Salta i links e vai al contenuto

Salvare il salvabile

100 precari.. tutti a casa.. Il motivo? Non si può fare altrimenti, soltanto salvare il salvabile.. Che corrisponde a dire salvare 3 persone per spedirne a casa più 100.. Ecco cosa sta accadendo in queste ore presso i Centri di ricerca dell’agenzia ENEA. Stamattina, a gran sorpresa, tutti i ricercatori precari ricevono una “lieta” comunicazione, dalle OO SS nazionali, in merito al piano assunzioni dell’Agenzia che prevede di non bandire nuovi concorsi a Tempo Indeterminato e di far seguito alle previste assunzioni, 167 posizioni già autorizzate e con copertura economica, UNICAMENTE attraverso scorrimenti di graduatorie passate. La soluzione scelta dal Commissario dell’ENEA è stata quella di “salvare il salvabile”, attraverso assunzioni immediate, ovviamente ai danni dei precari. Nelle suddette graduatorie, infatti, la percentuale di precari dell’Agenzia è minima, pertanto si tratterebbe per lo più di prendere persone che non hanno mai lavorato ad uno solo dei progetti di Ricerca avviati dall’ ente. In questa maniera oltre a non risolvere, né attenuare il problema del precariato, si troverebbe ad assumere personale non formato, in alcuni casi minimamente qualificato (alcune graduatorie verrebbero scorse fino alle ultime posizioni) e molti dei nuovi assunti non corrisponderebbero ai profili ed alle esigenze già manifestate dai Responsabili delle diverse Unità Scientifiche.
Il problema è ancora più grave per il Centro ENEA della Trisaia, localizzato in Basilicata, che perderebbe numerose risorse precarie, presenti mediamente già da 4 anni, aggravando ancora di più lo spopolamento ed il depauperamento del patrimonio scientifico del Centro. I comunicati sindacali riferiscono che le nuove assunzioni saranno già firmate stasera, 19 maggio 2010, e l’immediatezza della soluzione proposta non fa altro che peggiorare la situazione, non rendendo possibile alcuna forma di mediazione con i sindacati e di ricerca di una convergenza fra le esigenze scientifiche dell’Agenzia con le nuove assunzioni. Alla luce di una situazione tanto drammatica i precari del C. R. Trisaia chiedono solidarietà e l’intervento immediato non solo delle OO SS ma di tutte le forze politiche per l’individuazione di una soluzione che rispetti le esigenze dell’Agenzia e dei tanti ricercatori che da anni mettono in gioco le loro competenze e professionalità.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

7 commenti a

Salvare il salvabile

  1. 1
    magirama -

    Ciao. Siamo alle solite, le grosse aziende e le multinazionali preferiscono tagliare centinaia di persone che rendono e che guadagnano poco piuttosto che cacciare poche persone che non fanno una mazza e che guadagnano tanto.
    Tempo fa il governo ha sollevato una questione interessante: tutte le multinazionali o le aziende straniere che hanno investito in Italia e che hanno ricevuto sovvenzioni dallo Stato, qualora decidessero di chiudere e di licenziare i dipendenti, devono restituire il finanziamento ricevuto. Direi una bella cosa, il problema è: lo faranno davvero?? Io ho i miei dubbi.
    La verità è che siamo in mano a una classe politica falsa e corrotta che sostiene una classe dirigenziale ridicola. In Italia non ci sono soldi salvo che per gli sprechi e per le manovre “furbette”, quando a fare le leggi e a gestire il patrimonio sono i fuorilegge e i disonesti, c’è poco da fare per gli onesti. Questi signori continuano a mangiare sulla nostra pelle ma non si rendono conto che la società ormai è al collasso, la gente è quasi allo stremo. In parte è anche colpa nostra, perchè c’è la crisi, è vero, però non rinunciamo alle ferie, alle cene al ristorante o ai beni non di prima necessità, la crisi c’è ma non si vede. Questo comunque non toglie il fatto che siamo stanchi di sentire le solite sceneggiate politiche televisive (i politici sono abilissimi a dire ciò che vogliono in tv ma a nascondersi quando fa scomodo, sono abili a curare l’immagine e a manipolare i media), di vedere sempre meno lavoro e sempre peggio retribuito, oltre che a vedere i soliti manager raccomandati e incapaci che oltre a far andare male le aziende (sia private che pubbliche) prendono fior di stipendi e benefits, oltre che a delle buone uscite milionarie per togliersi dai piedi. Sempre le solite facce a gestire il solito sistema a favore dei soliti dementi… Dovrebbero sparire tutti a calci nel c**o!!!!
    Scusate lo sfogo, io la vedo così.

  2. 2
    toroseduto -

    Ciao immunesystem, leggendo la risposta dell’amico magirama, mi sfugge qualcosa.
    L’ENEA è “Ente per le Nuove tecnologie l’Energia e l’Ambiente”?
    Quindi non è nè una multinazionale, nè una grande azienda. Almeno ricordo così. Un Ente di ricerca.
    Altra curiosità, dici che i sindacati hanno reso noto queste novità
    nelle assunzioni. Quindi è stato concordato, hanno fatto un’accordo.
    Quando dici che le OO SS dovrebbero intervenire, dovrebbero farlo
    contro se stessi?
    E’ vero che stiamo precipitando nel buio più profondo, mi pare di capire che chi ha fatto ricerca per 4 anni torna a casa, e i nuovi
    assunti lo saranno a tempo indeterminato.
    Potressti essere più chiaro? Mi sfugge il senso logico di questa scelta, è la solita cavolata politica-sindacale di parte, o una ristrutturazione? Ciao

  3. 3
    immunesystem -

    Caro toroseduto, grazie per aver letto e risposto alla mia lettera (grazie anchea magirama per il suo intervento). L’Enea non è una multinazionale, è un ente di Ricerca; per l’esattezza dal 15 settembre 2009 è diventata Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile , finalizzata alla ricerca e all’innovazione tecnologica nonché alla prestazione di servizi avanzati nei settori dell’energia.Tutto ciò che sta accadendo, o meglio è già acceduto, non ha nessun senso logico!!! Il Commisario ENEA, in piena autonomia e senza (pare!!!??) consultare nessuno, ha deciso di assumere 167 persone prendendole da graduatorie vecchie, addirittura risalenti al 2005 (e non so se sia legale) ..Il motivo? La spiegazione che è stata fornita è questa:l’Enea ha i soldi per assumere 167 persone (da ribadire che i precari presenti in ENEA sono circa 120) ma questi soldi andrebbero persi (??) in seguito al decreto che prevede il blocco delle assunzioni e che dovrebbe essere firmato giorno 27 maggio. Non essendoci il tempo di bandire nuovi concorsi (o meglio non l’hanno trovato, dato che si parlava di farli uscire a fine gennaio) il Commissario pur di non perdere questi soldi ha deciso di assumere a casaccio personale a tempo indeterminato!!!! Il tutto ha dell’assurdo.. I precari che lavorano mediamente da 3-4 anni in ENEA non sono stati presi in considerazione, nè hanno avuto l’appoggio dei sindacati che, come hai precisato bene, hanno concordato questa soluzione. Il tutto mi getta in un profondo sconforto. Sicuramente dietro tutto ciò esiste qualcosa di poco chiaro e pulito!! forse anche qualcosa di illegale .. Non so!!Il fatto è che non è giusto.. Non si agisce così! La mia agitazione in questo momento è tanta e non ho parole. Possibile che la vicenda si chiuda così? Sono in pieno sconforto.

  4. 4
    toroseduto -

    Diciamo che ora è un po più chiara la faccenda. Siete in 120, e penso
    non iscritti a nessun sindacato. Quindi il commissario ha avuto la
    facoltà di gestire la cosa a sua discrezione con l’avvallo del sindacato. Se sbaglio qualcosa, aiutami, capisco il tuo stato di sconforto e delusione. Perché non formate un comitato? Lo statuto dei lavoratori lo consente! Anche se siete precari da 4 anni, credo che ci possa essere la possibilità di poter almeno sapere dove è il marcio. Scegliete un gruppo di 4-5 rappresentanti e andate a protestare col sindacato, non disperdetevi, restate uniti, è l’unica possibilità di poter ottenere qualcosa, se vi disperdete, le cose andranno come già deciso dall’alto. Fate sentire la vostra voce.
    In bocca la lupo!

  5. 5
    immunesystem -

    Oggi, l’ennesima presa in giro! Dagli ultimi dati emerge che almeno per il settore della ricerca non vi sarà il blocco di assunzioni per l’anno 2010 e non vi sarà neanche il blocco di bandire nuovi concorsi.. Dunque l’ennesima beffa.. Le prospettive di stabilizzazione per i precari presenti in ENEA con varie forme contrattuali sono svanite per una decisione TIRANNICA di un soggetto, il COMMISSARIO ENEA, che non ha assolutamente a cuore il bene dell’Ente e che, come da lui affermato, “dei precari ENEA non se ne frega minimamente”. Tale soggetto insignito di POTERI ASSOLUTI ha arbitrariamente disposto di assumere 167 persone seguendo probabilmente (certamente!!!) il suo unico metro di giudizio che è stato quello di piazzare gente sicuramente con minore esperienza rispetto ai precari qui presenti, per compiacere “il politico di turno” e il suo interesse privato. NON E’ GIUSTO.. CONTINUEREMO A LOTTARE.. ma le assunzioni sono già state fatte ed i sindacati DORMONO O FINGONO DI DORMIRE. La mia domanda ora è questa? Possibile finisca tutto così? Se qualcuno è a conoscenza .. se i precari ENEA decidessero di percorrere la via legale per impugnare queste assunzioni secondo scorrimento di graduatorie, fatte senza criterio e che hanno lasciato fuori la maggioranza dei precari che lavorano da 3-4 anni in ENEA, e pretendere la pubblicazione di bandi nuovi per l’assunzione di personale a tempo indeterminato, vi sarebbe una qualche possibilità di ottenere giustizia? GRAZIE ASPETTO vostre RISPOSTE

  6. 6
    collega -

    Miei cari colleghi,non pensate che chi verrà assunto è,si,gente esterna, ma persone normali, che partecipando ad un concorso pubblico,perchè avevano i requisiti e/o i profili richiesti,sono risultati idonei ma non vincitori di concorso?
    Come mai voi non siete nelle graduatorie da cui si assume?
    Secondo me dovreste sperare che ci siano nuovi concorsi,dove vengano richiesti i vostri profili e vincere.

    In bocca al lupo

  7. 7
    immunesystem -

    Caro collega, ormai il più è fatto, le assunzioni ci sono state. Certo che i neoassunti sono persone normali, non è contro queste figure professionali il nostro rammarico! .. Il punto è questo: ad ottobre del 2009, da un consiglio, era stato approvato il nuovo piano di assunzioni dell’ente. Erano stati approvati i nuovi bandi di concorso dove venivano richiesti diversi profili, coerenti alle nostre figure professionali. I bandi non sono mai stati pubblicati, si è temporeggiato fino alla beffa finale.. “Dato che ci SARA’ UN BLOCCO NELLE ASSUNZIONI E NON C’E’ PIU’ IL TEMPO DI BANDIRE VERRANNO ASSUNTE 167 PERSONE ATTRAVERSO SCORRIMENTI DI GRADUATORIE”.. Peccato che non è previsto il blocco delle assunzioni, peccato che avrebbero potuto bandire tranquillamente i concorsi. Non è detto che avremmo vinto.. ma ci sarebbe stata data la giusta e MERITATA opportunità. Inoltre, mi chiedo perchè ricorrere a graduatorie del 2005? Altra stranezza: qualche collega precario era inserito in alcune delle ultime graduatorie .. Ma chissà per quale motivo, solo alcune graduatorie sono state considerate, per altre non si è proceduto ad alcuno scorrimento. Quando è stato chiesto il motivo al COmmissario, l’unica risposta è stata questa : “ho deciso io quali graduatorie considerare e quali no, a mia discrezione”. Allora, in tutta l’ingiustizia della situazione, sarebbe stato più corretto, a mio parere, procedere ad uno scorrimeto equo! In ogni caso, ormai è stato fatto tutto! Ultime notizie: pare che alcuni dei 167 neo assunti, abbiano rifiutato e il Commissario ha deciso che, per i posti rimasti vuoti bandirà i nuovi concorsi. Allora poteva già bandirli prima? Perchè questa fretta di assumere? In ogni caso pare che i rifiuti siano stati pochissimi, ovviamente.. Chi rifiuterebbe un posto a tempo indeterminato? Solo chi lo ho già!! In totale, si parla di non più di 10 rifiuti, secondo le voci che circolano. I posti c’erano per tutti..a tutti noi doveva essere data un’opportunità!

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.