro stroncato sul nascere perchè, evidentemente, ciò che ricerchi non è la loro presenza ma una prospettiva di vita con qualcuno tant’è che affermi come effettivamente loro non ti mancano mica!
    Ti manca ciò che desideri! Ma come puoi desiderare una vita con una donna se non hai alcuna donna con cui pensare di costruire qualcosa?
    Fossi donna starei bene attento ad intraprendere una relazione con te perchè tu, preso da questi atteggiamenti, potresti avviare qualcosa di grande pur non essendone convinto, andando ad invischiarti e ad invischiare altre persone in qualcosa poi di veramente problematico!
    Secondo punto: credi che le persone che vedi “sistemarsi” siano più felici di te? Il fatto che tu le veda spensierate e superficialmente contente non significa nulla, c’è gente che sa fingere, le vedi certe coppie, bellissime da fuori ma degli inferni dentro. Noi non possiamo conoscere se gli altri siano o meno felici in coppia; talvolta ci si sposa per convenienza, per inerzia, perchè alla fine “è giusto così” dopo tanti anni di fidanzamento! Ma che è questo se non un inferno?
    No Amico, scusa il mio lungo post, ma stai in una posizione sbagliata. Ti do alcuni consigli:

    1) abbandona “l’invidia” che tu provi mentre vedi qualcuno “sistemarsi” perchè ciò potrebbe causarti enormi problemi e farti fare cose di cui un domani potresti pentirtene in quanto non sarebbero frutto del cuore ma un frutto di un ragionamento logico
    2) smettila di credere che la gente “sistemata” sia felice; anzi, ritengo che i matrimoni derivanti da lunghi anni di fidanzamento siano quelli che sono destinati alla rovina se va bene, se va male sono destinati ad un logorio lungo una vita
    3) abbi fiducia nell’amore, quando lo troverai sarà questo che ti farà desiderare di condividere la vita con un’altra persona… non il fatto che i tuoi amici si stanno sistemando

    Personalmente mi trovo in una situazione un po particolare e vorrei abbracciare anche io la persona che desidero.. ma quando vedo le altre coppie che lo fanno non provo invidia, ma una tenera empatia… sperando che quell’abbraccio possa prima o poi darlo anche io

    in bocca al lupo

  10. 10
    Luna -

    Sono d’accordo con il post di Cyber e anch’io non vorrei essere la donna messa in una… idea preesistente. Al contempo pero’ se e’ vero che certi desideri dovrebbero nascere dalla persona e dalla relazione e non viceversa (cosa che trovo pure “pericolosa”) penso anche che nel nostro percorso personale ci “evolviamo” quindi a un certo punto cmq noi possiamo sentirci piu’ predisposti anche se non ci metteremmo con chiunque pur di. E mi pare, Vinile, che questo sia il tuo caso, appunto non hai un desiderio da affidare a Chiunque e sei anche lucido, emotivamente, non solo razionalmente, nel dire che non ha senso cercare un’ex se non e’ lei che ti manca (ma semmai magari un’idea di te).

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili