Salta i links e vai al contenuto

Caldo e freddo

Sono stanco di essere chi sono. Ho 25 anni, quasi 26, e ancora non ho combinato niente di valore, d’importante per me stesso nella mia vita. Ho sprecato il mio tempo con il divertimento e alla fine mi ritrovo con niente. Cacciato dal conservatorio di musica, 3 anno fuori corso di università, frustrazione ai miei genitori, senza una nicchia d’amicizia solida…
Non provo piacere nella vita, non provo ormai piacere in niente. Mi sento bene quando sono a letto, a dormire. Ecco il miglior momento della mia vita.
Che mi succede? Depressione?
Ci sono giorni, rari, che sento di poter spaccare il mondo, di poter fare e realizzare qualsiasi cosa, ma in pochi secondi, dall’euforia di poter fare tutto, crolla inesorabilmente ogni desiderio e voglia, dando spazio alla sensazione di incompetenza, di mancanza di forza, che perdo qualsiasi stima di me stesso.
Che dovrei fare?

A volte penso a delle “stronzate”…

Non riesco più ad essere me stesso, mi sono stancato di essere come sono e di come mi comporto. Mi vergogno per il modo come sto “vivendo”.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

2 commenti a

Caldo e freddo

  1. 1
    colam's -

    Fondamentalmente, cosa ti manca ?

  2. 2
    Andrea -

    Leggendo le (centinaia) di lettere-fotocopia della tua mi chiedo che cosa passa per la testa ai ragazzi di oggi… Sembra che siano convinti che la vita sia una passeggiata, che deva essere tutto semplice, già pronto all’uso senza doversi minimamente sforzare… L’università deve essere interessante ma allo stesso tempo semplice, non deve portare via troppo tempo al divertimento… una ragazza deve farmi sentire appagato mentalmente e fisicamente, poi se lei dovesse aver bisogno di aiuto, non sia mai che io mi sacrifichi per lei… le amicizie devono essere solide, ma solo quando sono io ad avere bisogno….
    Guardate che le cose non vanno così, la serenità non è una cosa che ci è dovuta, ce la dobbiamo guadagnare… è facile mollare l’università perchè non mi stimola mettermi giù a studiare quattro ore al giorno, è facile mollare la morosa perchè ci chiede di dedicarle buona parte del nostro tempo libero, è facile dire di no agli amici quando hanno bisogno di noi; ma tutte queste cose si pagano con il tempo, e si pagano care…. la gente rideva di me quando io a scuola ero l’unico fesso a studiare il fine settimana, la gente rideva della mia ragazza che non è miss Italia, ma che mi ama, ricambiata. Però almeno ora io non faccio parte di tutte queste orde di aspiranti suicidi che si trovano in siti come questo. Tu sei giovane, il tempo per rimetterti in carreggiata ce l’hai. Per cui il consiglio che ti do è quello di smettere di lagnarti che la vita non ti piace perchè è difficile, e di metterti giù a studiare a testa bassa , e non tirarla su finchè non hai un mestiere in mano. E la stessa cosa vale per gli amici/ragazze…
    Vedrai che quando, dopo esserti fatto un bel mazzo, i risultati cominceranno ad arrivare, come d’incanto la voglia di andarti a buttare in canale svanirà…..

    buon lavoro.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili