Salta i links e vai al contenuto

Università e solitudine

Lettere scritte dall'autore  

Sono una ragazza, ho 19 anni e vivo in un piccolo paesino.
Qualche mese fa, mi sono diplomata e, come per molti, non sapevo cosa fare del mio futuro.
Presa dalla furia e dalla confusione, ho scelto l’università più vicina a casa. Ho iniziato da qualche settimana ma, non so se sia normale o meno, già sento di non volerci andare più. Seguo alcuni dei corsi con delle conoscenti, altri da sola ed è proprio quando non conosco nessuno che mi vengono mille paranoie. Perché? Perché tutti hanno amici ed io no all’intero della “classe”. Non solo, ci sono anche mille e mille coppiette.

Questo non fa altro che aumentare questo mio senso di solitudine e forse anche gelosia.
Tutta questa confusione mi porta a pensare di stare sprecando quelli che per me dovrebbero essere gli anni migliori della mia vita.

Potrà sembrare stupido ma è per questo che vorrei solamente capire cosa voglio dal mio futuro e magari essere amata e compresa.

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia - Me Stesso - Scuola

4 commenti

  1. 1
    cami -

    Ti consiglio di finirla l’università, per qualsiasi lavoro vogliono la laurea. Hai appena iniziato, farai più amicizie col tempo, non preoccuparti, tu saluta, chiedi informazioni, chiedi chiarimenti, sempre sorridente, è così che piano piano conoscerai sempre più gente. Fra cui magari in futuro anche un possibile fidanzato. Ti faccio tanti auguri 🙂

  2. 2
    Josepho -

    Cara Maddidp, penso che se vuoi lasciare l’università semplicemente per la mancanza di amicizie, secondo me faresti un grande errore. A 19 anni puoi crearti le tue amicizie, compagni di classe ma non solo. Di solito nelle università si organizzano attività di ogni genere, gruppi studenteschi su temi vari, dalla politica al calcio, dai libri ai cineforum, passando per seminari e convegni non prettamente scolastici… Puoi fare amicizia in molti modi, anche fuori dalla cerchia universitaria. Io, fossi in te, mi chiederei se ho scelto la facoltà giusta, se mi sto preparando per quello che davvero voglio fare nella vita. Se sto facendo il mio percorso con convinzione, o solo per paura o ripiego. Se lo sto facendo per me, o se lo sto facendo per tener buoni i miei genitori, o se c’è una qualche altra motivazione. Quando ti sarai chiarita bene le idee avrai preso una decisione, vai avanti per quella strada e non pensare a nessuna difficoltà. Una volta compresa la tua massima ambizione, cosa ami fare nella vita e cosa vorresti invece evitare, saprai cosa fare e non avrai più dubbi. Auguri e credi in te stessa: se vuoi puoi tutto.

  3. 3
    Yog -

    Il tuo problema è che vuoi uscire di casa. Dunque esci. Vai “fuori sede”, altrimenti finisci “fuori corso”, come la lira.

  4. 4
    peppe -

    ciao sono un ragazzo di 20 anni la mia situazione è simile alla tua. se vuoi Scrivimi alla mia email: peppe.mangini@hotmail.it

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili