Salta i links e vai al contenuto

Amore finito? Che fare?

Lettere scritte dall'autore  

Tutto ha inizio un mese e mezzo fa, esattamente il 30/05/2009… Il mio ragazzo, mi fa male dirlo e forse anche vederlo pubblicato, mi ha lasciata.. siamo stati 8 anni e 9 mesi insieme avevamo parlato anche di matrimonio (proposto da lui). Quella maledettissima sera ci siamo incontrati ed io ho iniziato a litigare.. forse per nervosismo per stress lavorativo. Ci son stati litigi in questi anni, chi non li ha avuti ed è sempre stato lui a fare il primo passo per rimettere tutto a posto, tra l’altro a me faceva pure piacere visto che lo interpretavo come una forma di amore. Quella sera non è stato così, mi ha detto che era insicuro, che voleva stare da solo per capire, voleva pensare e la cosa migliore da fare era quella di non sentirci. Io ovviamente, morta mi son sentita mancare la terra sotto i piedi, abbiamo parlato a lungo di nostri sbagli dei miei sbagli delle stupide gelosie del fatto che ci siamo chiusi in noi stessi, sempre io, e lui (anche se come diceva gli piaceva stare con me) abbiamo pianto.
Dopo 4 giorni l’ho chiamato e mi ha detto che si sentiva vuoto, forse gli mancavo, proprio così mi ha detto, ci siamo incontrati e baciati ma ci lasciavamo sempre con un punto interrogativo, questo è andato avanti per altre 3 settimane, questo non vederci per poi vederci e baciarci e provare desiderio reciproco, mi diceva anche che mi amava. Ho tentato addirittura la carta della vacanza fuori io e lui da soli, ma in quella settimana lui a volte c’era a volte no, siamo stati anche insieme ma dopo un po’ il senso di ansia ritornava in lui.
Gli ho chiesto se c’era di mezzo un’altra persona ma lui ha sempre negato. Ho iniziato a controllarlo con i tabulati telefonici ed ho scoperto che si sentiva tramite sms (50/60 al giorno) con una collega/amica, gli ho schiaffato tutto in faccia dicendogli che mi faceva schifo, che non potevo più credergli, visto che me lo aveva anche giurato, ma poi sono tornata a zerbinarmi, dicendogli che potevo dimenticare tutto.
Questa è la seconda crisi dopo 3 anni sempre per infatuazione verso un’altra persona, capitata sia a me che a lui. Da allora non ha più sentito questa persona mi ha anche confessato che non ci ha fatto nulla, che non era corrisposta la cosa perché lei sposata. Mi ha detto che il tarlo in testa non lo ha più per lei anche se il pensiero era fisso e forte, ma che ora è solo una collega.
Stasera ci siamo incontrati nuovamente e mi ha detto che non può ritornare con me per paura che gli possa ricapitare l’ingrippo per un’altra persona e che non merito questo perché mi vuole bene più che bene ma non sa se mi Ama. Mi ha detto che non sente il desiderio di baciarmi di coccolarmi quando mi vede e che non mi ha pensato in questi giorni. Vuole rimanere da solo (so che è da solo perché non esce resta a casa la sera) non vuole farmi perdere tempo e deve capire se prova ancora per me Amore…
Dovrei lasciarlo solo? Dopo le bugie che mi ha detto dovrei odiarlo, ma non ci riesco, mi ha giurato che non c’ è più lei nella sua testa che vuole rimanere così per capire se c’ è ancora quella fiammella che lo portava a far ardere il suo cuore per me.
Lui è speciale unico… Che devo fare? consigliatemi vi prego.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

9 commenti

  1. 1
    Sergio -

    sempre la stessa storia…

    A me stessa cosa…

    é finita cmq… Non ti preoccupare dello zerbinaggio, non cambia niente. Torna se vuole o ti vede o non ti vede.

    Io sinceramente questi modi di affrontare i propri dubbi non li capirò mai.

  2. 2
    Roberta -

    Dopo più di otto anni la fiammella non ha ragion di essere,dovevate essere avvolti da un bel fuoco caldo,avvolgente e invece siete rimasti due tizzoni spenti….inutile scriverti che siete giunti al capolinea…lui lo sa già e non ha il coraggio di dirtelo e tu se continui a considerarlo speciale e unico perdi solo del tempo….e mi sembra che tu ne abbia già perso a badilate…

  3. 3
    Alba -

    Esatto. Sempre la solita storia. Ho sofferto l’inverosimile dopo una storia finita, ma non ho mai fatto una telefonata al mio ex. (e ne vado fiera)
    Ma perchè non capite che quando l’amore finisce non c’è nulla da fare? Perchè vi aggrappate a qualche sorriso in più, o una frase detta tanto x non essere crudeli? Perchè devono per forza trattarvi male perchè capiate che è finita????
    Suvvia….un po’ di dignità

  4. 4
    Sergio -

    @Alba

    La dignità non ce l’ha chi lascia in quel modo, non chi cerca di capire e riconquistare.

  5. 5
    Alba -

    @Sergio
    Esiste un modo indolore per lasciare una persona che si ama? Anche il mio compagno mi ha lasciato perchè “si sentiva confuso”. Forse la chiamerei vigliaccheria, ma credimi, io l’ho capita, senza bisogno di nessun chiarmento e nessun tira e molla.
    Per esperienza so che cercare di capire non serve, e cercare di riconquistare ancora meno. Non so se ti è mai capitato di smettere di amare: non esiste nulla che può cambiare questo stato di cose,i sentimenti prescindono dalla volontà, e non rendersene conto è solo dannoso per la persona che viene lasciata.
    Detto questo mi rendo conto che quando si soffre è difficile essere razionali, ma è indispensabile per farsene una ragione. Non sei d’accordo?

  6. 6
    Sergio -

    @Alba

    se c’è una frase che non tollero è “FARSENE UNA RAGIONE”.

    La frase corretta è “PRENDERNE ATTO”.

    E sai perchè? perchè le persone fanno del male anche per il gusto di farlo, o ance senza nessun motivo, perchè in quel momento il cervello dice loro di fare così.

    Noi, se soffriamo, possiamo anche non comprendere, siamo liberi di farlo. Chi lascia ha il diritto di farlo se non ama, ma non è tenuto a dare indifferneza e a non capire il dolore dell’altra persona.
    Persone come le mie ex, mi guardavano come un alieno quando chiedevo loro del perchè mi facessero questo. COme se io dovessi in quei momenti dire ok, grazie è stato un piacere.

    Mi è capitato di smettere di amare, ma non ho mai dato dolore gratuito oltre quello che già creavo. Mi ha fatto male dare quel dolore, e ho sempre fatto capire che c’era qualcosa che non andava.
    Non ho mai lasciato per un tradimento fatto, e quando ho lasciato ho detto i motivi reali: NON TI AMO.

    Quello che trovo inammissibile è la finzione, il prendere in giro una persona che ci ha dato comunque amore eche noi stessi abbiamo amato.

  7. 7
    Criss -

    Chi non sa prendersi le responsabilità sui sentimenti altrui (che resta un DOVERE), non sarà mai in grado di prendersela su se stesso, sui propri figli, sul proprio lavoro, sulla propria vita. Tanto vale che sparisca dalla circolazione, perchè comunque sarà solo capace di far male. Ed invece purtroppo si rimettono in gioco subito, rovinando la vita al prossimo in fila.

  8. 8
    Saveria -

    è successo anche a me e io l’ho lasciato..poi mi sono accorta di aver perso ilmio unico grande amore..quindi ti consiglio di provarci ancora con lui per poi non pentirti almeno ci provi se poi continua a respingerti per tante volte gli dici che deve scegliere lui se continuare la vostra storia oppure no..ti auguro buona fortuna

  9. 9
    nic -

    è difficile riconoscere che una storia può essere finita.
    Io ho chiesto una pausa, dopo aver conosciuto un’altro, e penso sia finita.
    Non perchè non mi ci trovi più bene, ma perchè mi rendo conto che non ho voglia di baciarlo, ma solo di stare in un suo abbraccio.
    Penso che sia finita perchè quando assieme non abbiamo niente di cui parlare. Non parliamo di niente. Di cavolate, di sesso.

    Ma fa veramente male ammettere questo dopo che pensavi fosse lui il VERO amore.
    Ma l’amore può finire veramente così? dissolvendosi nel nulla?

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili