Salta i links e vai al contenuto

Alla fine.. cosa rimane?

Lettere scritte dall'autore  

Buongiorno premettendo che mi trovo esattamente dentro un bagno di un aeroporto in piena crisi di cuore, mi sono iscritto come tanti x sfogarmi e x superare un periodo pessimo. Ho lasciato la mia ragazza 10 gg fa dopo 2 mesi di arrovellamento di stomaco. Partiamo da un punto.. 2 città diverse stesso lavoro 200 km e la voglia di vedersi nonché col tempo di convivere. Inizialmente si tenta il trasferimento in una città a metà strada ma lei sente la nostalgia di casa e piuttosto prova a trasferirsi da me .. Nella mia città è difficile trovar posto e lo trova di nuovo a km di distanza e si ristrasferisce in 3 gg nella sua città natale senza ne se ne ma e senza almeno discuterne. Ricomincia la tridana dei km.. Con l’aggiunta del suo silenzio e delle relazioni coi colleghi nascoste con scuse bambinesche. Dopo 3 cambi di agenzia 3 cambi umorali 3 cambi di atteggiamenti io ho detto basta. Non ho volutamente inserito gli stati d animo perché vorrei farvela vedere oggettivamente. Ho staccato perché mi sentivo una seconda scelta ho staccato perché vivevo col pensiero di capire cosa le passasse per la testa ho lasciato perché stavo male. Detto questo il nulla. Sparita. Nonostante le avessi chiesto un segnale del contrario.

Prendo questo spazio per me e per le mie emozioni perché non ne ho altri e un po’ me ne vergogno so che la risposta ce l’ho davanti agli occhi e so che prendere un aereo per me e per me stesso per staccare per vedere posti nuovi è quello che ci vuole ma una parte è ancora legata una parte ci crede ancora una parte vorrebbe riprendersela. 

Detto questo grazie per lo sfogo semidelirante grazie per l’attenzione.. Credo sia giunto il momento di lasciare il dubbio ed imbarcami. 

Buona giornata.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

6 commenti

  1. 1
    Gabriele -

    Prendere un aereo, non risolve i problemi, imbarcati pure, ma imbarcati per il piacere di fare un viaggio e godertelo, e non perchè ti sei lasciato con la ragazza. Non devi permettere mai a nessuno di avere questo potere su di te. Quando tornerai i problemi saranno lì ad aspettarti, ma sarà peggio perchè hai speso pure dei soldi

  2. 2
    Rossella -

    Io penso che dovremmo cominciare a fare le cose in un certo modo perché ci sembrano giuste. Questo è quello che rimane. Gli altri non sono una nostra proprietà. Neanche quando ti sposi puoi essere convinto al 100% della convinzione dell’altra persona. Allora ti abitui a fare le cose per te. Credi nel per sempre? Comportati di conseguenza. Fai quello che ti è necessario (perché puoi saperlo soltanto tu) a vivere in armonia con la tua coscienza senza creartene un’altra (una falsa coscienza) che ti rende libero da qualcosa che in realtà ti fa sentire vivo interiormente. Quando pensi di aver sempre ragione non entri mai nel vivo del combattimento spirituale. Quando al contrario ti fai troppi scrupoli (come facevo io tanti anni fa) accade che non riesci a rompere il muro che c’è tra te e il mondo e soffochi le tue aspirazioni più intime per paura di chissà che cosa. Anzi: sappiamo tutti cosa. Per paura delle apparenze. Quando l’amore risalta (proprio perché la Sua luce non è naturale) c’è il rischio di trovarsi in cattiva luce. Il bene e il male. Qui si manifesta la fede. Papa Benedetto XVI sosteneva che chi crede non è mai solo.

  3. 3
    Rossella -

    Quando consenti all’amore di regnare allora capisci che esiste una ragione che porta quella persona (giusto per cambiare discorso) ad avercela con te. Effettivamente, pensi tra te e te, sto vivendo (e non sono la sola, perché lui ricerca quella dimensione) quella che in teoria dovrebbe essere la sua giornata. Sei in grado così di comprenderlo e anche di accettare le critiche. Il problema è il lavoro. La natura del lavoro. Allora non è poi così grave! Non è mai grave, anche quando purtroppo ci sembra vero il contrario. Ce ne dovremmo convincere.

  4. 4
    Yog -

    In realtà sei un debole. Non sei capace di sopportare un minimo di disagio, ma un aereo non servirà a portarti lontano da te stesso. Soldi buttati, era meglio se stavi a vasa tua, ti facevi un bagno caldo con i sali alla lavanda e POI ti sbombavi di narda. La narda dopo un bagno caldo è il massimo, prima no sennò rischi di annegare. Devi lavorare su te stesso, così sei out.

  5. 5
    rossana -

    Rossella,
    ammetto che nella maggior parte dei casi cerco qui distrazione. Cosa che collide con l’impegno necessario a leggere i tuoi post. quando, però, lo faccio, in parte ti ritrovo, e trovo i tuoi commenti quasi sempre migliori dei precedenti.

    sei davvero unica, e fantastica. hai carattere e capacità di pensiero da vendere.

    mi è molto piaciuto quanto hai scritto su questo thread.

    un caro saluto.

  6. 6
    ets -

    Yog non ha tutti i torti 🙂

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili