Salta i links e vai al contenuto

Come ridurre drasticamente gli incidenti stradali

Lettere scritte dall'autore  JACK GUITAR

Premesso che gli incidenti stradali accadono per una serie di condizioni create dagli uomini, e che per risolvere il problema alla radice bisognerebbe capire perchè si verificano tali condizioni e quindi rimuoverle, per arginare questo triste fenomeno è sufficiente adottare tre sistemi di controllo che se applicati con precisione in poco tempo daranno ottimi risultati.
1)Il primo sistema prevede l’utilizzo di veicoli delle forze dell’ordine non riconoscibili tipo furgoni, camper, auto con vetri posteriori oscurati, attrezzati con strumenti per la rilevazione delle infrazioni.
2)Il secondo sistema prevede l’installazione di una cabina collegata in tempo reale con i rilevatori di velocità.All’interno della cabina senza alcuna regola di orario può esserci l’agente pronto per fermare i trasgressori per multarli.
3)Il terzo sistema infine prevede l’utilizzo di un call center delle forze dell’ordine, da parte di chiunque voglia segnalare la targa di un’auto che ha compiuto una manovra pericolosa. Compito delle forze dell’ordine sarà quello di raccogliere le segnalazioni, e dopo un certo numero di verificare se queste corrispondono a un dato reale.
Attraverso questi semplici provvedimenti si creerebbe in poco tempo una sana psicosi da sorpasso, grazie anche ai recenti inasprimenti delle pene relative al codice.
Naturalmente i risultati subitamente ottenuti con tali sistemi dovrebbero a lungo termine essere coadiuvati e sostenuti perlopiù da sistemi di prevenzione basati sulla conoscenza e comprensione del problema “viabilità” a livello culturale, economico e sociale, ma questo è un discorso un pò complesso che comunque andrebbe sottoposto fin da subito a chi di dovere…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Come ridurre drasticamente gli incidenti stradali

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Attualità

1 commento

  1. 1
    reale -

    interessante le tue idee che condivido , credo che chi gestisce le masse, per esempio calciatori, piloti cantanti, dovrebbero informare le persone, i giovani e meno giovani so come guidare un auto senza farsi male, conosco gente grande che ancora non sa cosa sia la distanza di sicurezza e a cosa serve moderare la velocita se si entra un una strettoia, serve una politica coraggiosa che vada contro gli interessi e sono immnensi che girano intorno al automobile, il 25 % della gente che guida guida solo per ampliare il busisness, non si meritano la patente per tanti motivi,purtroppo la politica mondiale ha il forte desiderio di patentare cani e porci, si vendono piu auto,, piu benzina, gira l economia facile facile, sono tanti i limiti che nessuno ha pensato,
    ogni persona potrebbe dare il proprio contributo alla sicurezza,
    spesso si vedono delle scene assurde, tipo una persona che ci sorpassa in una curva cieca , tutti dovrebbero avere la possibilta di montare una telecamera sul criscotto del auto e portare il filmato alle forze del ordine, magari la schedasarebbe blindata per scongiurare una manomissione del video,, chiunque avra l obbligo appunto di segnalare chi guida in modo pericoloso, in questo modo si potrebbe salvare la vita acentinai di picocli valentino rossi che corrono sulle autostrade .
    trasmissioni tv dedicate alla sicurezza stradale

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili