Salta i links e vai al contenuto

Un tuffo nel passato

La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 13 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

118 commenti a

Un tuffo nel passato

Pagine: 1 10 11 12

  1. 111
    Toroseduto -

    così vivamente il mio giudizio su Demian. Se l’autore non facesse capire che non desidera essere disturbato,credo che gli scriverei.”
    Di Goldsmith ho letto qualcosa, ma il mio spaziare a volte mi fa confondere. A te posso dirlo, la memoria fa cilecca ad una certa età! Comunque te lo raccomando vivamente,impossibile estrapolare qualcosa, “La vita di ogni uomo è una via verso se stesso” Demian che sembra vivere fuori dal tempo o uscire da un passato senza età,basata sull’autoconoscenza e sulla responsabilità” Questo è quanto riportato nella postzazione del traduttore Ervino Pocar.
    Ora sono impegnato con una “rilettura”,cosa che faccio quando non ho niente di buono tra le mani. IL VECCHIO E IL MARE di Hemingway, che mi entusiasmò molto in gioventù.
    Sono felice di averti ritrovata, mi piace questo spazio dove ci scambiamo le nostre impressioni letterarie, sei più di un’amica, dico questo perché per gli amici reali sono un fissato che legge troppi libri. Non commento, alla prossima. Ciao

  2. 112
    Anam -

    A 34 anni su questo sito dal 2012, posso dirti che purtroppo argomenti interessanti non ce ne sono piu’ dal 2013. Solite storielle che bene o male tutti abbiamo vissuto e/o subìto. Purtroppo, oggi n9n ci sono piu’ certi valori, che tutti pretendono ma non danno.non c’e’ piu’ la voglia di fare, di vivere. Ci limitiamo a sopravvivere e nulla piu’. Amicizia e amore, i 2 sentimenti piu’ inflazionati di sempre. Viviamo in una ridicola societa’ malata, che pretende, e pretende di imporre solo cose sbagliate, inutili, orrende. Una societa’ che ti consuma, come suole di scarpe. Purtroppo, si puo’ solo sperare.

  3. 113
    rossana -

    Toroseduto,
    anch’io sono contenta di questo spazio d’interscambio sulle letture e ti considero da sempre un amico virtuale.

    “Il vecchio e il mare”, letto anni fa, mi è piaciuto talmente tanto da essere uno dei pochissimi libri che ho voluto rileggere.

    Non so se a breve seguirò il tuo suggerimento su Demian perché sto portando avanti, con fatica, una ricerca su religione/filosofia, ma lo terrò presente per quando mi sentirò di dover fare una pausa da argomenti troppo “pesanti”.

    In settimana andrò a ritirare in biblioteca il saggio sull’amore che ho prenotato, e poi ti saprò dire se mi avrà comunicato qualcosa di nuovo…

    un caro saluto.

    PS: La memoria, purtroppo, fa sempre più spesso cilecca anche per me…

  4. 114
    rossana -

    Anam,
    concordo con la tua visione del sito negli ultimi cinque-sei anni.

    Tuttavia, per me LaD resta il miglior spazio d’interscambio, sia per “dolori giovanili”, che hanno il loro peso all’inizio delle relazioni di coppia, che per problemi esistenziali più seri oppure per introspezioni personali più complesse.

    Sulla società sono, invece, un po’ meno pessimista. A mio avviso, c’è tanto male e tanto malessere ma c’è anche parecchio di buono rispetto al passato, soprattutto per la libertà femminile da poco acquisita e per le migliorate capacità di assistenza e di cure mediche.

  5. 115
    Anam -

    Rossana 114.
    Liberta’ femminile? Temo sia solo limitata.
    Rispetto al mio discorso sulla societa’, e’ una cosa che continuo a vedere ogni giorno purtroppo.

  6. 116
    rossana -

    Anam,
    “libertà femminile limitata” in che senso? se ti va di spiegare…

    quanto alla società, è ovvio che si tratti di percezioni soggettive, dovute a molteplici fattori: età, esperienze, condizioni di salute, ambienti più spesso frequentati, ecc…

    personalmente cerco di trovare, se minimamente possibile, aspetti positivi da controbilanciare a quelli negativi, che pesano sempre di più. non voglio lasciarmi andare a pensare che il passato sia stato migliore del presente: per me, in entrambi i contesti c’è sempre di tutto un po’…

  7. 117
    Rdf -

    Rossana , con rispetto …ma che la pubblica sanità oggi funzioni meglio di ieri mi pare proprio una corbelleria

    Esattamente due giorni fa, in una delle città più fighette ed industrializzate del nord Italia …entrava un mio conoscente anziano alle 8 in pronto soccorso con una gamba gonfia e ci è uscito a mezzanotte con la proposta di tornare il giorno dopo per “cause tecniche”

    Per non parlare poi delle formiche e scarafaggi delle stanze di ospedale , delle tac mal eseguite, di dottori che sbagliano diagnosi , dei mostruosi tempi di attesa etc etc

    Ovviamente non è sempre così, ma in un paese civilizzato (e con una tassazione tra le più care d Europa ) questo non è affatto accettabile

  8. 118
    rossana -

    Rdf,
    hai ragione: per quanto riguarda l’ordinario bisogno di assistenza la pubblica sanità oggi non funziona affatto meglio di ieri. Liste d’attesa infinite, costi elevati e attendimenti di pronto soccorso da incubo, soprattutto per gli anziani.

    Per capacità d’assistenza e di cure mediche mi riferivo a casi molto seri, in cui, forse per fortuna, ho potuto apprezzare vere e proprie efficienze ed eccellenze (un intervento al cuore, riuscito nonostante non fosse data alcuna certezza – c’era anzi inizialmente un rifiuto a intervenire -; un intero ciclo d’esami in meno di 20 giorni per un sospetto di cancro; un day-service in cui in una sola mattinata vengono eseguiti 5 controlli diagnostici).

    Forse si deve avere un piede o un mezzo piede nella fossa per vedere i progressi della medicina negli ultimi venti anni!

Pagine: 1 10 11 12

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili