Salta i links e vai al contenuto

Amore e distanza: trasferirmi con lui a Barcellona da un giorno all’altro?

Lettere scritte dall'autore  

Salve a tutti, sono una ragazza di 24 anni fidanzata felicemente da due anni. Da due anni, sempre, lavoro in un fast food e da poco ho appena concluso il mio primo anno a l’università (una triennale) lavorando e studiando (e dovendomi mantenere da sola) non sono riuscita a mettermi da parte molti soldi, infatti il mio risparmio è di scarso 1.000€. Il mio lui, attualmente, si è appena laureato. Il problema attuale é che la sua famiglia per via del lavoro si è dovuta trasferire a Barcellona, in Spagna. Dunque ora che si é laureato vorrebbe trasferirsi anche lui a Barcellona per poter conseguire il master e mi ha chiesto di seguirlo. Io: non avendo moli soldi da parte, non sapendo la lingua e dovendo anche terminare gli studi chiaramente non posso prendere e andare da un giorno all’altro, senza alcuna preparazione sia mentale che economica. Mi ha detto che non ho le palle e che dovrei prendere e andare visto che in Italia non ci sono prospettive. Lui ha una famiglia che economicamente sta benissimo e finanzia qualsiasi viaggio e studio che voglia fare quindi può benissimo permettersi di fare qualsiasi cosa voglia fare. La mia situazione (lavorando in un fast food) é nettamente diversa essendo che guadagno scarso 700€ al mese. Ora ditemi, cosa dovrei fare? Avevamo deciso di andare in spagna l’anno prossimo, essendo che voglio fare l’erasmus al terzo anno. Ora non so perché lui sia venuto meno a questo ‘programma’ che ci eravamo fatti in accordo comune. Sono molto demotivata perché non lo costringerei mai a stare qui ma allo stesso tempo non so se sbaglio a non prendere e andare, sarà che in realtà non ho le palle come dice lui o che magari non voglio prendere decisioni affrettate? Non voglio fare come molti miei coetanei che prendono e partono per fare i lavapiatti e poi tornano con la coda tra le gambe in Italia. Accolgo il vostro punto di vista e le vostre opinioni in merito.
Roberta

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate a

Trasferirmi con il mio ragazzo a Barcellona: dovrei prendere e andare?

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

19 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Gabriele -

    Cara Roberta, io non credo che sia questione di avere le “palle”, e nemmeno di stare insieme con questo ragazzo.
    Cerchiamo di analizzare le cose dal punto di vista pratico.
    Stai studiando e stai lavorando, riuscendo, a ciò che scrivi sia nel l’uno che nell’altro. Cosa che ti fa molto onore.
    Dici di avere in progetto comunque di fare l’era smus.
    Secondo me non devi farti pianificare la vita dagli altri, anche se sono il ragazzo, che magari ti dichiara amore profondo ed eterno.
    Lui ha i suoi progetti (più che legittimi) e tu hai tuoi.
    Fossi io al tuo posto, mi arrabbierei e probabilmente non gli parlerei più dal momento che io mi faccio il mazzo e lui sembra che abbia tutto scontato e pure dovuto.
    Oltretutto, visto che sei una ragazza praticamente indipendente (a 24 anni, ancora congratulazioni), non ti sentiresti a disagio a dipenderà da altri? E se tu andassi a Barcellona chi penserà a te, se un lavoro non riesci a trovarlo? E se la storia dovesse finire, per altri motivi, e tu ti ritrovassi tuo malgrado in una situazione di queste? Cioè SOLA in terra straniera?
    Io credo che tu abbia molti interessi da proteggere, che palle o non palle, sono comunque i tuoi e sono meritevoli di essere perseguiti, anche se si…

  2. 2
    Gabriele -

    …anche se si tratta di lavoro in un fast food, e lo studio contemporaneo in Università…

  3. 3
    white knight -

    Cara Roberta, non sono genitore, ma ho fratelli e sorelle, per cui da fratello ti dico: mandalo a quel paese e continua con la tua vita. Finisci l’università innanzitutto. Fai pure l’erasmus in Spagna se riesci. Poi si vedrà. Mantieniti sempre al CENTRO della tua vita.
    Ps: io ho la fortuna di avere alle spalle una famiglia benestante, per cui l’università l’ho fatta da studente “mantenuto” (ci tengo a precisare che ho ricambiato il mantenimento mettendoci il massimo impegno e laureandomi presto, era il minimo che potessi fare per i miei). Quando vedo gente come te che invece deve combattere col coltello fra i denti, rimango sempre molto ammirato. Permettimi di farti shapò. Ma anche di (bonariamente) bacchettarti perché proprio tu certi colpi di testa devi evitarli.

  4. 4
    Rossella -

    Ti consiglio di lasciar perdere perché questa vitalità è molto aggressiva. Quali soldi scusa? Mi sembra evidente che si tratta di un suo problema. Non è il modo migliore per cominciare una relazione. Ti farai male. Come vedi il colpo si fa già sentire. L’uomo è più leggero perché la legge è dalla sua parte. Per modo di dire. Nel senso che la “colpa” ricade sulla famiglia. Colpa tra virgolette. Nei fatti la donna se lo accolla; al posto di fare il padre di famiglia si comporta come un figlio di famiglia e si mette vicino la classica figlia di papà. Dammi retta: lascia perdere. Digli che deve andare a lavorare! Adesso, sempre stando alla legge, si dovrebbe cercare un lavoro più umile per restare in equilibrio. Il problema non sei tu. Il problema è la natura. La frustrazione si può solo nascondere dietro l’infedeltà. Sai una cosa? Restate amici. Fallo tornare al posto suo. Se dici di amarlo puoi anche rischiare di perderlo. Tanto deve maturare.

  5. 5
    Angwhy -

    Sinceramente non so quali opportunita lavorative possa offrire un paese come la Spagna ma anche volesse andare in Finlandia segui i consigli di chi mi ha preceduto,mandaci lui vedi come va e quando metterà qualcosa di concreto sul piatto allora deciderai che fare.non avere fretta,a seguire gli altri io ci ho sempre rimesso e se posso salvare qualcuno lo faccio volentieri.

  6. 6
    Mister T -

    Il problema della lingua é quasi inesistente perché lo spagnolo e l’ italiano sono molto simili fidati. Per il resto l’ idea di raggiungere il tuo fidanzato a Barcellona non é malaccio perché attualmente in Spagna si vive meglio che in ITalia e soprattutto nella suddetta città avrai molte piú chance di trovare un lavoro decente che non sia lavorare in un fast food…detto questo peró é giusto che questo cambiamento di vita tu la faccia seguendo i tuoi tempi quindi non da un giorno all’ altro. Prima finisci gli studi qua e quando ti sentirai pronta parti e vai. Se il vostro é un amore vero di sicuro potrà sopravvivere a uno, due anni di distanza.

  7. 7
    Giulio94 -

    Ciao Roberta, penso che sia più che normale il tuo timore, e penso che se lui ti ama davvero rispetterà al tua scelta e ti sosterrà comunque. Sappi che se deciderai di non partire e lui ti lascerà ci avrai solo di guadagnato

  8. 8
    Nyla -

    Cara, gia’il fatto che avevate un programma, e che lui adesso voglia fare diversamente, la dice lunga. Pensaci mille volte! Se le cose non dovessero andare bene in Spagna, cosa di cui tenere conto, non avresti le spalle coperte. Auguri!!!

  9. 9
    Tamara -

    Tesoro, io in realtà invidio la tua posizione. Intanto qualche soldo ce l’hai. Hai SOLO 24 anni e una famiglia acquisita benestante che ti può finanziare. Ho sentito parlare molto bene di Barcellona e poi si tratterebbe di imparare lo spagnolo, che non mi sembra una lingua difficile. Penso che nel giro di mezz’anno riusciresti a trovare lavoro in un fast food o come commessa o come aiuto cuoca.

    Quello che puoi fare è prenderti 3-4 mesi di tempo per tirare la corda e mettere da parte più soldi e inoltre iniziare a studiare lo spagnolo. Vorrei poi capire che cosa studi. Se stai svolgendo studi seri puoi sempre riprenderli in Spagna. Alla fine hai concluso un solo anno universitario e potrai chiedere il riconoscimento degli esami già dati.

    Al posto tuo mi lancerei.

  10. 10
    Max -

    Ciao Roberta.
    Il mio carattere è poco propenso al rischio – lo ammetto – quindi forse il mio consiglio non è l’ideale di cui tener conto, ma mi associo pienamente al primo post di risposta che hai ricevuto.
    Bene o male qui in Italia stai costruendo qualcosa, stai conseguendo una laurea, ma se tu andassi in Spagna ti metteresti completamente nelle mani di lui e della sua famiglia. Certo, non mancano gli esempi di coniugi o fidanzati che si trasferiscono dove sta il partner, ma si tratta di persone più adulte e di rapporti consolidati, nei quali si parla di matrimonio o comunque di convivenza stabile, il che non mi sembra il vostro caso. Per cui rischiare il tutto per tutto su una relazione il cui futuro è incerto, anche se ovviamente io ti auguro che sia coronata dal matrimonio e continui tutta la vita, mi sembra un passo quantomeno avventato. Lui stesso dovrebbe capirlo.
    Pensaci bene e in bocca al lupo.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili