Salta i links e vai al contenuto

Contributi dipendenti

  

La mia dipendente si è trasferita in Germania x sempre quindi perché dovrei continuare a pagarle i contributi?(quelli arretrati) quando tanto la pensione gliela darà la Merkel????

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro

4 commenti a

Contributi dipendenti

  1. 1
    rossana -

    Laurab,
    secondo me dovresti pagare i contributi per la tua ex dipendente per le seguenti ragioni:

    1) perchè glieli devi, avendo lei lavorato per te e avendo quindi tutti i diritti di ricevere i contributi che le spettano;
    2) perchè, alla fine della sua vita lavorativa, quasi certamente potrà optare per la pensione a lei più favorevole maturata in uno specifico stato oppure decidere di ricevere due o più pensioni diverse da stati diversi, oppure, anche, chiedere, se possibile, di raggruppare i vari tronconi contributivi in un’unico trattamento pensionistico, sempre in base ai contributi a suo tempo versati in ogni singolo stato.

    la materia previdenziale è in continua evoluzione ma questo non ti esime dal versare quanto di legge è stato in Italia stabilito per lei.

  2. 2
    Laura -

    Ciao Rossana grz della tua risposta sinceramente pensavo k andando a vivere all estero si sarebbero annullati i contributi versati in Italia

  3. 3
    Stanko -

    Un processo evitato è un motivo che va oltre la morale.

  4. 4
    Stella -

    La tua dipendente ha lavorato per te qua in Italia e quindi sei obbligata a versare i contributi per quel periodo, saresti in torto tu a non farlo e passibile di accertamenti ed eventuali sanzioni. In ogni caso la Germania è uno stato della convenzione CE e quindi i periodi di lavoro fatti in tutti gli stati aderenti alla normativa sono totalizzabili, ogni stato paga la sua parte di pensione ma il totale è utile ai fini dell’acquisizione del diritto e si può chiedere il conteggio dei contributi in qualsiasi momento della vita lavorativa. Senza contare che chiunque può controllare i propri periodi contributivi accedendo al sito dell’INPS e per contributi non versati fare denuncia.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili