Salta i links e vai al contenuto

Pacs, bigenitorialità: istruzioni per l’uso

Lettere scritte dall'autore  

Bigenitorialità…non solo Pacs!

Nasce l’era dei Pacs, delle unioni omosessuali e della sottomissione ai “nuovi” diritti degli extracomunitari in Italia. Ma noi, che ancora crediamo nel diritto di famiglia e nel matrimonio tra uomo e donna, continuiamo a preoccuparci del fatto che i nostri figli possano effettivamente godere di entrambi i genitori anche dopo la separazione.
Dopo anni di atroci sofferenze e penalizzazioni per uno dei coniugi, è vero che la legge sull’affido condiviso è passata, è altrettanto vero, però, che una legge molto simile era già esistente malgrado non venisse mai presa in considerazione nelle aule dei tribunali italiani. I giudici, esterni alla reale situazione familiare di milioni di casi di separazione, hanno metodicamente stabilito per anni che un genitore soltanto doveva avere il potere di vita e di morte sui figli, infischiandosene di un diritto basilare per i bambini: avere l’amore di mamma e di papà.
Milioni di padri e centinaia di madri separate, senza aver mai commesso nessun tipo di crimine, sono stati condannati a star fuori dalla vita dei propri figli, ora alzano la guardia per verificare se questa volta il sistema giudiziario funzionerà come stabilito nel testo della nuova legge. Un testo che per certi versi risulta ancora molto confuso e non stabilisce in maniera univoca i diritti e i doveri di genitori e figli. Il primo problema, che salta agli occhi è il reato di rapimento del minore, oggi chiediamo infatti che nel caso in cui un genitore porti via il proprio figlio, magari all’estero, il colpevole venga perseguito come rapitore. Nessuno può arrogarsi il diritto di portar via un figlio a un padre o a una madre. Questo punto, nel nuovo testo della legge, non è affatto chiaro.
Osservando attentamente il programma della sinistra italiana possiamo constatare che il diritto di famiglia è rivolto soprattutto al nuovo tipo di unioni, quelle omosessuali. Prova ne è la presenza di coloratissime “drag queens” nelle liste di Prodi. Non facciamo discriminazione contro i diritti dei gay e delle lesbiche ma, prima di buttarci a capofitto in questa nuova e sfiziosa esperienza, bisognerebbe domandar loro come mai non hanno dedicato una pari attenzione alla famiglia tradizionale e ai diritti dei minori e dei genitori separati. Se la sinistra andasse al governo quale sarebbe la pena per chi decidesse di portarsi via un figlio per tenerlo lontano dall’ex coniuge?
Nel medesimo programma si parla sempre della “comodità” di vita degli extracomunitari e ci si occupa solo del loro insediamento nel nostro paese progettando norme e riforme affinché l’Italia si adegui alle loro usanze e abitudini pensando, addirittura, di offrir loro la possibilità di voto.
Per quanto si voglia essere altruisti bisogna rendersi conto che la “bigenitorialità” è una priorità che non può essere offuscata da situazioni alternative e che, alla luce delle esperienze degli ultimi trent’anni, è fondamentale istituire un organo di controllo sull’operato dei giudici incaricati di decidere sulle sorti delle famiglie colpite dal dramma della separazione. Un organo che controlli l’effettiva applicazione della nuova legge. Altrimenti non saremo mai liberi, nemmeno nel nostro ruolo di genitori.
Non possiamo assolutamente rischiare di ritrovarci ancora innocue pedine di meccanismi governativi dove decisioni importanti, come quelle da fare in ambito di famiglia, verranno manifestate da ammiccanti personaggi come il transgender Vladimir Luxuria. In un mondo dove i valori vanno a rotoli e non esistono più punti di riferimento è essenziale un governo che si occupi della famiglia e del matrimonio nel senso più naturale. Soprattutto noi sostenitori della bigenitorialità dobbiamo riflettere e convenire sull’utilità che si guardi con severità l’operato dei giudici, perché se ancora abbiamo il volto rigato di lacrime per la separazione dai nostri figli e se siamo ridotti in miseria per la crudele penalizzazione subita, lo dobbiamo soprattutto alla loro freddezza e al fatto che per anni non solo hanno favorito un solo genitore ma soprattutto hanno contribuito all’evoluzione dell’azienda più florida denominata “divorzificio”.
In un paese così gestito non ci sarà mai libertà dell’individuo.

Cosmo de La Fuente
cosmo@cosmodelafuente.com

L'autore ha scritto 8 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Gay - Politica

2 commenti

  1. 1
    Silvio -

    Hai ancora la libertà di scrivere ciò che vuoi.

  2. 2
    filippo -

    guardo alla eccessiva attenzione del centro-sinistra alla coppie omosessuali con molta antipatia e apprensione, perché è opportunismo elettorale e disattenzione ai problemi che tu correttamente citi.
    ho paura che questa attenzione demagogica e utilitaristica possa diventare un elemento dirimente nella lizza elettorale.
    magari Fini o Follini garantiscono di più da questo punto di vista e io non avrei pregiudizi in tal senso (lasciamo stare quel vuoto paparazzo di Casini), ma il solo pensiero che sostenere loro = sostenere indirettamente il mascalzone berlusconi e gente come gasparri, larussa e storace mi volta lo stomaco più che sostenere l’Unione, che almeno più attenta alle questioni sociali complessive che agli interessi personali di questo e di quello lo è.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili