Salta i links e vai al contenuto

Perché reagisco così male?

Salve a tutti ragazzi, mi piacerebbe avere un parere, specialmente dalle ragazze, cerco di farla il più breve possibile. Circa 2 mesi fa, causa lavoro, ho dovuto abbandonare l’Italia per trasferirmi all’estero. In Italia avevo la mia ragazza con cui stavo oramai da un anno e mezzo e con cui le cose erano sempre andate bene. All’annuncio della mia partenza ovviamente la reazione non è stata delle migliori, addirittura lei inizialmente voleva chiudere la storia dicendo che non avrebbe sopportato la lontananza, tuttavia sono riuscito a farla ragionare, spiegandole che col sentimento che provavamo l’uno per l’altra saremmo riusciti a sopportare 6 mesi di distanza: in più grazie ai voli economici e ad internet avremmo ridotto le distanze. All’inizio le cose sono andate bene, ci sentivamo telefonicamente e dopo 1 mese lei è venuta anche a trovarmi. Siamo stati insieme 1 settimana e tutto sembrava andare come sempre, come in Italia. Poi di colpo è successo qualcosa, ha cominciato ad essere più “lamentosa”, mi incolpava di non darle attenzioni e se l’è presa perché a Pasqua non sono sceso in Italia. Dopo averle spiegato che non era così facile per me prendere le ferie dopo appena 1 mese di lavoro e che il biglietto mi sarebbe costato un occhio della testa sembrava essersi calmata. Poi, forse un po’ bruscamente, ho cercato di farle capire che non ero certo all’estero per divertirmi, ma per lavorare, anche per costruire un futuro assieme. Poi di colpo il fulmine a ciel sereno. A distanza di una settimana mi manda un sms dicendomi che si sentiva fredda, distaccata nei miei confronti, e che non riusciva a provare più quello che provava prima. Sinceramente ho pensato subito ad un brutto scherzo o ad una crisi passeggera dovuta alla distanza ed ho deciso così di prendere le ferie e di partire immediatamente per l’Italia per cercare di capire, anche perché lasciarsi per telefono lo ritenevo più che squallido. Di fronte a me ho trovato completamente un’altra persona: fredda, distaccata, lucida, cinica e decisa: “basta è finita, non provo più niente, torna pure da dove sei venuto! ” Potete immaginarvi il mio sconforto e la mia incredulitá di fronte a frasi del genere. Le ho anche detto che avrei lasciato il lavoro e sarei tornato in Italia, ma lei mi ha risposto che non sarebbe cambiato nulla, che un ex è un ex anche se sta nello stesso paese. Ho cercato e sto cercando di dare una spiegazione a quanto sia avvenuto, anche se ormai non serve a nulla. Credo che lei in questi 2 mesi abbia sofferto moltissimo, ma sia rimasta in silenzio (conosco bene il tipo e non è una che esterna le proprie emozioni, non sono mai riuscito a capirla a pieno) , credo di aver sottovalutato il suo dolore (questa è forse la mia unica colpa) e che lei abbia reagito così per uscire da una situazione d’empasse che le impediva di vivere come avrebbe voluto. Io tutto cio posso anche capirlo (è difficile ma ci provo) , non riesco a capire la sua freddezza, il suo mettere in discussione tutta una storia insieme (“non sembrava più una storia d’amore, sembravamo 2 amici”) , il suo mettere in discussione il mio comportamento verso lei (“in un anno e mezzo hai sempre anteposto te a me! ”) , sinceramente le trovo banali scuse per poter dare un taglio netto. Lo so che starete pensando che possa avere un altro, ma conoscendola bene non credo proprio. Ora sono qua, in un paese straniero, distrutto, disorientato, incredulo e molto molto triste. Mangio a fatica, dormo poco e non riesco a darmi pace, ho sempre lei per la testa e non riesco a concentrarmi su altro. Vorrei mollare tutto, ma per cosa?

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

- Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

6 commenti

  1. 1
    cogito -

    caro amico, lasciala perdere. una donna che non riesce a sopportare la tua lontananza (per di più di breve periodo!! cosa sono 6 mesi rispetto a tutta la vita insieme??) tra l’altro per un motivo serio, di lavoro, non ti merita.
    io in passato ho lavorato all’estero come te per un periodo e la mia ex m’ha aspettato!
    un mio caro amico è stato quasi 2 anni in afghanistan come militare durante la guerra e la sua attuale moglie lo ha pazientemente e con tanto amore atteso.
    anche se è dura, fa tesoro di questa vicenda per capire che lei non è la donna della tua vita, non ti Ama con la A. e che prima o poi ti avrebbe comunque scaricato. magari in modo peggiore. meglio così. almeno essendo ora lontano faciliterai la fase di distacco. fatti coraggio e vai avanti.
    buona fortuna amico! concentrati sul lavoro (e sulle donne locali) che è meglio!

  2. 2
    Rob3r7o -

    Quoto cogito, ha perfettamente ragione.
    6 mesi??? Una sciocchezza!
    Inoltre parrebbe ti abbia lasciato molto prima…
    Io non vedo scusanti. E poi, permettetemi, ma questa storia di un “ha un altro/a” è veramente ridicola.
    Se avesse un altro, se ti avesse sostituito in Cosi poco tempo, allora sarebbe ben più grave. Per cui anche se ora ti sembra di essere precipitato in un burrone, sappi che poi ti riterrai fortunato.
    Ma lei è giovane? Da come parli pare di si e, nel qual caso, è da ricordare che da giovani le donne possono essere pozzi di insicurezza e volubilità
    Non addossarti colpe che non hai. Si capisce che hai amato e ami ancora. Lei? Forse non l ha mai fatto veramente?

  3. 3
    Lizzie -

    Io non credo che abbia un altro, penso però che magari già prima lei avesse qualche incertezza o dubbio sul vostro rapporto ma finchè ti ha avuto vicino ha messo tutto da parte forse pensando a qualcosa di passaggero. O forse perchè era talmente abituata alla tua presenza da non riuscire a immaginare un dopo senza. Nel momento in cui la distanza si è protratta lei ha avuto modo di fare chiarezza, rendendosi conto in concreto se effettivamente sentiva la tua mancanza, insomma ha iniziato a intravedere in che modo viveva non avendoti a fianco.

    Almeno a me è accaduto così, con la differenza che io sono rimasta in patria (si fa per dire perchè vivevamo in 2 città diverse d’ Italia)e io sono stata quella mollata. Il mio ex ha addotto scuse simili a quella della tua ragazza, ho saputo poi da un amico comune con il quale si era confidato che lui aveva dei dubbi sulla nostra storia che ha chiarito solo con la distanza.

  4. 4
    sanseveroraus -

    Grazie anzitutto per i commenti ed il sostegno, lo apprezzo molto. Lei, sì, è piccola, ha 24 anni, ma posso tranquillamente dire che la ritengo e l’ho sempre ritenuta una persona matura, quindi proprio per questo la delusione è più cocente. Rimane comunque una persona che stimo (anche se a volte ripensando a ciò che mi ha fatto vorrei prenderla a schiaffi). E’ una ragazza che riesce benissimo a comprendere gli altri, ma guai se la inviti a guardarsi dentro. Più che altro ha poca voglia di migliorarsi, di pensare per sè. Quante volte le ripetevo di coltivarsi una passione, un hobby, qualcosa per lei, e non solo lavorare e pensare a me. Quante volte le ho detto di pensare di più alla sua salute, che spesso trascurava. Niente. Un muro. Ora il paradosso è che dice di dover pensare a lei! Lizzie lei ha sofferto molto, l’ho notato quando sono tornato in Italia (dimagrita parecchio), però non ho capito bene perchè, se dice di non provare più niente. Però il tuo discorso fila.

  5. 5
    Mimì -

    Non ti voglio scrivere nè giustificazioni nè giudizi morali (ovviamente ho i miei pensieri, ma me li tengo per me). Piuttosto posso aiutarti a cercare qualche motivazione che forse non hai valutato.
    Ne avevate parlato? Le avevi chiesto cosa ne pensasse? Non è che si è sentita esclusa?
    Cioè, voglio dire…se tu le hai comunicato dall’oggi al domani la scelta di partire, a valige già pronte, può essere che si sia sentita accantonata alla decisione? Sapeva che andavi anche per costruire un futuro con lei o magari non l’hai specificato (così che potesse pensare che lo facessi magari per egosimo personale).
    Le hai chiesto se voleva venire con te? O almeno detto che ti sarebbe piaciuto che venisse ma che per questo o quel motivo non era possibile…?
    Credo che la sua chiusura oggi sia dettata dalla razionalità che le impone di non aprirti più la porta, forse per paura di essere destinata alla solitudine dovuta a tuoi ipotetici continui spostamenti (magari pensa che il primo apra la strada a degli altri).
    O forse è proprio l’essersi sentita poco considerata in tutta questa storia. Non lo so, pensaci, forse riuscendo a parlarci azzeccando il punto la puoi “sciogliere”.
    Non ti consiglio di lasciarla perdere, così sì le dimostreresti che la sua tesi (se ci ho colto qualcosa) era fondata e rischieresti davvero di perderla per sempre. Se sai che è una persona che tiene tutto dentro, se sai che magari effettivamente l’hai trascurata (per quanto fosse comprensibile), allora cerca di fare un passo verso lei. Costantemente finchè non cede. Prima o poi lo farà, a me il mio ragazzo mi mancherebbe troppo per non riprendermelo a braccia aperte dopo una lunga distanza (fisica e non).
    Ciao

  6. 6
    sanseveroraus -

    Cara Mimi’ grazie infinite per il tuo commento. Comincio col dirti che la partenza è stata improvvisa, e che sicuramente non le ho dato molto modo di poter dire la sua, se non che voleva lasciarmi prima della partenza. Ero deciso a partire, e lei sapeva benissimo quante difficoltá e quanti lavori avevo perduto nell’ultimo anno e mezzo. Il lavoro era la prima cosa in quel momento e sicuramente ho sottovalutato la reazione emotiva. Ovviamente le ho chiesto di venire con me, anche se non ho insistito piu di tanto (mi aveva sempre espresso la sua volonta di rimanere in Italia e anche che un’esperienza cosi a lei non interessava affatto). Non sono stato bravo a farle capire che quello che facevo lo facevo anche per noi (tuttavia non nascondo che fosse un’esperienza che volessi giá fare in passato). In Italia ero pronto per andare a convivere se mi avessero assunto e questo lei lo ha sempre saputo. Purtroppo cosi’ non è stato, ed ho preso la palla al balzo. Sinceramente ci ho parlato fino allo sfinimento, tornando anche in Italia (quando tutti me lo sconsigliavano), e non c’ho mai capito niente. Lei dice di non provare piu quello che provava, che vuole stare da sola. E’ stata molto categorica. Cos’altro posso fare? Tu mi dici di non lasciarla perdere, ma come si fa quando davanti hai un muro? Credi che mi piaccia dover accettare questa cosa? Non posso proprio fare altrimenti credo.
    Ciao

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili