Salta i links e vai al contenuto

Che brutta bestia la gelosia…

Lettere scritte dall'autore  

Cari Amici,
vorrei un vostro parere su un aspetto della mia vita di coppia che da un po’ si sta manifestando in me.
Da 3 anni convivo con il mio ragazzo, abbiamo entrambi 30 anni ed entrambi proveniamo da difficili storie che ci hanno fatto soffrire ma dalle quali abbiamo imparato molto. La nostra è una storia d’amore voluta, scelta consapevolmente e consapevolmente fatta crescere. Il nostro amore è sincero e semplice.
Un paio di anni fa io ho avuto una profonda crisi di identità e in quell’occasione misi a dura prova la nostra relazione. Non sorridevo più, non volevo fare l’amore con lui, non volevo stargli accanto e nemmeno dormire nel nostro letto assieme a lui. Ricordo un peso insostenibile che mi trascinavo addosso e che volevo che lui vedesse, in parte credevo che fosse colpa sua se io non ero felice. Sta di fatto che a lungo andare lui, che in nessun modo riusciva a farmi stare meglio, sentendosi rifiutato, ha cominciato a chattare (che brutta parola) con una sua vecchia conoscenza: una ragazza, bella, sensuale, furba e fidanzata a sua volta. I loro discorsi avvenivano in ogni momento, anche se io ero a casa. Erano discorsi molto spinti, erotici. Un pomeriggio io facevo finta di dormire e ho visto che lui chattava, e non era solito farlo. Quando è uscito per andare a lavoro ho subito guardato sul suo computer e sono rimasta senza parole! Non avevo mai guardato il suo computer e nemmeno il suo cellulare, non mi ero mai nemmeno posta il problema che potesse tradirmi. E in un modo un po’ strano lo stava facendo, e io lo stavo leggendo! Erano discorso durissimi per me da accettare.
Sta di fatto che appena tornò a casa io feci esplodere la terza guerra mondiale. Quella crisi si risolse, pian piano, con l’ammissione da entrambe le parti degli errori che ci avevano portato a quel punto, ma sopratutto ci portò la consapevolezza di voler stare assieme e di amarci profondamente.
Purtroppo a me rimane una profonda gelosia che non avevo prima. Ho terrore che lui possa “flirtare” con qualche donna, che possa fare il “marpione” o peggio ancora che possa avere un’altra. Continuo da allora a controllargli pc e cellulare, non so se lo sa ma credo di si, e mi sento uno schifo sia quando lo faccio e non trovo niente, sia quando trovo innocui messaggi tra lui e amiche varie.
Io ho una bassa stima di me dal punto di vista fisico. Purtroppo sono un po’ cicciottella e sono convinta che essere così è “schifoso”, credo di far “ribrezzo”, di essere non desiderabile.
In più, vuoi il lavoro che a fine giornata pesa, vuoi le abitudini, i nostri rapporti sessuali sono davvero diminuiti… E il mio cervello malato costruisce castelli in aria.
Come devo comportarmi? cosa devo fare? Questa gelosia è pesante e insostenibile…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

2 commenti

  1. 1
    atego -

    Ciao non dare tanta importanza a tutto questo del resto si sa la gelosia è una brutta bestia.
    Ma non tutti tra le nostre doti abiamo quella di fidarsi degli altri, quindi vedrai che col tempo non trovando nulla nelle tue indaginiti comincerai a fidarti senza neanche accorgertene e tutto si sistemerà.

  2. 2
    autunno -

    Grazie atego 🙂

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili