Salta i links e vai al contenuto

Sentirsi a credito

Lettere scritte dall'autore  salvo ruotolo

Rileggendo, alcuni giorni fa, un editoriale di Claudio Magris – La società degli ingrati – apparso sul Corriere della Sera un bel po’ di anni fa, il pensiero mi è andato su due cose.
La prima. Credo sia capitato – e càpiti – a molti di noi, in un rapporto di amicizia o anche di mera conoscenza, ricevere tempo, attenzioni, talvolta amorevoli cure. Tempo, attenzioni e cure che – io credo – non ci siano dovuti. Nel senso di non essere affatto, noi, a credito – per dir così – rispetto a chi, quel tempo, quelle attenzioni e cure, generosamente ci ha elargiti. E questo anche nel caso in cui noi stessi non abbiamo fatto mancare, alla nostra amica (o amico) o alla nostra conoscente (o nostro conoscente), tempo-attenzioni-cure. Una situazione, quest’ultima, che facilmente potrebbe farci sentire a credito. Una specie di do ut des, in altre parole.
La seconda è questa. Può capitare che, tempo-attenzioni-cure, ci vengano da persone che, in qualche occasione, nei nostri confronti, abbiano usate parole pesanti e fuori posto. Oppure espressioni che riteniamo ingiuste. Ingenerose. Anche in questo caso credo che, il principio di non sentirci a credito, debba rimanere fermo, anziché mandarlo in frantumi.
Dire la nostra gratitudine a chi ha deciso di dedicarci tempo-attenzioni-cure è – può essere – qualcosa che fa bene ad entrambi: a chi ha dato e a chi ha ricevuto!

L'autore ha scritto 11 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Sentirsi a credito

Lettere correlate a:

Sentirsi a credito

Continua a leggere lettere della categoria: Riflessioni

1 commento

  1. 1
    Rosa -

    Sbagli. La critica rigorosa è un dovere perché tu fuori contesto vieni visto come un mendicante d’amore. Si deve misurare tutto. Senza offesa. Esiste la legge. Nessuno ti fa degli sconti. Non potrebbe. Non si cambiano le persone. L’ottimistica vitalità può spezzarsi (non capita a tutti), ma quando capita bisogna accettare le differenze e separarsi con chiarezza da chi vive in costruzioni infondate della sua mente senza darci tutto. Ne esiste una su un milione. Il resto ti deve suscitare rispetto (quando ce n’è ragione) o disprezzo. Altrimenti t’inganni. Si vede quello che vedono. Non essere ingenuo. Sono come nessuno. Chi la pena diversamente, nel profondo, perché poi la vita è fatta anche di retorica, non può cambiare il significato della comunione traslandola nella natura, dove la storia va a morire. Non devi avere pietà. Tanto sei circondato da chi ti dà contezza delle illusioni del mondo classico.

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili