Salta i links e vai al contenuto

Togliersi la vita?

Lettere scritte dall'autore  shinei
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

28 commenti a "Togliersi la vita?"

Pagine: 1 2 3

  1. 11
    marziav -

    Kevin, non necessariamente essere intraprendenti è meglio di essere introversi per legare con qualcuno. Esistono tanti approcci fra loro diversi: con alcune ragazze fa più presa uno, con altre più un altro. Per fortuna, il mondo è vario e non piace a tutte la stessa cosa! Personalmente, per esempio, trovo piuttosto fastidiosi, sfacciati e invadenti i ragazzi super-sicuri di sé che vengono ad attaccare bottone e mi danno l’assillo con chiacchiere insistenti quando è chiaro che a me non va. E se mi va, si capisce subito, perché parlo e scherzo anch’io. Dunque, ti domando: perché quando hai parlato con quella ragazza, neanche lei ha mantenuto vivace e interessante la conversazione? Se il dialogo si è interrotto non è solo responsabilità tua che hai “esaurito le cartucce”: si parla in 2! Neanche lei deve aver dato un gran contributo! Dunque, non colpevolizzarti! Non devi fare chissà quali show affinché una ragazza si accorga di te. Se le piaci, apprezzerà anche la tua riservatezza/timidezza, caratteristiche che ti faranno apparire tenero, dolce e attraente ai suoi occhi. Perché vuoi fare a te stesso la violenza di costringerti ad essere qualcosa di diverso da quello che sei?! Vai benissimo così, non hai niente che non va! Sono certa che se proverai a rilassarti e a nutrire meno ansie, paure e aspettative, le conversazioni fluiranno più tranquillamente. Davvero. Per esempio, quando scrivi qui, forse perché è una situazione che ti rende meno teso, riesci ad esprimere perfettamente sentimenti molto intimi senza bloccarti affatto! Smetti di darti addosso e di essere il nemico più acerrimo di te stesso! Credi di più in te.A me sembri una persona interessante, con un mondo interiore ricco e un’emotività complessa. Le persone che sanno guardarsi dentro, quelle sono affascinanti: non quelli che sanno atteggiarsi tanto bene a uomini carismatici, ma poi sono tutto fumo e niente arrosto!

  2. 12
    marziav -

    Dunque, Kevin, il primo step è accettarti per quello che sei (una persona ottima, direi) e smetterla di autoflagellarti. Un secondo intervento attivo che potresti attuare potrebbe essere quello di arricchire i tuoi interessi, in modo di avere accesso a più argomenti di conversazione per “intrattenere” una ragazza. Ti piace leggere? il cinema? i viaggi? lo sport? Hai qualche passione? Ok, se la risposta è no, perché forse sei demotivato (so cosa si prova), cerca di trovare la forza di intraprendere qualche attività piacevole nel tempo libero. Ci sarebbe anche il risvolto positivo di eventuali nuovi incontri! Io faccio il tifo per te, ma solo tu puoi essere il leader indiscusso della tua tifoseria! Se ti va, fammi sapere come stai. Marzia

  3. 13
    Kim -

    Kevin a molte ragazze non piace che un ragazzo parli di se stesso, racconti le proprie conquiste, la propria forza, ecc ecc
    D accordo, questo puó essere affascinante in un primo momento, magari questo tizio riesce anche a portare 1000 donne a letto, ma poi? Quando é l ora di costruire un rapporto durevole il fatto di essere degli abili comunicatori non é affatto imprescinfdibile.
    Quello che alla maggiorparte delle donne piace é un ragazzo che sappia ascoltare, apprezzare, consigliare, non interferire nella sfera privata, ragazzi umili, e onesti. Non ti preoccupare che quella ragazza se ne é andata, ce ne ssaranno altre e prima o poi qualcuno saprá apprezzare le tue qualitá. Non devi assolutamente pensare di essere sbagliato. Un pó di autiicritica va bene, ma il trucco sta nell accettarsi. Se ti accetti anche il tuo modo di vedere le cose cambierá, e sarai piu attrattivo. Conosco molti ragazzi timidi, con poche capacitá loquaci, timoorosi,e nemmeno tanto belli, che stanno con elle ragazze stupende. Per cui non preoccuparti, forza e abbi fede.

  4. 14
    kevin -

    ciao a tutti grazie per le parole e per il tempo.
    vedete iopenso di essere un ragazzo completpo per metò con tanta voglia di dare attenzioni ad una persona, essere la sua coperta quando ha bisogno di essere coccolata, di esserle da sole quando è felice.
    insomma sono un maledetto sentimentale, sono molto rifletto.
    penso sempre di fare la cose sbagliata, anche di usare parole poco adatte alla situazione.
    so perfettamente quando sbaglio e quando succede ho un macingno sulle spalle.
    mi piacerebbe anche solo conoscerle, perchè è bello ed affascinante conoscere l’altro sesso nei pregi e nei difetti, comunicare………

    credo a quello che dici kim, ma sono sicuro del fatto che per arrivare ad ottenere lìattenzione di una ragazza, bisogna attirare la sua attenzione.
    il mio guaio è che oltre ad avere poca autostima, penso di non avere nulla da offrire ìin cambio oltre ai miei principi.
    mi sento molto svantaggiato, è brutto dirlo ma è così, e a volte rimpiango di essere quello che sono e prego entità affinvchè facciano qualcosa per alleviarmi il dolore.
    quello che desidero veramente è vivere come persona lasciando un buon ricordo di me, non mi interessa avere donne…. ma solo una, quella mia che posso coccolare…

  5. 15
    marziav -

    Kevin, ce ne fossero di ragazzi sentimentali! Ho amiche a decine che non sono mai riuscite a trovarne uno, pur avendolo strenuamente cercato. La tua unica difficoltà è forse “attaccare discorso”. Forse non sei il tipo adatto a incontrare le ragazze in discoteca. Magari ci vorrebbero ambienti più rilassati, in cui uno può raccontarsi con tranquillità, mostrandosi per quello che è senza l’ansia da prestazione di dover utilizzare subito al meglio quell’occasione fugace. Per esempio, delle serate a casa di amici, o corsi di qualcosa (lingue, sport, musica, computer…) in cui puoi condividere delle attività e iniziare a farti conoscere. Ci vorrebero appuntamenti continuativi in cui iniziare a venire in contatto giorno dopo giorno. Non so, un posto dove fare una buona azione per gli altri e, in più, acquistare sicurazza in se stessi e fare nuovi incontri con brave persone sono le associazioni di volontariato. Anche la corrispondenza epistolare (cartacea o elettronica che sia) potrebbe essere un approccio più soft per te(anche se lì c’è poi il problema della distanza e dell’ansia del primo incontro.Boh, magari, per amicizia).Perché superato lo scoglio della timidezza iniziale, non appena una ragazza scorgerà la tua intima dolcezza, non potrà che apprezzarti. Se no, prova a giocare subito a carte scoperte quando resti senza parole: ammetti di essere una persona timida che si esprime più liberamente per scritto. Raccontale pure che intervieni in un forum in cui condividi queste confidenze con noi. E’ vero, rischi che, se la tipa in questione è in cerca di un super-duro, a quel punto ti scarti a priori (tuttavia, meglio saperlo subito). Ma c’è anche l’eventualità (piuttosto probabile, direi), che lei resti colpita dalla tua sincerità e si senta più a suo agio. Infine, ricordati che dove non arrivano le parole che muoiono in gola,arrivano pur sempre gli sguardi! E i tuoi non sono certo occhi vuoti! Però devi iniziare ad apprezzarti! Una pacca sulla spalla di incoraggiamento!

  6. 16
    kevin -

    ciao marzia, beh devo dire che hai trasformato le tue parole in una vero e propria pacca sulle spalle.
    bene, comunque a me non piace andare in discoteca e “tampinare” 3500 tipe nella speranza della statistica, ovvero prima o poi una la trovi.
    Preferisco al contrario incontri che siano a loro volta incontri fortuiti.
    ad esempio amica di amici, per così dire…..
    mi piacerebbe, perchè no, scrivere lettere senza la frettezza che un sms può esprimere.
    si è vero me ne stò rendendo conto, lo sguardo è molto più psicologico di quanto pensassi…
    è anche vero che il mio stato d’animo è scaturito dal fatto che purtroppo ho veramente poche occasioni per conoscere una persona, quindi non essendo rodato, non ne sono all’altezza.
    ….forse dovrei spengnere la mente…..

  7. 17
    marziav -

    Infatti, Kevin, dovresti solo rilassarti come quando scrivi a noi! Le tue lettere sono gradevolissime. Comportati allo stesso modo,senza ansia! Non sei mica sotto esame! Per le occasioni di nuove conoscenze, ti ho fatto degli esempi che potrebbero essere d’aiuto. Cosa fai di solito nel tempo libero? Mi è venuto in mente che potresti anche iscriverti a un corso di latino americano (ammesso che ti piaccia)!Oppure in palestra e in piscina ci sono sempre un sacco di tipe carine. Un’altra situazione in cui sembra si conoscano tante persone è andare tutti i giorni nel solito parco a correre o a portare fuori il cane (ammesso tu ce l’abbia)! Con la scusa della passione in comune per la corsa o per gli animali, si inizia a chiacchierare e poi il resto viene da sé.
    Voglio essere la prima a sapere del grande incontro, ok?! 😉
    Bacio grande, Marzia

  8. 18
    marco -

    Marzia, ciao.
    ho potuto leggere il blog solo oggi dopo tanti giorni.
    beh, grazie se dici che le mie sono parole di incoraggiamento….e pensare che ne avevo bisogno io !!! hi!
    dunque, vediamo il punto. ho fatto le valige e sono andato via. mi sono scrollato di dosso tutto il passato ( forse..spero) con un certo dolore, devo dire, e ancora non è finita, un sacco di storie ancora ma alla fine la soluzione è questa.
    uscire, andare, ricominciare, magari arrangiadosi, l’importante non sfociare nella illegalità o ridursi in larve con alcool e droga.
    Durante i miei turni di notte ( guardia di sicurezza) nel lavoro o nel volontariato (118) mi trovo ad incontrare persone che di persone anno ormai ben poco (fisicamente intendo) ma con una dignita e voglia di vivere che neanche te la immagini. magari dormono in uno scatolone e vengono scacciati dalla polizia. Quante volte mi sono messo tra loro e i poliziotti per dirgli di lasciarli in pace ( oh! collè ma che fai? sta gente bisogna mandarla via…..dove dico io?).
    insomma, si uno lo pensa il suicidio, crede sia la giusta soluzione e inutile dirgli che la vita è bella etc etc …proprio a lui/lei che la vita mette a dura prova? e come li convinci?
    purtroppo in certo momenti si è soli o almeno si crede di essere soli e tirare fuori il collo è difficile, qualcuno che ti prende per i capelli deve esserci senno non ce la fai.
    posso, umilmente, dare un consiglio, ma è solo il mio punto di vista e come tale discutibile.
    cancellare il passato e rifarsi una vita, qualsiasi, non importa dove e come. un colpo di spugna e via. solo ci vuole un po di coraggio per non rimanere impastoiati nei ricordi. l’amore e quindi l’attaccamento( per ogni cosa, non solo fisico) non genera amore ma solo sofferenza, a ben guardare.
    ciao a presto

  9. 19
    eros -

    ciao a tutti, ho letto i commenti e mi sembra il posto giusto per scrivere quanto.
    il problema è che un mio amico ha provato a togliersi la vita, ma non ci è riuscito, con la conseguenza che è stato ricoverato in ospedale e sedato.
    sono l’unico tra tutti a sapere dell’accaduto.
    sono stato da lui, ha 2 gambe e un braccio rotto e alcune contusioni alla faccia.
    entrando gli feci la classica domanda, che a parer mio sarebbe rimasta senza risposta…..
    invece lui scoppio a piangere, forse anche perchè è sotto sedatiti e comunque in uno stato confusionale.
    egli incomincio a parlare vagamente, ma poi mi confessò che aveva un gravissimo problema……
    all’inizio non capì, pensavo fosse una malattia tipo il tumore o il cancro, ma negò.
    man mano che il discorso andè avanti incominciò a menzionare il discorso uomo donna…
    andando sempre più avanti, mi fece capire che lui ha delle difficoltà nel rapporto, insomma problemi idraulici per così dire…..
    questo problema lo scoprì da tempo colpa anche dei fallimenti avuti con le sue ragazze.
    questo problema lo portò in una gravosa depressione, si rivolse ad un psichiatra che lo aiutò e quest’ultimo lo indirizzò da un urologo che gli fece fare degli esami.
    gli esami a suo dire sono perfetti, nel senso che non presenta nessun segno di imperfezione, quindi è un caso puramente psicologico.
    l’urologo forse per fargli passare il disagio gli prescrisse delle pastiglie che funzionarono.
    il mio amico mi disse che si sente un mezz’uomo e che sicuramente non sarebbe durato a lungo con le pastiglie.
    ( in effetti è molto imbarazzante dover assumere quelle pillole a 25 anni).

    scrivo in questo blog perchè non saprei cosa dirgli e cosa consigliargli, insomma non posso dirgli sicuramente che una ragazza potrà capirlo, perchè non ci sarà una ragazza che lo possa aiutare e poi non è agevole per lui stesso; chiunque avrebbe non poche difficoltà.
    non so come aiutarlo, non ne so molto, ma il parere sicnero di una ragazza sarebbe l’ideale.
    ciao

  10. 20
    marco -

    eros ciao.
    hai presente quando un bambino cade? se si accorge che lo guardi si mette a piangere, se fai finta di nulla lui si rialza e come se nulla fosse. drastico ma funziona sempre, con tutti. te lo garantisco.
    il tuo amico non può, non deve, rapportarsi o chiedere “aiuto” ad una ragazza proprio perchè le donne, egli pensa, sono il suo problema.
    non ci sono coccole o comprensioni che possano modificare questo suo atteggiamento mentale.
    lo dimostra il fatto che le analisi mediche non hanno portato risultati negativi ( tutto a posto dice l’urologo ).
    sono piu che convinto che la sua “disfunzione” sia nella testa e che la “colpa” ( uffa quante virgolette ) sia delle donne almeno come la pensa lui.
    soluzione? non so dare una soluzione e neppure un consiglio praticabile, in pratica non lo so, occorre senz’altro stargli vicino ma senza far pesare questa sua condizione ogni volta e senza parlarne per forza. lasciar scorrere le cose come vengono e la soluzione viene da se.
    e pi si potrebbe parlare di energie bloccate, agopuntura, medicine altenative, vita monasteriale etc etc ma non credo che servano….al momento. un saluto, anche al tuo amico.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'informativa sulla privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili