Salta i links e vai al contenuto

Rapporto genitori-figli sfiancante

di

Buongiorno a tutti! Vi scrivo sopratutto per raccogliere pareri e consigli riguardo alla mia situazione in famiglia che da un po’ di tempo è diventata ingestibile. Sono una ragazza di 18 anni e sono fidanzata da più di un anno. La nostra storia ha continuato benissimo fino aqualche mese fa quando mia madre ha voluto intromettersi. Lei non lo accetta per motivi ridicoli. Il suo carattere (l opposto del mio) il suo aspetto (che secondo lei non rispecchia i requisiti di un vero uomo) e la sua storia famigliare. Mia madre ogni volta che esco con lui lo insulta e litighiamo. Le sue frasi ricorrenti sono: sei una povera illusa, lui non ti renderà mai felice, hai abbandonato le tue passioni per lui, ti usa solamente per sfogarsi sessualmente.

Addirittura asserisce che dal suo sguardo nei miei confronti non vede più l’amore necessario a far funzionare qualcosa. A me sembrano ragionamenti malati. Mi ha sempre trattata come una bambina e dice che sono schiava di lui. Molte volte mi sono allontanata da lei perché volevo rendere felice il mio ragazzo ma non penso sia la strada giusta perché voglio trovare un equilibrio tra le cose. Con mia madre non riesco a parlare e il mio ragazzo comincerebbe a paragonare tutto alla sua famiglia che è il contrario della mia.

Ora secondo mia madre ci vediamo solamente per fare cose sconce e si arrabbia con me perché non ho trovato una persona migliore con cui farlo la prima volta. Ho ancora tutti i miei amici e cerco di risolvere questa situazione da troppo tempo.. il mio ragazzo è stufo ma nonostante tutto non vuole lasciarmi perché tiene a noi ma che questa situazione lo ha fatto impazzire. Non posso rifiutare mia madre ma nemmeno il mio ragazzo perché tengo tantissimo alla nostra storia. È vero che la famiglia è per sempre e le storielle d amore no ed è anche vero che sono giovane, ma sono determinata a risolvere questa situazione e piuttosto fallire ma aver provato.. ma non voglio tutta questa sofferenza.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Famiglia
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

6 commenti a

Rapporto genitori-figli sfiancante

  1. 1
    Confusa30 -

    chiedi aiuto a tuo padre oppure rinchiudila
    buona fortuna

  2. 2
    gimmy -

    Un genitore ha il sacrosanto diritto di CONSIGLIARE i figli sia per amore che per il loro bene, ma da qui a denigrare o insultare un ragazzo solo perchè a lei non piace ce ne passa. Lei per prima in quanto adulta dovrebbe essere esempio educativo di buoni princìpi e buone maniere. Il rispetto è un dovere morale che và manifestato sempre, l’accanimento nei confronti di questa persona è troppo esagerato se non ci sono mai state offese da parte sua, cosi come l’approccio alla discussione con cui si relaziona a te che a mio avviso sembra molto inappropriato e non costruttivo. Ci sono altri modi per poter spiegare il proprio pensiero senza per forza dover screditare; capisco le sue paure perchè per lei sei ancora la sua bambina, e vederti crescere o diventare donna di colpo è sempre un pò traumatico per un genitore, lo scoprirai a tue spese il giorno in cui verrà il tuo turno; :-) a suo modo vorrebbe trasmetterti il senso di responsabilità e la voglia di non rinunciare a nulla di ciò che ti piace fare nel periodo dell’adolescenza per poi magari dovertene pentirte dopo, ma sbaglia nei metodi. Non vorrei che tu fossi il suo caprio espiatorio su aspettative e sogni mai realizzati da parte sua e adesso vorrebbe vederli concretizzare attraverso te, per avere quel pizzico di soddisfazione che per prima non ha sauto cogliere o dare. Ti suggerisco di confrontarti con tua madre, cercando di arrivare a dei compromessi, con modi assolutamente pacati, dimostrandole il contrario e dicendole che se anche avesse ragione deve starti comunque vicina perchè non è giusto essere costretti a dover scegliere tra l’affetto di un genitore o del proprio ragazzo, sulla base di motivazioni campate per aria. Nella vita gli errori sono fatti per imparare, ma bisogna concedere agli altri la possibilità di poterci provare.

  3. 3
    Sofia -

    Ragazza
    ….si devono sentire in genere tutte le campane!
    E per ora abbiamo sentito solo la tua..
    Tua madre se c’è l’ha così tanto con il tuo ragazzo…ci sarà un motivo no? E te non c’è l’ha conti giusta….
    Dovresti essere sincera e dirci VERAMENTE IL MOTIVO DEL PERCHÉ MAMMA TI DICE QUELLE COSE….
    I veri genitori…guardano molto ma molto molto più avanti dei figli…se dicono una cosa c’è sempre un motivo dopo…e cmq il denominatore comune è il bene e felicità del proprio figlio…e la sua protezione.

  4. 4
    Yog -

    La butto lì: fai provare il ragazzo alla tu’ mamma. In fondo trattasi di collaudo ed omologazione. Prova, la scienza ha i suoi protocolli.

  5. 5
    nevealsole -

    Mi sembra di rivedere la mia storia. Anche io ho questo tipo di rapporto con mia mamma, la amo perché è mia mamma ma come persona non la sopporto. Come è stato detto, penso che a volte le nostre madri siano invidiose della libertà che probabilmente non hanno avuto e vedono nelle nostre legittime scelte una sorta di trasgressione provocatrice. Io di anni ne ho 23 e lei dopo due anni e mezzo non accetta il mio fidanzato, senza assolutamente conoscerlo, avendolo visto e avendoci parlato una volta sola, solo perché lui (lui!) mi disse che voleva almeno presentarsi ai miei per far loro sapere con chi uscissi (!). Io non l’ho mai portato a casa ovviamente perché rispetto i miei, ma c’è una bella differenza tra non volerci avere confidenza e non volerlo salutare o sentirne parlare. Questo però, ti dico la mia opinione, potrebbe essere un vantaggio nel senso che hai modo di vedere più oggettivamente la tua relazione. Comunque consolati perché se a te è stato detto che hai sprecato la tua prima volta, a me è stato detto di peggio: quando ebbi la mia prima volta, mia madre voleva denunciare il ragazzo che aveva 18 anni (io ancora 17) e mi insultò quando le dissi che volevo prendere la pillola (povera me che pensavo di dimostrarle responsabilità). Queste cose minano alla base il rapporto con una madre perché capisci che eri troppo ingenua a pensare che ti avrebbe vista come donna e non solo come figlia. Ugualmente loro, le madri, dovrebbero rendersi conto che ai nostri occhi sono più madri che donne, ed evitare di parlarci di questioni di coppia. Fatti coraggio, tua madre non vede l’ora che vi lasciate, ma se un giorno vorrai lasciarlo, non tenertelo per orgoglio. Ti consiglio di fare vite distinte, fuori e dentro casa, per il bene di tutti. E quando esci, di tirare una boccata d’aria.

  6. 6
    Cicci -

    Dai Yog, ma porca di quella troia come fai a dire certe cose?
    Possono essere anche degli stronzi i genitori… (spesso lo fanno a fin di bene,altre volte sono dei dittatori che impongono ai figli le loro decisioni e le loro proiezioni)…. ma non puoi permetterti di fare certi commenti, personalmente li trovo squallidi e fuori luogo.

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.