Salta i links e vai al contenuto

Calo del desiderio

Lettere scritte dall'autore  

Partendo dal presupposto che, leggo questo forum da ormai un mese e pian piano in maniera sempre più assidua, dato che amo confrontarmi ed ascoltare il parere altrui, sia nel bene che nel male.

Ora arriviamo al mio, se si vuol chiamare in questo modo (???) problema.
Ecco, credo che io debba fare una piccola parentesi sui miei passati. Una delle mie primissime esperienze sessuali la ebbi all’età di 17 anni, le cose furono molto sbrigative, in poco tempo mi trovai nel letto con questa donna, molto bella, ma per il quale non provavo veramente niente, mentre in realtà amavo la mia migliore amica, con la quale non avrei mai potuto fare nulla perchè fidanzata.

Dunque fallisco il mio primo rapporto, dato che, nel momento in cui “provavo” ad indossare il preservativo, avevo un fortissimo calo di erezione che non mi permetteva di proseguire, considerando che comunque non sapevo come destreggiarmi, la cosa andò molto male, e quindi chiusi i rapporti con lei.

Dopo poco, neanche una settimana, feci confessione dei miei sentimenti verso questa amica, che, ricambiò e poco dopo finimmo a letto. Uno dei miei più grandi sogni si era realizzato, avere questa donna.

Innamorato pazzo, persi la verginità con lei, ma ricordo che prima del rapporto ero spaventato, per la paura di fallire nuovamente, ma vi assicuro che di questi problemi non ne ebbi neanche l’ombra. Da quel momento siamo stati fidanzati per quattro anni, sono stato bene, ma ho avuto anche dei tiri e molla molto importanti ed in uno di questi ho avuto a che fare con un’altra donna.

Con questa che chiameremo C, non fui coinvolto molto sentimentalmente, anzi, come al solito, nella testa continuavo ad avere la mia ex, ma non ero così ossessionato da lei. Comunque, nel momento in cui ci capitò di consolidare questa relazione, notai che a letto, la mia erezione non era forte come quella che ho sempre avuto, anzi, nuovamente nei momenti in cui c’era la necessità di infilare il preservativo, avevo un improvviso calo di desiderio, ma riuscii a risolvere facendo il tutto senza e quindi svolsi l’atto senza alcun particolare problema, riscontrando delle similitudini alla prima storia da me raccontata.

Ora io mi chiedo e non trovando risposta chiedo a voi, come posso fare ad avere la stessa enfasi e lo stesso coinvolgiemento con altre donne, proprio come l’ho avuto con la mia storica ex?
C’è comunque da considerare che la penso ancora, anche se non ci sentiamo da quattro mesi, lei rimane una persona molto importante, ma in ogni caso non sento neanche il suo estremo bisogno.

In questi giorni mi è capitato di fare delle bravate con degli “amici”, e ho notato che ad esempio, quando sono circondato da persone, non riesco in alcun modo ad essere tranquillo e quindi ad eccitarmi. Qualcuno di voi conosce la mia situazione? Qualcuno di voi provare le stesse cose che provo io? Com’è possibile che con QUELLA persona, mi bastava un bacio a stampo per essere eccitato per un’intera giornata, mentre con altre non ho la stessa scioltezza?

Saluti.

ps. So bene le risposte che mi darete, che comunque sono ancora legato sentimentalmente a lei, e che quindi non riesco a stare tranquillo in altri rapporti, ma boh, volevo comunque parlarne per sfogarmi.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria:   - Me Stesso - Sesso

1 commento

  1. 1
    dancan -

    scusa, ma… parlarne con un sessuologo?

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili