Salta i links e vai al contenuto

Non riesco a vivere

Lettere scritte dall'autore  StefanoIndeciso
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

21 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 11
    Lorenzo NERD Wizard -

    Caro Stefanoindeciso, sei uno spettatore di una caccia che riguarda altri? Lasciali inseguire e fuggire, stattene seduto comodo, goditi lo spettacolo e divertiti! E non pensare alle occasioni che non hai mai avuto. Cosa pretendi di aver avuto, a meno di 20 anni? Verranno, non preoccuparti! Il destino te le procurerà, è un potente dio. Quanto al resto vedo che le mie sberle ti hanno svegliato un po’! Ok! Ora il passo successivo: disimpara l’Odio (tu hai letto erroneamente il mio post come un incitamento all’odio), e impara il Disprezzo. Impara a lasciar salire quel singulto di nausea che ti viene dallo stomaco alla vista di certa gente, impara a non vergognarti del tuo sguardo critico e gelido, dulcis in fundo impara il cinismo e il sarcasmo. E’ tutta salute. Una volta che avrai imparato che il malanno non sta dentro di te ma fuori, insieme ai virus e ai batteri della putrefazione, allora ti sentirai inattaccabile. Per un giovane il principale ostacolo è che fin da bambini si è condizionati a dare importanza ai giudizi degli altri, a non deluderli. Comincia a deludere un po’ gli altri, tanto per esercitarti. Comincia a non fare più quello che si aspettano da te, ma solo quello che a te piace. Comincia a non preoccuparti, se trovano che ti stai ribellando un pochettino, e stai diventando meno preciso, elegante, puntuale, cortese. Stai più solo. Leggi di più, gente come Nietzsche e Schopenhauer, o Fromm, o meglio ancora Massimo Fini. Non temere se ti sembra di andare alla deriva, senza progetti. I giorni persi sono proprio quelli impiegati a “costruirsi il futuro”; solo quelli che ti godi da cima a fondo fottendotene di tutto sono guadagnati. E’ così che si diventa uomini: vivendo come fai tu si diventa preti, oppure preti laici votati al “disinteresse”, al “sacrificio”, all'”adattamento”, tutte castronerie. Quanto al senso della vita, lo troverai quando sarai diventato Te Stesso, a spese delle concessioni che così tanti fanno alla Società e alle Regole. Forza! Animo!

  2. 12
    rossana -

    stefano,
    a me pare di leggere il nocciolo del tuo disagio in questa frase:

    “In amore ho sempre sofferto tantissimo e la mia vita sentimentale è sempre stata anche nel passato l’ago della bilancia del mio umore e da troppo tempo non provo certe cose…”

    se così è, sai bene di essere in buona compagnia… nonostante il bel epilogo esistenziale di Toroseduto, che molto mi ha rallegrata.

    quasi tutti gli adulti si sentono soli se non hanno qualcuno al loro fianco.

    porta pazienza: verranno giorni migliori, torneranno le emozioni, quelle che danno senso all’esistenza… sei così giovane… tutto è ancora possibile per te… si tratta forse soltanto di saper attendere… 🙂

  3. 13
    Dodina85 -

    Ciao StefanoIndeciso, io ho 25 anni e anche io sono cosi da anni..non riesco a gioire delle cose che ho, sono andata per anni da una psicologa perchè all’inizio stavo male senza sapere il perchè..nn che ora lo sappia (se no non starei cosi) però ho piu consapevolezza di alcune cose..Ultimamente per cercare di capire come si vive sto osservando molto gli altri e in che modo loro danno peso alle cose..agli hobby..agli amici..all’amore..
    Studio Psicologia, ma gli studi vanno a rilento apparte per i problemi che ho avuto, anche perchè per problemi economici non uscivo e non sono riuscita a farmi degli amici..Ho cambiato casa (non vivo piu con i miei ma vivo dove studio)..l’unica valvola di sfogo che avevo erano delle lezioni di canto..la musica è la mia vita forse…
    Ho dato troppoa importanza allo studio senza riuscire ad avere buoni risultati perchè forse non è quella la mia strada..
    Credevo che cambiare casa..trovare un lavoretto..iscrivermi a una buona scuola di musica..cercare di avere uno straccio di amico (ho molta difficoltà in questo), avere un ragazzo, mi avrebbe risolto i problemi, o il problema, il mal di vivere. Anche se sono molto in crisi una cosa credo di averla capita..Niente puo risolverti il problema..nemmeno l’amore di cui credi aver bisogno..Il malessere ce l’hai tu dentro..è verso di te che devi iniziare a provare amore..amore per te stesso..nessuno puo risolverti il problema se stai male..non ti servono cose nuove per star bene..la musica la laurea l’amore gli amici, ti servono sono fondamentali per star bene, sereno, ma sta a te poi, una volta ottenuto ciò, fare l’ultimo passetto per goderti quello che hai ottenuto..Credo che la vita sia questo..e non serve essere sempre insoddisfatti..è un brutto vizio..che io ho e sto cercando di battere..Io in realtà non avrei molto di cui lamentarmi se non stessi male, perchè vivo sola nel senso, non con i miei, ma con due rragazzi e una ragazza, ho l’università, la musica, il ragazzo e per lui cerco di star su..un lavoretto per pagarmi la scuola di musica..però ripeto il malessere è dentro di me, e credo sia lo stesso per te. cerca di riprendere le attività e i contatti..non stare solo coi tuoi pensieri..sforzati..cambia la tua vita

  4. 14
    Romano -

    devo dire che ho 17 anni, ma molte cose che hai detto me le sento sempre addosso… Per quanto ci provi a pensare a me stesso, o a cambiare le cose, rimango sempre fregato… sono anch’io riflessivo, silenzioso, sensibile, ma in piu’ anche pigro. Per cambiare ho provato tanti di quegli sport… non ho mai avuto pero’ ilcoraggio di cambiare scuola, e ormai esco con gli stessi amici da 4 anni, non riesco a socializzare con ragazze e con nuova gente… mi sento anch’io la comparsa di uno spettacolo teatrale che si svolge intorno a me, sempre per il mio carattere. il consiglio che ti do e’ quello di non mollare, alla fine anche se non cambiera’ niente almeno non potremo avere rimpianti o rimorsi, abbiamo fatto quello che riusciamo a fare.

  5. 15
    Slash -

    Sono un ragazzo di 22 anni,ho cercato su internet la lettera che ho appena letto proprio xk non riesco a vivere,a vivere come vorrei.penso anche io che gli altri nella maggior parte dei casi sono la causa del nostro malessere, pensa che a volte desidero di vivere in una bolla,per non soffrire più.
    Mi sono piaciute molto le risposte di lorenzo, molto decise e verititere devo dire, sono d’accordo con lui,al mondo non esistono troppi stupidi, ma purtroppo ci sono troppi ottusi. le persone come noi dovrebbero essere tenute su un palmo di mano, per la nostra sensibilità, che ci porta a essere molto comprensivi e riconoscenti,buoni e altruisti.
    Ma ormai ho capito che ho aspettato fin troppo,anzi ho sofferto fin troppo,ho visto persone ignoranti, ottuse,(tipo un incrocio tra una gallina e una pecora) arrivare ad ottenere le cose che avrei voluto tanto io dalla vita e che non ho avuto la forza di prendere.
    mi sono sempre chiesto perchè soffro così tanto, “perchè nella maggior parte della mia vita c’è qualcosa che mi avvilisce?”
    Ho passato dei bruttissimi momenti di sofferenza interiore ultimamente, causati dalla mancanza di amore, forse non ho parole per raccontare quello che ho vissuto, e tutto quello che ha causato la mia sofferenza.
    Dopo tutto quello che è successo però penso di aver capito una cosa:bisogna veramente amare se stessi prima di tutto, sputare fuori quello che senti dentro senza paura di offendere, PERCHè GLI ALTRI NON HANNO PAURA DI FARLO CON TE.
    Credo anke io nel corso del destino, e ti dico che bisogna avere fiducia nella vita.
    Le parsone ottuse, insensibili, che sicredono superiori dovrebbero andare a pascolare le pecore!!!!!!!!!! 😉

  6. 16
    Nico -

    Ciao, sono un ragazzo di 20 anni e anche io mi trovo nella tua stessa situazione. è ormai da tempo che mi rendo conto che non sto vivendo, mi limito ad esistere e sopravvivere, non a vivere… Non sto bene con me stesso, soprattutto per via della mia omosessualità che mi spinge spesso ad odiarmi… “Perché sono così?” “Non potevo essere come tutti gli altri?” Mi sono chiuso in me stesso, a causa anche del mio carattere timido e indeciso… Non credo di avere degli interessi, o se li ho, ho paura di ammetterlo, non so perché… Attualmente non ho amici in pratica, esco solo sporadicamente. Cerco di convincermi di poterne fare a meno, ma più vado avanti più mi rendo conto che è difficile. L’Università è un altro tasto dolente: quest’anno cambierò facoltà, consapevole che non sarò comunque contento, ma dovrò continuarla per non perdere altri anni…
    L’unica cosa che mi tiene a galla è la famiglia: mia sorella, mia madre, il mio nipotino nato da pochi mesi, ecc… Se non ci fossero loro, a quest’ora non ci sarei più neanche io credo… Il tunnel è sempre più buio e profondo… e la corda a cui sono tenuto si sta spezzando…

  7. 17
    Diwi -

    la risposta credo che stia nel tuo passato… passato che non è di questo “periodo” o “prova”…. io nn posso darti consigli su come uscirne, ma posso dire che noi siamo su questa terrà x uno scopo ben preciso… quando troverai le risposte contattami forse abbiamo lo stesso scopo e non lo sappiamo^^

  8. 18
    Massimo -

    Ciao ragazzi,è passato un po’ di tempo dalle vostre ultime interazioni…Mi ci rivedo in tutto ciò che è stato scritto,lo condivido appieno nella mia vita,purtroppo.Vi vorrei vicini a me fisicamente,per chiacchierare,confrontarci,rafforzarci a vicenda.Ho più o meno la vostra età.Per quante persone possa avere attorno,percepisco una solitudine profonda,non riesco a trovare nei rapporti una stabilità,o magari la trovo,ma poi faccio dietro front perchè lo è fino a un certo punto,mi chiudo a riccio.Questa cosa tante volte mi fa perdere la voglia di essere me stesso,di provare amore verso gli altri,vivere appieno.Amo me stesso?Non so se lo faccio, o se l’ho mai fatto.Ho bisogno del calore umano,tante volte ho rischiato,ma mi ci sono così addentrato da essermi smarrito.Tante volte mi sono sentito un alieno.I vostri racconti però mi consolano,così come vorrei farlo io per voi.E’ la prima volta che scrivo,e questo è un buon segno.Vuol dire che un po’ di fiducia nell’altro sta tornando su;)L’avrei voluto fare già da tempo,ma non l’ ho mai fatto.Un abbraccio di cuore.
    M.
    P.S.:Come dice il detto:Non è forte chi sta in piedi,ma chi cade e si rialza.Non c’è cosa più vera.Se provate a guardarvi indietro(cosa che sottovalutiamo)vedrete quanto forti siete diventati!Quando vi va di parlare io sono qui!

  9. 19
    Anonimo -

    Buonasera. Ho circa1terzo di secolo di vita, non esco, evitò le relazioni con il mondo circostante, ingrasso a vista d occhio, non riesco ad uscire da questa situazione. Vivo con la paura di non saper cosa fare. Tutto è partito da quando mi lasciai circa 6anni fa, dopo la piú lunga storia d amore della mia vita, non ho più avuto una vitanornormale. Sempre problemi, i miei che si separano, 1errore della mia vita x essere entrato in mezzo a difendere amici pagato a caro prezzo, e ora che sento di aver perso tutto, senza1futuro, senza lavoro. Non ho più autostima. Non ho più fiducia in me. È dura. Mi sento solo. Non ho più la forza x ripartire. Un paio di volte ho reagito e ne sono uscito alla grande, ma poi capita sempre qualcosa che mi fa ricadere nello stesso errore e ritorni in quel tunnel dove non vedi via d uscita. Sono molto sensibile, x quello poi ricado negli stessi errori. Credo che l unica cosa da fare sia sistemare delle cose e andare via x 1po, cambiare aria, se no cadrò in depressione, a meno che non ce l abbia già.

  10. 20
    Yog -

    E dicci qual è ‘sto errore, altrimenti non ti possiamo dare il referto.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili