Salta i links e vai al contenuto

Schiavi di “condivido” e “mi piace”?

Il Governo Giallo-Verde pare che si avvii al capolinea e che la motivazione possa essere l’avvio di una inchiesta giudiziaria attivata dai giudici e gestita dalla stampa che a ragione o a torto sostiene ed invoca la necessità di dimissioni da parte del politico di turno destinatatrio di avviso di garanzia o sotto inchiesta in seguito ad itercettazioni telefoniche. Ancora una volta, almeno apparentemente,la crisi nasce fuori dalla sede naturale: il Parlamento.
Che la stampa si attivi mi pare una cosa normale quello che non appare normale all’elettore è che i firmatari del contratto di governo utilizzino per comunicare fra loro e per esporre le peoprie posizioni strumenti mediatici come per ottenere consensi ciascuno alle proprie tesi e sostegno alle proprie ragioni. Pare che l’avere ragione o torto e l’essere nel giusto o no dipenda non dalla validità delle tesi da ciascun duellante sostenute ma dal numero di “condivido” o “mi piace” che ogni esternazione ottiene. Questi duellanti contano i “condivido” o “mi piace” ma non tengono conto di quella maggioranza silenziosa che, avendo gli attributi gonfi,con il silenzio vorrebbe dire “ ora basta” e “andate a quel paese”.

L'autore ha scritto 30 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Politica

2 commenti a

Schiavi di “condivido” e “mi piace”?

  1. 1
    Rossella -

    Per me non esiste nessuna maggioranza silenziosa. Il piacere è l’esperienza primaria che forma le idee. la condivisione porta ad uscire da un clima di astrattezza. Questo archetipo barocco dà sostanza alle istituzioni. Più che un’inchiesta mi sembra un attentato alle istituzioni. Rubens spiega questo concetto in un’opera il cui ricordo mi ha accompagnato per tutta la mattinata; mi riferisco all’olio su ardesia che si trova nella chiesa nuova di Roma. “Angeli in adorazione della Madonna della Vallicella.” Mi viene in mente anche la Circoncisione, sempre di Rubens. E ancora l’Assunzione di Lanfranco. Ce ne sarebbero tante altre della stessa epoca. L’aurora di Guercino: che rappresenta gli esordi della decorazione barocca. Il canone è lo stesso. Si ripete.

  2. 2
    Yog -

    Non pare normale a te. Ma sei sicuro di essere tu il “normale”? Non ti dò nessun like, stai sereno.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili