Salta i links e vai al contenuto

A volte la solitudine è una cattiva compagna..

A volte la solitudine è una cattiva compagna.. quando lo è ci si suicida più a parole che a fatti. Cmq sia poche chiacchiere! Oggi, per farla breve, non ho mangiato, a dir la verità sono giorni che rifiuto consapevolmente il cibo, il mio corpo lo richiede e questo va contro ogni logica, la cosa peggiore è che ne sono consapevole. Mi chiedo cosa non va e scopro che in realtà tutto continua a fluire placidamente in bilico tra morte e vita, vivere vuol dire contemplarle e non ci si riesce… che paradosso quando ci si uccide in realtà si è già morti. Dipingo ma per i più non è un lavoro, parlare è come aprire falle in mare, mangiare è il prolungamento di quest’agonia.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

18 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    fer -

    anche io dipingo, ora sono in stallo, se ti fa star meglio fallo, a me aiuta moltissimo, quando non riusciamo a esprimere le nostre frustrazioni, a volte il proprio malessere aumenta e ci far star male, ci rende troppo emotivi, filosofeggiamo invece di vivere la vita. Allora la valvola di sfogo bisogna che la si trova, ognuno dovrebbe trovarla, io dipingo, e poi sto bene, perchè non lo so, mi riprendo il mio entusiasmo che altrimenti sarebbe sotto terra, allora sono fortunato, mi dico che se ho questo allora posso star sereno, altri non hanno neanche una passione, oppure ce l’hanno, ma non lo fanno per passione, perchè dopo un pò si è assefuatti, io mi rendo conto che può capitare a tutti, anche a me, certo anche a me, anzi forse già lo sono, meglio la droga, almeno mi sballo, apro gli occhi, e il cervello, si muore un pò ogni volta, ma poi si resuscita. Di zombie ce ne sono tanti, ne vedo ovunque, almeno io so di esserlo. Però, almeno esci, sfogati prima per la strada, dato che le gambe ce le hai, il mondo è fuori, poi ti sfoghi con la pittura ma la scintilla parte dal conoscere gli altri. Bho!

  2. 2
    Paolo25 -

    Possiedi un grande dono per far trasparire le tue emozioni magari io sapessi dipingere o suonare uno strumento. Me la cavo meglio col canto e coi testi Sai sono gli stessi pensieri che stanno contraddistinguendo il mio agosto e incredibilmente anche il mio stomaco sembra aver preso accordi col tuo….Ma è vero il mondo è fuori e si è vero teoricamente è facile a dirsi e in pratica non lo è specie per gli emotivi che hanno preso delusioni (io stesso dovevo essere ad una festa…ps…esco solo non avendo tante conoscenze aggravando il tutto a una delusione amorosa, poi lo stomaco si è fatto pesantemente sentire e sono qui bloccato e nervoso)….Ma bisogna reagire anche in altri modi e integrare la propria arte per far trasparire le emozioni con quel “vivere il mondo fuori” che tanto sembra difficile da fare. Non ti abbattere e abbi fiducia in te stesso e non lasciare che tutto condizioni la bella persona che sei.

  3. 3
    niente al caso -

    la solitudine è una bella cosa, ma non l’isolamento, non bisogna aspettare che qualcuno ci capisca, ma guardarci dentro e provare noi a capirci, qual’è l’origine del nostro malessere, a volte le aspettative sbagliate che ci siamo fatti del mondo o sulla vita ci fanno stare male.. Se vuoi un consiglio cerca di realizzare te stesso quello che sei veramente, fai le cose che ti fanno sentire vivo quelle che solo tu reputi giuste,guarda in faccia le tue paure e piano piano vedrai dissolverle.Ricordati nessuno puo’ aiutarti se prima non decidi tu dal profondo del tuo essere a voler vincere il tuo buio.

  4. 4
    unless -

    @niente al caso

    Spiegami come si fa a realizzare se stessi senza condividere le nostre emozioni con gli altri?

    Siamo animali sociali non c’è niente da fare… non siamo degli orsi. Loro sì che stanno bene da soli perchè sono istintivamente preposti per questo

  5. 5
    niente al caso -

    Unless, l’isolamento è sbagliato come ho scritto prima, nel senso che non devi isolarti dalla società, semplicemente non devi aspettarti niente dalla società perchè nessuno verrà a bussare a casa tua per darti conforto, la solitudine invece è diversa serve a farci capire chi siamo e cosa vogliamo veramente dalla vita, ma siamo noi a dover fare un passo verso il mondo esterno senza estraniarsi. E’ bellissimo condividere le proprie emozioni con gli altri, ma molte volte si fa lo sbaglio di volere che gli altri ci compatiscano.. ed è qui che bisogna lavorare a imparare a reggersi sulle proprie gambe per non cadere piu’.. e come si fa, cominciando ad essere egoisti ritrovando le cose che ci fanno stare bene, e qui non vi posso aiutare perchè ognuno a le sue. La musica , l’arte, la danza,la lettura, la scrittura, lo sport ect.. ect..

  6. 6
    Paolo25 -

    La solitudine serve per realizzare e far proprie le proprie esperienze…l’isolamento è la prigionia di se stessi ed il blocco del fluire delle esperienze da assorbire e far proprie…la solitudine migliora l’isolamento porta alla distruzione

  7. 7
    unless -

    Si hai in parte ragione.

    sono daccordo che si deve essere egoisti conltivando le proprie passioni.

    Io suono la chitarra, per esempio, vuoi mettere condividere questa passione con gli altri che ti ascoltano o partecipano? Non ha prezzo

    Poi la solitudine per essere positiva deve avere una durata relativa, serve in determinati periodi, per farci crescere. Comunque molte persone, anche mature, non l’hanno mai sperimentata e non per questo le vedo superficiali.
    Sono discorsi soggettivi da persona a persona, penso

  8. 8
    leucosia -

    ho letto attentamente i vostri messaggi e ve ne ringrazio. quando ho postato questo pensiero ero in un comprensibile stato confusionale,ma con lo stomaco leggermente pieno nn è che che vada meglio:) ma su non pensiamoci! solo dopo averlo postato mi son ricordata che la vita è ”un lento suicidio” e d’aver perso di vista l’obiettivo principale: viverla! e così ho passato un’intera giornata a spendere e spandere energie in litigi, stanca d’essere additata come quella meno capace, quella gelosa, quella diversa, seminando, causa temperamento aggressivo, ulteriori inamicizie. sono stanca d’essere continuamente etichettata, lo trovo stupido, anche perchè quanto dicono nn è per nulla vero! e ”non ti sposerai mai”, ”non sei bella quanto tua sorella dì la verità sei gelosa del ragazzo?”, ”chi vuoi ti prenda a lavorare”, ”sei pazza”, e via discorrendo. odio che lo pensino, da animale sociale non accetto di buon grado che i primi a svalutarmi siano i miei familiari! e così alla mia prima mostra invece d’essere contenti m’hanno criticata, dicendomi che dovevo pensare alle cose concrete e non all’abito da indossare, ed è diventato tutto triste. per me è importante condividere uno stato d’animo. e cerco di condividerlo con chi amo, tutto il resto è noia. e cerco di comunicarlo con la pittura.

  9. 9
    Paolo25 -

    Leucosia…ma tu sei salentina (Leuca-Leucosia) o di Castellabbate?

  10. 10
    niente al caso -

    *Unless sai cosa penso che se oggi non appartieni a un gruppo sociale in particolare vieni isolato perchè la gente a paura. A me piace l’unicità delle cose al costo di stare solo a vita, non saro’ mai uno diverso da me per avere qualcuno intorno, ognuno di noi è speciale e deve trovare quell’essere che è in lui.

    *leucosia dai troppo peso a quello che dice la gente di te, te lo dice uno che nella vita se ne è sentite dire di tutti i colori e ancora continua.. Ma dopo tanto star male da parte mia ho capito che come dice noemi “sono solo parole”. Deve crescere la tua autostima la fiducia che hai in te stessa e vedrai che esse diminuiranno.. Conta l’opinione che tu hai di te non quella degli altri.. Ti sei mai chiesta realmente cosa pensi di te stessa? Prova ne sarai meravigliata

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili