Salta i links e vai al contenuto

Quasi due anni di intenso amore e lui non mi vuole più…

Lettere scritte dall'autore  

Ciao, mi chiamo Sandra ed ho 21 anni. Ero fidanzata con un ragazzo di 25 anni, dolce, sincero e fedele.
Come potete notare dal paragrafo uso un verbo al passato perchè ha deciso di lasciarmi sola e adesso ho bisogno di conforto e di parlare con qualcuno.
Abitiamo molto distanti l’uno dall’altro,ma abbiamo deciso tempo fa di risolvere questo problema convivendo nella stessa casa.

La nostra relazione era bellissima: forte passione, intimità e complicità la facevano da padrona, ma avendo entrambi dei caratteri fumantini ci capitava spesso anche di discutere animatamente. Dopo qualche mese felice, cominciano i problemi economici: io non riesco a trovare lavoro nella sua zona ed anche il suo posto, sembra non essere molto stabile. Comunque si cerca di andare avanti, perchè le emozioni che sentiamo sembrano attutire il resto.
Il tempo passa e mentre la sua famiglia non riesce ad accettarmi, lui discute con uno dei suoi amici piu’ importanti. La ricerca del lavoro non da buoni frutti, ma la sua posizione adesso non sembra a rischio.
Un giorno viviamo una brutta discussione e lui mi rinfaccia tutto quel che ha fatto per me, dice che anche se vicino a me sente emozioni uniche ed insuperabili, ha bisogno di un periodo di pausa perchè oltre le belle sensazioni, ha un forte senso di ansia ogni volta che lo guardo o lo bacio. In poche parole crede che da un momento all’altro sbuchi un’altra litigata appena pensa di aver trovato la serenità.
Alla fine comunque non vuole decidere una data di ritorno, ed ogni giorno sottolinea che ‘il giorno dopo gli sembra sempre troppo presto per dividerci’, mi dice espressamente che per lui sono un peso. Decido di partire il giorno dopo, non mi ero neanche offesa in realtà, ma non potevo sopportare di vederlo star sempre male per colpa mia.
Torno a casa, il giorno dopo ci sentiamo ed è freddo, dice che la sensazione di ansia non gli è passata e che ha bisogno di questa maledetta pausa. Gli chiedo se è sicuro di amarmi ancora, mi spiega che l’amore dentro di lui non è andato via, ma forse lo sente meno intenso rispetto a neanche un mese prima. Ha bisogno di tempo per sè stesso (parla addirittura di un mese intero) per pensare e capire se queste brutte sensazioni potrebbero andar via.
Gli propongo di lasciarci e che se avesse cambiato idea, poteva sempre chiamarmi…Approva…Gli dico Addio…
Ed ora sono qua.
E mi sento sola. Non so che fare 🙁

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

5 commenti

  1. 1
    pucioladoro -

    Mi ha fatto venire un po’ i brividi il finale, triste…

    Comunque beh, da dove cominciare?
    Nella vita nulla è sicuro come anche una relazione, appunto. E’ difficile consigliarti, perché sono situazioni in cui in questi casi bisogna solo aspettare. Tu gli hai detto che era meglio lasciarsi per il momento ma gli hai lasciato comunque una porta aperta, lui ha approvato… e ora devi solo aspettare… farsi sentire te lo sconsiglio: probabilmente alimenteresti “l’ansia” di cui parla lui, e sarebbe sconveniente. Lui è un po’ strano: sa anche la quantità di tempo necessaria per capire se vuole stare ancora con te o meno? Sa che un mese basta? Complimenti per la sua autovalutazione… io non avrei tutta questa sicurezza per il tempo… anche approssimativamente .
    Primo consiglio: aspetta lui, cerca di non farti sentire, lascialo fare.
    Secondo consiglio: ovviamente non stare per l’eternità ad aspettarlo come non stare per l’eternità a non scrivergli. Non ti dico di non scrivergli mai più, però fai passare un bel po’ di tempo (non ti do una quantità, valuta tu quanto per te sia tanto tempo… ovviamente, non due o tre giorni dopo! Intesi, no?) dopo questo passo, valuta il suo comportamento; se può in qualche modo essere positivo, ovvero positivo per la vostra relazione, beh, provaci ancora, se vedi che invece è l’opposto… tesoro… lo so che è una cosa difficile, ma… rifatti una vita e potrai sempre dire di averci provato. Ovviamente spero che tutto si risolva! Potrebbe anche essere soltanto un brutto periodo…
    Terzo consiglio: esci, divertiti e distraiti, non è certo stando davanti al telefonino che le cose si risolvono oppure toh! Ti ha chiamata! No… goditi il resto nel frattempo!
    Buona fortuna…

  2. 2
    Gianco -

    Sandra….io sono un uomo di 46 anni..vorrei avere io 21 anni…
    Queste cose succedono…non voglio essere banale…ma è peggio se ti capitassero alla mia età…magari con figli e famiglia….
    Se lui ti dice le cose che ti ha detto…da uomo penso che non sia completamente innamorato di te…ed è meglio saperlo prima che dopo…!!!!
    Ti do un semplice consiglio…ma che può esserti molto utile….NON farti più sentire..anche se questo non sarà facile per te…ASPETTA che sia lui a farsi vivo…ed anche in questo caso….non buttarti fra le sue braccia al primo complimento…TIENILO SULLE SPINE….accertati del suo VERO sentimento verso di te….gli uomini hanno sempre bisogno di sentirsi voluti e amati…anche quando NON AMANO..(te lo dice un uomo). Pertanto fai la preziosa (non eccedere troppo però…potrebbe poi pensare che tu non lo vuoi più)…verifica se ti ama davvero….non perdere tempo con uno che vuole soltanto giocare con te….la vita è una soltanto….non accontentarti!!!!
    Buona fortuna

  3. 3
    nino -

    sandra io da uomo di 56 anni ho capito solo una cosa, i dubbi del tuo fidanzato non sono altro che così come hai appena accennato nella tua lettera è praticamente la sua famiglia che non ti ha accettato,chiaramente potrei anche sbagliarmi lo spero,ciao

  4. 4
    Sandra -

    Vi ringrazio per i commenti, siete stati molto gentili con me.
    So che dovrei uscire e fare altro ed è davvero inutile preoccuparsi o star male, non è nè la prima volta che tronco una storia importante nè la seconda, ma questa volta è diverso:
    Prima se una storia finiva, per ‘difendermi’ cercavo subito di voltare pagina, credevo giusto essere razionali ed andare avanti, conoscevo nuove persone ecc…Adesso mi sento senza emozioni se provo a ‘vivere’.
    Mi sento banale nel dire queste parole, scritte da tante altre persone, ma io sentivo che lui era…fondamentale per me.
    Ho già conosciuto l’amore, ma con lui era diverso. Era come se fosse la prima e l’unica.
    Sento di aver perso un uomo che nessuno può sostituire. Mi piacerebbe non farne una tragedia greca, ma è quel che sento davvero…

    x Puciola: Non lo chiamo e non lo cerco. Ho cancellato immediatamente il suo numero. Mi sento molto sola in questo momento 🙁


    E mi fa male, perchè so che la vita andrà avanti, ma la mia volevo continuarla con lui e con nessun altro.

  5. 5
    Never -

    Ciao cara. Quello che scrivi ahimè lo comprendo molto bene. E’ normale avere quel senso di vuoto di cui parli, ogni cosa sembra avere meno gusto. Io penso che bisogna si reagire, cmq dando il giusto tempo alla sofferenza, perchè non si superano da un giorno all’altro queste delusioni. Mi sembra di capire che cmq non sia stata ancora scritta la parola FINE, anche se una pausa di riflessione non fa mai ben sperare. Mi auguro di sbagliarmi nel tuo caso. un abbraccio

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili