Salta i links e vai al contenuto

Quando un marito fa il lumacone con le altre

Lettere scritte dall'autore  Ramona5
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

18 commenti

Pagine: 1 2

  1. 11
    Gabriele -

    Stai tranquilla. Ti spiego: io ho tre sorelle molto più grandi di me, una ha 45 anni (io 25), e lavora fianco a fianco ad un uomo sposato, che come dici tu fa il “lumacone”; lei ovviamente ci deve avere a che fare per via del lavoro, ma nulla di più, anche Perchè impegnata. Mia sorella ha cercato di far capire a questo uomo, che le ha mostrato delle attenzioni, particolari, il suo disinteresse, in più di un’occasione, ma lui niente. Dopo vari tentativi, mia sorella si limita al “pettegolame” familiare: ogni volta che ci vediamo io, lei e il suo compagno, mia madre o le mie sorelle e fratelli, ridiamo sempre un sacco, perchè gli fa il verso, o meglio parodia.
    Quindi non hai niente da temere secondo me. Tuo marito diverrà probabilmente lo zimbello dell’ufficio dove lavora, ma non credo ti metterà le corna.

  2. 12
    Ramona -

    Caro Gabriele, grazie del tuo prezioso consiglio, ma il fare il lumacone di mio marito non è il solito “viscido” passami il termine, che annoia e disturba una donna. Ho usato questo termine per spiegare la situazione, ma il suo è un modo di fare molto simpatico che fa ridere le donne. Pensa che con lui appunto lavora una ragazza di 28 anni ed è attaccatissima a lui. Il mio cruccio e la mia domanda è dove è il limite confidenziale che un collega deve avere pure lavorando assieme fianco a fianco. Dove sfocia la confidenza. Sento le loro telefonate e non si limitano a parlare dei clienti ecc, ridono fanno battute su altre questioni. Io ripeto sono solo un umile donna Delle pulizie, e non so quanto è dove è questo limite.

  3. 13
    Golem -

    Direi che non lo vedi perchè è stato superato da un pezzo.

  4. 14
    nicola -

    Ramona, conosco l’incubo che stai vivendo perchè ci sono passato anche io.
    Penso che se una persona ti vuole bene non ti da nessun motivo di essere gelosa.

  5. 15
    Xavi -

    Ramona… sicura di non lavorare nel consorzio di bonifica? Comunque Sfocia al commento n.6

  6. 16
    Ramona -

    Ciao Nicola, se ci sei passato sai bene come ci si sente. Lui purtroppo dice che sono io gelosa e che è normale!!!! Ecco perché sono confusa, cos’è il normale? Tu cosa avevi fatto? Golem tu che proponi?

  7. 17
    beetlejuice -

    Ciao Ramona, gelosia motivata a parte, ciò che colpisce è il disinteresse di tuo marito nei confronti del tuo stato d’animo. Sei sua moglie e ciò che vivi e provi dovrebbe essere importante per lui, anche perché poi le persone come tuo marito, quando subiscono lo stesso trattamento vanno su tutte le furie. Alla faccia della coerenza! Il mio personale consiglio è di iniziare a concentrarti più su di te, non sentirti inferiore per il tuo lavoro, ci mancherebbe fosse quello a definire chi sei. Cerca di curarti, esci anche tu. E digli che se è tanto brillante, il pranzo se lo può preparare da solo.

  8. 18
    Yog -

    Scusate, ma devo intervenire. Devo.
    Una donna delle pulizie è SCANDALOSO che si senta inferiore socialmente a un assicuratore.
    Non scherziamo.
    Anzi, direi che ogni sussidiario scolastico riporta la donna delle pulizie di fianco all’assicuratore.
    Siete pari grado, digli di smettere di fare il brillante! E magari usa un uniforme migliore, io vedo certe donne delle pulizie che sembrano delle playmate.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili