Salta i links e vai al contenuto

Dire che sono depresso è dir poco

Lettere scritte dall'autore  ultimalacrima 73

Buonasera a tutti, scrivo questa lettera non so neanche io bene il perché forse solo per sfogarmi evito di farlo sui social per motivi di privacy, alla fine della scorsa estate sono stato lasciato da mia moglie dopo 17 anni insieme potrei raccontare la storia ma sarebbe troppo lunga e articolata fatto sta che mi trovo in un stato di profonda solitudine e depressione sono passati cinque mesi ora è vi dico già che ci sono già passato nella vita, la mia situazione è disperata perché negli anni per cercare di tenere insieme il rapporto ho finito per mandare tutto all’aria e mi trovo oggi con una situazione debitoria allucinante, il lavoro va malissimo e in tutto questo avendo io tre figli con questa donna sono a dir poco disperato, inutile dire che io la ho amata tantissimo anche se me ne ha combinate di tutti i colori , e anche io ho fatto i miei sbagli lo ammetto ma la ho sempre rispettata , già sono un uomo di altri tempi … ovviamente non so ancora cosa succederà nel mio futuro ma devo dire che lo vedo nero nero nero e solitario inoltre durante tutta questa pazzia preso da un momento di incapacità ho fatto delle modifiche molto estreme al mio aspetto e non modificabili … insomma la mia autostima è finita sotto i piedi … in realtà dovrei considerarmi una persona di successo sono apprezzato è riconosciuto nel mio campo ho avuto quattro splendidi figli , ma non riesco ad attraversare questa disperazione , non riesco più a concentrarmi su niente e sono mesi che praticamente sono a letto a guardare il soffitto … non nego che ho anche un forte desiderio di morire … mi era già successo molte volte , non riesco però a farla finita forse più per paura che per speranza , non riesco più a combinare niente ne ad avere contatto con i miei figli anche se li adoro e lei ovviamente me ne fa una colpa . Ed io non riesco a farle capire lo stato di profondissima depressione che sto vivendo ed
È sempre più fredda e distaccata ,in effetti è inspiegabile solo vivendo certe tragedie personali possiamo capire un dolore simile . Inoltre data la situazione attuale è anche impossibile svagarsi anche se non ci riuscirei e comunque nel momento di massima follia mi sono isolato da tutti rovinando anche alcune amicizie . Ora sono veramente solo . Non credo riuscirò mai a superare questo momento la vita nel quotidiano è diventata una agonia nella quale mi trascino tra una giornata e l’altra sto diventando pazzo e psicotico e non so come impiegare il mio tempo mi annoio e penso e mi dispero tutti mi dicono di reagire … ma io in questo momento non riesco neanche a fare una cosa semplice come guardare la tv .
Non chiedo consigli è solo uno sfogo lei è stato l’amore più grande che mai potrò avere nella mia vita è senza lei senza la
Famiglia mi sento perso non riuscirò a togliermi questo amore dalla testa e lo vorrei tanto perché vorrei esserci almeno per i miei figli ma la verità penso ci morirò così solo depresso e avvilito … un appello donne … uomini … amatevi e rispettatevi … superate le avversità non seguite questa società di merde dove nessuno ha più valori . La famiglia l’unica cosa che può rendere felice un uomo e una donna … l’unica cosa che può dare un vero appoggio ai figli che mettiamo al mondo … non credete a chi vi dice il contrario … quando si prende un impegno va rispettato … come quando si prende un cane … non si molla poi in autostrada per andare in vacanza …
il mondo ha bisogno di essere guarito … ci hanno rinchiuso dentro ad uno schermo e portato via la nostra anima ci vogliono soli e divisi per governarci meglio ci mettono uno contro l’altro … bianchi contro neri ricchi contro poveri dinne contro uomini destra contro sinistra .
Il nostro compito è conservare no consumare

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Dire che sono depresso è dir poco

Lettere sul tema:

Dire che sono depresso è dir poco

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

9 commenti

  1. 1
    Mister+T -

    Capisco la tua situazione ma tira fuori i co...... per dio…non sei e non sarai mai l’ unico uomo a cui é andato in malora il matrimonio é si é dovuto separare dalla moglie. Sono brutti momenti, difficili da superare, ma come hanno fatto miglioni di uomini ci puoi riuscire anche tu a piccoli passi e con il tempo. Fallo soprattutto per i tuoi figli che non hanno nessuno colpa di questa situazione e hanno bisogno di un padre

  2. 2
    ultimalacrima73 -

    Mister+T ti darei ragione so che dovrei tirare fuori gli attributi purtroppo però un uomo solo può fare poco contro il male che affligge il nostro mondo . La famiglia è il mattone fondamentale di una società sana e oggi vediamo come é stata attaccata e minata negli ultimi 60 anni … “divide et impera”
    Ecco la realtà questo è stato fatto alle nostre vite questo vogliono i potenti soli siamo
    Manovrabili e fragili e nessuno è più felice in questo mondo … certo ci si può adattare a vivere in cattività dentro una gabbia in uno zoo … è vero che molti uomini affrontano tale situazione perché oggi le nostre donne sono esposte ad un bombardamento culturale che le forza a sentirsi libere ma nel modo sbagliato . Vero che la natura si basa sulla competizione … ma noi abbiMo un intelletto meraviglioso che ci da l’opportunità di scegliere …ci stavamo evolvendo ma alla fine ci hanno fottuto

  3. 3
    Golem -

    “…il male che affligge il nostro mondo…gli ultimi 60 anni”. Il mondo è sempre stato uno schifo, perché esiste l’umanità, che non è un prodotto della natura, ma ne è il suo sicario, e in fondo anche di sè stessa. E ti dirò, è stato pure peggio di oggi. Tu mi sembri troppo sensibile e illuso al riguardo, e qui di illusi ne abbiamo avuti a iosa. E aggiungo pure che sull’intelletto meraviglioso avrei molto da obiettare, quella è dotazione di pochissimi, il resto dell’umanità è carne da cannone. Direi che di almeno 6 miliardi e mezzo si potrebbe fare tranquillamente a meno, e solo in Italia di 50 milioni. Tu poi parli di una donna che te ne ha fatte di tutti i colori, e l’hai amata, quando
    già al primo segnale dovevi reagire duramente.
    Cambia, diventa più egoista, il cambiamento è segno di intelligenza, e non soffrire per ogni cosa che non va nel mondo, non ne hai il tempo. Io vivo sereno per esempio, (basta quello) perchè se mai l’ho fatto, oggi non vivo di illusioni.

    P.S. cambia anche quello pseudonimo in Cazzimma 73. Ti sentirai subito meglio.

  4. 4
    Mister+T -

    Ti ripeto capisco lo strazio di un matrimonio di 17 anni buttato nel cesso pero purtroppo può succedere e di certo la vita non finisce solo perche si è stati lasciati dalla moglie. Cerca di riprenderti piano piano e pensa solo a essere un buon padre per i tuoi figli. Ci vorrá del tempo ma ce la farai.

  5. 5
    CLAUDIO -

    Visto che non chiedi consigli,ti possa essere di parziale consolazione il fatto di essere stato”coraggioso”ad esporre qua il tuo disagio,quando per molti,ciò che hai scritto,rappresenta la storia da”classico perdente”.Il resto si può riassumere nel verso del brano”sincero”del festival dell’anno scorso:”e anche se affoghi,rispondi sempre tutto Alla Grande”!

  6. 6
    white knight -

    Spero che tu ti riprenda, ma se ancora fai discorsi sui valori, sulla famiglia, ecc. vuol dire che la mazzata che hai ricevuto non ti ha insegnato nulla. Con questo non voglio dire che è vero il contrario, e che quindi i valori non siano importanti. Però dal mio punto di vista la società moderna è come una nave che affonda. Entro certi limiti si può/si deve fare del proprio meglio per riparare la falla e salvarla… Ma oltre un certo punto ogni riparazione diventa inutile e quindi è molto meglio pensare alla propria sopravvivenza e mettersi al sicuro. Se no rischi di rimetrterci e comunque di non aver salvato un bel nulla. Una volta che la nave sarà affondata, se si ha la fortuna/bravura di essere tra i sopravvissuti, si potrà pensare ad un nuovo inizio.

  7. 7
    Amara realtà -

    Che la tua storia (sommata alle altre miliardi) serva agli altri a non sposarsi e a stare molto attenti prima di ingravidare un essere umano di genere femminile

  8. 8
    ultimalacrima73 -

    Non voglio fare commenti sessisti , una storia da perdente … forse, onestamente e ingenuamente credo che avere dei sentimenti e non avere paura di esporli sia una forza e non una debolezza , non credo di dovermi vergognare per aver amato con tutto me stesso anche se ho perso e ovviamente non voglio e non posso dare tutta la colpa a mia moglie che è una donna meravigliosa ma una gran testa di c.... . Il nick mi tengo quello che ho non che non apprezzo il vostro suggerimento , ma non ho paura a mostrare la
    mia sensibilità . Concordo con chi dice che l’umanità è una nave che affonda e non rimpiango i figli ho avuto momenti bellissimi ed intensi … però credo fermamente che andrebbero ristabiliti degli equilibri tra uomo e donna di oggi ,credo che le persone andrebbero spinte a tenere fede ai propri impegni . Troppe volte vedo bambini in difficoltà a causa delle scelte idiote dei propri genitori . Insomma così non va questo mondo va cambiato

  9. 9
    Golem -

    Come faccia tua moglie ad essere una donna meravigliosa e contemporaneamente una testa di casso lo sai solo tu. Il fatto è che ad alcune donne a parole (forse) gli uomini ipersensibili piacciono, ma alla lunga stancano. Nel senso che la mascolinità che poi vince non è mai priva di una certa “durezza”, che non significa cattiveria, ma decisionalitá. Tu piangi ma la vita delle lacrime non sa che farsene. Non si conosce la tua storia nei dettagli, ma se non ho capito male ti sono andate buche due storie con prole, e questo qualcosa significa, giacché per due punti passa una ed una sola retta, che una direzione la indica certamente. Se non vuoi o non puoi, cambiare, devi accettare le conseguenze di quella tua natura, e accontentarti di quello che ne deriva. L’unico vantaggio è che con quella lacrimazione non avrai mai congiuntiviti. È giá qualcosa.

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili