Salta i links e vai al contenuto

Playboy innamorato?

Caro direttore, cari amici, leggo con interesse le storie qui pubblicate e colgo l’occasione per raccontarvi anche la mia ed avere un consiglio. Dunque, sono una ragazza di 26 anni, uscita da un rapporto durato molti anni; ho avuto solo un uomo nella mia vita ed è stato il mio ex. 5 mesi fa ho incontrato per caso un uomo di che era nella mia città per lavoro e tra una cosa e l’altra abbiamo iniziato a parlare..questa frequentazione è durata poco perchè lui è dovuto ripartire e senza che tra noi ci sia stato nulla. Prima di partire lui mi ha chiesto il numero e dopo vari tentennamenti ci siamo scambiati i contatti telefonici..Lui ha 34 anni, ed è uno di quegli uomini che non sono mai rimasti senza la bella ragazza al proprio fianco..navigato…per intenderci..Io invece sono decisamente meno esperta e per questo timorosa nei confronti di questa persona, vi spiego il perchè..Dopo la sua partenza continuiamo a sentirci con una certa regolarità e lui, colpito dal primo incontro, inizia a dirmi che mi pensa molto, che per quel poco che mi ha conosciuto pensa io sia una donna d’altri tempi, seria, educata…insomma inizia un corteggiamento da parte sua..Dopo mesi di telefonate qualche giorno fa mi dice apertamente che vorrebbe tanto amarmi e che io non voglio lasciarmi andare ai sentimenti..Allora amici il problema è questo..io probabilmente sono innamorata di lui, però ho paura di soffrire perchè, come lui stesso mi ha confessato, ha fatto soffrire molte donne e non ha mai perso la testa per nessuna…Perchè io dovrei essere l’eccezione?Lui è veramente bello, interessante e non posso credere al fatto che in tutti questi mesi non si sia visto con nessuna donna perchè aveva in testa me…può anche essere ma mi è difficile crederlo..Voleva venire a trovarmi a Natale per stare un pò con me ma io gli ho mentito dicendo che sarei andata fuori..Sono molto confusa…mi pongo mille domande…E se mi volesse conquistare solo perchè sono una bella ragazza…mi aggiungerebbe alla sua lista e poi ciao e tanti saluti?Io qualcosa a lui l’ho chiesta e lui mi ha risposto che con me è diverso perchè è perso..Io lo so che non è falso ma ho paura di farmi male….io penso che sia l’uomo per me però non so…sarà l’inesperienza che mi fa avere tutti questi timori….Vi prego datemi consigli e pareri.
Un bacio

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Gaetano -

    Ma se ti piace vivi la storia e cosa succederà lo sa Dio.
    L’alternativa è vivere col rimpianto?
    Meglio vivere avendo amato, che aver vissuto senza amare.

    Ciao
    Gaetano

  2. 2
    guerriero -

    lui è innamorato come io sono il P. della Repubblica

  3. 3
    Gaetano -

    @guerriero

    appunto per questo lei non demorde, il fatto di non poterlo avere glielo fa desiderare.
    Per cui:
    1) Se lei ci prova, con molta probabilità ci sbatte la faccia in pieno, fa tesoro dell’esperienza ed un domani sa già a cosa va incontro.
    2) Se lei non ci prova non lo dimenticherà perchè le resta il tarlo di come sarebbe potuta andare, e gira che ci rigira ci proverà, ma se non funzionerà darà la colpa al fatto che ha perso troppo tempo.
    Ergo, ci sono domande le cui risposte possono essere capite ed accettate solo se provate sulla propria pelle.

    MAI LASCIARE NULLA DI INTENTATO NELLA VITA

    Ciao
    Gaetano

  4. 4
    guerriero -

    per certe cose invece è meglio nn tentare nemmeno, altrimenti il rischio di fare una brutta fine è alto. Molte persone farebbero meglio ad andar dietro a persone migliori, anzichè prima sbattere e poi lamemtarsi

  5. 5
    martyna -

    ciao, credo che se ne sei innamorata, prima o poi ti lascerai andare. se lui è una persona falsa non lo potrai mai sapere se non provi, ma poi penso che anche gli uomini hanno un cuore e possono innamorarsi.. se voleva prenderti in giro non t veniva certo a raccontare che ha fatto soffrire tante donne, ma te lo faceva provare sulla tua pella. questo non vuol dire che penso lui sia sincero, ma che non bisogna per forza partire prevenuti.. pondera bene la cosa. comunque certe cose si sentono a pelle e tu hai detto che non credi sia falso. inizia a frequentarlo, ma non buttarti a capofitto, ma non mantenere nemmeno solo un rapporto telefonico, perche puo’ solo farti enfatizzare il tutto o puo’ capitare che lui si stanchi.
    comunque sono sicura che il tuo cuore saprà benissimo cosa fare! facci sapere! baci

  6. 6
    guerriero -

    visti i pressupposti, la fregatura è in agguato.

  7. 7
    b80 -

    se non provi non lo scopri… ad ogni modo sappi che anche i “playboy” prima o poi s’innamorano seriamente. bisogna vedere cosa intendi per playboy, se si tratta insomma di un superficiale che cambia donna per il gusto di cambiarla (e allora è un vizio tosto da togliergli), o se si tratta di un uomo esigente che non si accontenta della media di ragazze che gli offrono facilmente una notte di sesso e non ha ancora trovato quella giusta che gli insegni ad amare e a costruire una storia su basi profonde.
    per esperienza ti dico che nel secondo caso, con la giusta dose d’amore e correttezza, si ottengono ottimi risultati… ma il “tuo” uomo deve metterci la sostanza: ossia un cuore leale.

  8. 8
    guerriero -

    donne state attente, che siete specializzate nel beccare gli imbecilli

  9. 9
    lucressia -

    Vi ringrazio per i vostri pareri..
    Per b80:credo lui appartenga alla seconda categoria di playboy che hai detto…è un uomo molto molto esigente…diffida delle donne perchè l’hanno finora solo deluso…mi ha detto:o sei la donna che cercavo o sei l’ennesima delusione…cito testuali sue parole..Per guerriero: hai ragione, spesso noi donne ci incaponiamo con delle nullità…e poi piangiamo quando ce ne rendiamo conto…per questo sto riflettendo così a lungo!!!!!!
    Ho paura..

  10. 10
    Rossella -

    Potrebbe esser. Non saprei cosa risponderti perché tante volte mi capita di domandarmi (con una punta di malizia, questo lo ammetto) se un uomo che non è stato messo alle strette dalla vita, con la sua mente ed il suo cuore, potrebbe mai arrivare ad accettare che le sue rinunce prima di essere in favore della donna (e qui egoismo che viene tollerato in virtù dei miti, tipo quello che vuole che le mogli tolgano la libertà ai mariti, e dei costumi del tempo, ma che fa stare male chi come me il problema dell’amore neanche se lo pone perché ha proprio una chiusura che nasce dalla mancanza di certezze assolute e le fa capire fin dal tempo della sua adolescenza che l’amore è una cosa che non la potrà mai toccare in prima persona… per questo lo maneggia con una certa padronanza. Concepirlo come una realtà significherebbe condannarsi a vivere nella dannazione… una croce sì, ma direi soprattutto una delizia, considerando che la presa di coscienza di per se è una grazia spirituale. Da condannato a morte a graziato in un solo colpo. )… dicevo potrebbe accettare che quelle rinunce servono a placare il suo tormento. Questo è quello che mi domando. Io vedo grande serenità in persone a me vicine che vivono la vita di coppia in maniera religiosa, non colpevolizzandosi per l’ascendente che hanno sempre avuto sull’altro sesso, ma vivendo le loro scelte di vita con coscienza. La scelta vissuta con gioia è già una conferma della propria libertà.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili