Salta i links e vai al contenuto

Come andrà a finire?

Lettere scritte dall'autore  

Vi scrivo per confidarmi, per avere qualche parere. In questi giorni mi sento sola e triste, e per colpa mia.
Ho conosciuto lui cinque anni fa, subito dopo il mio intervento di cambiamento di sesso (neppure un mese dopo) . Cominciammo ad uscire come amici, e dopo due settimane io incominciai a passare tutti i weekend con lui.
Nel dicembre dello stesso anno, ad una festa, un ragazzo che non conoscevo ma che sapeva della mia situazione perché (ho capito dopo) “informato” da una ragazza erasmus che conoscevo lo informò malamente.
Litigammo (o quasi) e io andai a casa piangendo. Dopo una settimana ci incontrammo perché dovevo riportagli alcune cose, ma da li abbiamo ripreso a frequentarci. Poi in marzo dell’anno successivo andammo a vivere insieme. In realtà lui non ha chiaro quello che gli è stato detto, perché vedendo i suoi dubbi io non ho mai avuto il coraggio di dirgli la verità. Comunque lui sa che ho cambiato il nome, e magari è un suo modo per proteggersi.
Passano gli anni tra alti e bassi, e poiché tra noi non c’è mai stato un rapporto di fidanzamento ufficiale io ho ripreso a prostituirmi (anche perché con il mio lavoro non riuscivo a coprire le mie spese personali) , lui venerdì mi ha beccato a casa nostra con un cliente. Mi sono sentita morire. L’ho perso per sempre o mi capirà?

In questo momento siamo in riflessione, lui è andato via di casa (l’avrei fatto anche io) .
Almeno a voi ho raccontato tutto.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Gay

4 commenti

  1. 1
    Claudia -

    ..Perchè è stata taggata come gay questa storia?
    Non è facile risponderti. Speriamo tu non lo perda per quello che ti è successo, e che smetta di prostituirti..
    Ciao!

  2. 2
    priscipessa -

    Certo che ne hai di coraggio… Ma che donna vuoi essere per il ragazzo che ti ama? Passi che sei transessuale -e che non gliel’hai detto-, passi prostituirti nella casa dove vive con te, ma addirittura farti beccare… Se torna, due sono i casi: o ti ama veramente, oppure è proprio un c…one !

  3. 3
    io_Alex -

    Se torna da te i casi sono:
    @ è ritardato o ha comprato il cervello su ebay;
    @ ti ama veramente;

    Io non ho pregiudizi verso chi nasce nel corpo sbagliato, sono casi della vita che non riesco a spiegarmi ma allo stesso tempo non giudico, sta di fatto che accettare una situazione simile (nei panni del tuo lui, o ex lui, fai te) la vedo al di fuori di ogni logica.
    Hai sbagliato totalmente a non svelare sin dall’inizio la tua identità: chissà che trauma si dovrà portare dietro quel povero ragazzo avendo scoperto di essere stato con una donna che poco prima era un uomo.
    Ed è proprio questo che mi fa incazzare di voi omosessuali, bisessuali o trans: pretendete la parità dei diritti nei confronti degli etero e poi siete i primi a trasgredire le leggi morali.
    Perdonami ma io non ho pena per te, penso al trauma subito ahimè da quel pover uomo cui il destino ha permesso che il suo cammino si incrociasse al tuo.
    E non smetterò mai di dirlo: servono le leggi che tutelino casi come questi, i danni morali subiti nessuno li considera?

  4. 4
    colam's -

    beh mi spiace ma finirà male. Passi (volendo) che non gli hai detto subito che sei nato uomo e diventata donna, anche se per la mia piccola esperienza posso dire che la prima cosa che abbiamo fatto la mia attuale moglie ed io quando siamo usciti è di dirci tutto l’uno dell’altro, senza farsi problemi. Se inizia un rapporto di coppia tanto vale farlo subito a carte scoperte, dobbiamo amarci l’un l’altro per quello che siamo e non per quello che sembriamo.

    Però oltre a nascondergli questo, gli nascondi pure che lo tradisci (mi dirai, per denaro) e gli fai fare la figura del “cielo, mio marito!”.

    Il problema alla radice non è tanto se ti prostituisci, sta a te e a lui accettarlo o meno. Ci sono dei mariti che sanno che la moglie si prostituisce e sono d’accordo. Rocco Siffredi è sposato, per farti un esempio. Il problema è che lui come vedi non era d’accordo ma tu lo hai fatto di nascosto a sua insaputa. Questa non è una relazione di coppia !

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili