Salta i links e vai al contenuto

Appello al voto

Lettere scritte dall'autore  besutti gianfranco

Gentile Direttore,
ieri sera, 12 Settembre, durante il DATA ROOM della Signora Gabanelli ho potuto apprezzare con grandissimo piacere l’appello al voto rivolto a TUTTI.
Mi permetto di chiederLe di rinnovare detto appello nei modi che riterrete opportuni al fine di promuovere, per quanto possibile , l’affluenza alle urne, qualunque sia l’intenzione di voto, INCLUSA L’INTENZIONE DI ANNULLARE LA SCHEDA.
Chiedo a Voi che potete conferire con gli esponenti della ” Politica ” di sottolineare a queste persone l’importanza di esortare al voto : in realtà non se ne parla molto pur potendo usufruire di fior di statistiche..
Grazie mille per il tempo dedicato alla lettura del messaggio.

P.S: non ho sentito UNA VOCE che commentasse il fatto che a una sessione elettorale importante come questa sia stato dedicato UN SOLO GIORNO ( assurdo secondo me ) dando cosi la possibilita’ a moltissimi di accampare ogni tipo di scusa per non recarsi alle urne oltre a coloro che per reali motivi non potranno andare.

Gianfranco Besutti
Lonato del garda, Brescia

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi: Appello al voto

Altre sul tema

Altre nella categoria: cittadini - enrico mentana - politica

2 commenti

  1. 1
    Gabriele -

    Guardi Signor Gianfranco, che chi decide di astenersi dal voto, lo decide in modo assolutamente lucido, non si “accampano ogni tipo di scuse” caso mai si può parlare di ragioni, che sono diverse e che non si possono biasimare. Chi decide di astenersi, di certo non lo fa perché sia piacevole non avere una preferenza o una “spinta” viscerale, per un PROGRAMMA piuttosto che un altro. Si è parlato di promesse, a volte irrealizzabili, come pensioni, redditi vari, tagli di tasse, ma come si fa? In un paese che a Novembre dell’anno scorso aveva 2755 miliardi di debito, come si fa a proporre le pensioni a mille euro? Possono essere sacrosante per gli anziani che hanno lavorato e ne hanno giustamente diritto, ma si potevano fare prima o no?
    Altri propongono una persona terza, chiamata a risolvere una crisi e fase di stallo politico-istituzionale, Draghi, che però non si capisce se tornerà come Presidente del Consiglio, ma probabilmente non lo farà

  2. 2
    Gabriele -

    …perché lo hanno sfiduciato, e tra l’altro nessuno ha avuto la cortesia e lo spessore istituzionale di dimettersi, perché si può sfiduciare sia formalmente che non formalmente un Governo o il Preseidente, ma non ci si può aspettare di non dimettersi, perché è ragionevole pensare che la stessa crisi si ripeterà di nuovo, come in effetti è accaduto. Inutile quindi usare Draghi come argomento.
    Altro punto di riflessione, nessuno parla in termini di eletti o eletto, ma solo di chi vincerà, senza contare che si tratta di un’investitutra specialmente istituzionale. Forse gli astenuti vorrebbero più istituzione e meno politica, forse gli astenuti, vorrebbero un amministrazione stabile, che cominci al principio, con collaborazione da parte di tutti integrando anche le iniziative dell’opposizione, e che termini secondo le scadenze naturali. Invece no.
    Altro punto di riflessione, forse gli onorevoli, potrebbero riunirsi e proporre un emendamento per la riduzione delle indennità…

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'informativa sulla privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili