Salta i links e vai al contenuto

Non riesco ad amare, causa falsità

Sono un ragazzo di 19 anni, non sono mai stato un ragazzo fragile dal punto di vista emotivo forse lo sono diventato.
Appena finite le scuole medie entrai in una compagnia di ragazzi e ragazze della mia età, mi divertivo molto insieme a loro e divennero subito i miei migliori amici.
Ho fatto amicizia soprattutto con due ragazze, per adesso le chiamerò A e L. Diventammo subito migliori amici, praticamente per un periodo uscivo solo io con queste due ragazze.
Stravolsero il mio mondo, passando molto tempo con sole ragazze conobbi anche lo spirito femminile.
Il nostro rapporto era di totale amicizia e fiducia, spesso dormivamo e ci cambiavamo insieme senza vergogna, ero felice.
Non ero il tipo di ragazzo che aveva sempre una morosa però qualcuna si.
Dopo un anno di amicizia con queste due ragazze A litiga con L, non sapevo il perché, A si allontana completamente anche da me e da tutto il resto della nostra compagnia.
Ci rimasi male, non tantissimo ma interruppe per breve tempo la mia felicità.
Da quel momento in poi conobbi ancora di più L, divenne la mia migliore amica, le volevo un mondo di bene, più di qualsiasi altra persona nella mia vita. Anche lei mi voleva bene e più di una volta mi disse che ero unico per lei.
Ogni giorno ero a casa sua, chiacchieravamo, ridevamo o semplicemente stavamo a letto abbracciati ascoltando musica. Mi innamorai.
Ci ho pensato molto, alla fine decisi di non dirle niente, la nostra amicizia era troppo importante per me e pensare che se fosse andato qualcosa storto l’avrei persa mi uccideva.
Era una ragazza stupenda ma non so perché si innamorava sempre di stronzi; lei piangeva e io la consolavo pensando “io posso darti molto di più di loro, non ti tratterei mai così”, non le confessai mai il mio amore, forse era meglio così, tutto sommato io ero felice quando ero con lei.
Tutto continuò normalmente, fin quando lei si innamorò di un vero co*****e, lo sapevo perché lo conoscevo.
L’avvisai di questo, le dissi che avrebbe solo sofferto, lei non mi ascoltò ma le volevo troppo bene per litigare.
Gennaio 2013: nel giro di una settimana scomparve dalla mia vista, non la sentivo più, non la vedevo più, ci rimasi male ma tutto sommato pensavo fosse per via della scuola.
In 3 settimane ci vedemmo 2 volte, in questo lasso di tempo scoprii perché aveva litigato con A.
Lei era una bugiarda, raccontava molte bugie; mi chiesi subito se me le raccontava anche a me e la risposta era si.
Mi confrontai con i miei amici e anche loro si erano accorti di questo suo grande difetto, ma lo dimenticai.
Dopo un mese tornò come se non fosse successo niente, ero felice.
Scoprii del perché di quella scomparsa: il suo ragazzo le aveva proibito di parlarmi perché era geloso.
Fu uno shock per me, non tanto il fatto che lui le abbia detto una cosa del genere ma il fatto che lei abbia accettato.. e intanto le bugie aumentavano.
Aprile 2013: Colmo di rabbia io con la compagnia decidemmo di parlarle. Pianse tantissimo e si giustificò dicendo che non sapeva perché le diceva (erano bugie inutili), le volevo troppo bene e la perdonai, non riuscivo ad abbandonarla.
I mesi successivi li passai sempre con lei, come sempre.
Luglio 2013: mi accorgo che le bugie stavano tornando, sono convinto che mi volesse un mondo di bene anche lei ma non volevo accettare la verità, lei mi prendeva per il culo inconsapevolmente, le volevo troppo bene.
Agosto 2013: scopre che il suo ragazzo ha un amante da 6 mesi.. lei lo perdonò.
Feci una la più grande litigata che abbia mai fatto in tutta la mia vita, lei non lo poteva perdonare dopo aver fatto una cosa del genere.
Ero arrabbiato e mi sono imposto di troncare i rapporti di netto con lei per via delle bugie.
Subito non fu un duro colpo, non cambiò più di tanto la mia vita: continuavo ad uscire con gli amici e a fare festa. Parai il colpo, lo accettai.
Tutta la tristezza che avevo la nascosi dentro di me ma è difficile tenerla dentro.
Solo dopo un mese sentii la botta, ero depresso ma non volevo accettare che fosse per via di L.
Me ne sto rendendo conto solo ora, scrivendo questa lettera, ma lo stesso non riesco a far uscire tutta la tristezza che tengo nascosta dentro.
Non riesco a sfogarmi, sono 10 mesi che non piango ma il problema è che non riesco a piangere.
È da quando l’ho abbandonata che ci provo con delle ragazze, loro gi stanno ma quando arriva il momento giusto non riesco ad aprirmi, divento di ghiaccio le lascio stare. Non riesco più a voler bene.
Io ora vorrei avere la morosa e ho avuto più di qualche possibilità di averla ma ad un certo punto della relazione divento freddo e distaccato, perdo ogni emozione.. Non so più cosa fare..
Spero dopo aver scritto questa lettera di aprirmi un po’ e di buttare fuori tutta la tristezza che ho dentro, in questo momento voglio solo riuscire a piangere.
Oggi non mi pento di quello che ho fatto, spero di non incontrare mai più persone così false.
Posso capire che ho solo 19 anni e agli occhi di un adulto magari questa storia può sembrare una bazzecola in confronto a quello che ha passato lui mai io sto male sul serio.
Come faccio a sfogarmi? Come faccio a voler bene di nuovo?
Grazie per quelli che sono riusciti ad arrivare alla fine e mi scuso per eventuali errori, anche perché il mio italiano è pessimo.
Ciao

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia - Amore - Me Stesso

9 commenti

  1. 1
    lorenzo -

    mamma mia quante seghe mentali…

  2. 2
    serenella -

    ke dirti, amico mio? Mi spiace, intanto saperti così giovane e deluso, sia dall’amicizia, che dall’amore! Non preoccuparti. Se non sei interessato alle ragazze conosciute dopo la storia raccontata, è per il semplice motivo, ke non ti interessano, ma sicuramente, troverai colei, ke ti farà piangere, ridere e sì, magari anke morir d’amore: facci sapere, a presto!

  3. 3
    COGITO -

    mio giovane amico, sei sulla strada giusta, anche se ti sembra assurdo! sii freddo e distaccato con le femmine, imparalo fin da adesso altrimenti ti faranno sempre e solo soffrire! e non immagini quanto profonda e segnante sia la sofferenza d’amore.. ricordala sta cosa!! leggiti le lettere su questo ed altri forum! NON AMARLE, non volere loro bene. soprattutto non esserci amico. le femmine non hanno il senso dell’amicizia come noi uomini! se ti proporrai come amico ti useranno come zerbino! loro non conoscono la moralità, il codice d’onore, il rispetto la lealtà come abbiamo noi uomini (infatti la tua amica era falsa fino al midollo, giusto? beh, non è un’eccezione, è la norma. tutte le femmine sono bugiarde)! Hai fatto caso che tra loro non c’è mai vera amicizia come tra te ed i tuoi amici? e quante dicono di avere e preferire l’amicizia dei ragazzi a quella delle ragazze?? l’amicizia è un connotato unicamente maschile. scaturisce da milioni di anni di collaborazione tra i maschi di ogni tribù per cercare cibo e difendersi dai nemici. questo è quello che chiamiamo amicizia. ce l’abbiamo scritto nel DNA. loro invece vivevano isolate e combattevano tra loro stesse per mettersi in mostra ed aggiudicarsi il maschio alfa-dominante! come del resto fanno ancora oggi, con tanto di colpi bassi ed infamate tra loro stesse!! in fondo, come hai capito, loro sono attratte dagli stronzi. diventa stronzo anche tu e vedrai quante ti verranno dietro! e mi raccomando non farti fregare se le vedi piangere. RICORDA: quando una femmina piange sta spruzzando il veleno! continua così mio giovane amico, freddo, glaciale, stronzo con tutte le femmine. fai del bene a tua madre, agli amici, ma non alle femmine!
    vedrai che vivrai bene!

  4. 4
    KATY -

    Ma…. non ho capito!!!! Scusami ma non riesco a capire. Tu stai con A, con L o con nessuna? Sei loro amico, loro confidente, che cosa sei esattamente? Peraltro, scrivi che dormi abbracciato ad una delle due, ma lei piangeva per un manigoldo, e tu la consolavi, perché L dice frottole e lei piange, poi A si fidanza, tu fai una grossa litigata…. E tu sei triste, senza morosa, non riesci ad aprirti…. Non.so, assomiglia ad una di. Quelle zuppe che non sanno di niente perché ci sono troppi ingredienti mescolati.

  5. 5
    serenella -

    ciò che dice cogito, non tenerlo in conto: ci sono donne e donne, perciò non bisogna fare di tutta l’erba, un fascio, va bene? Ciao. Chi sa, cosa avrà fatto lui alle donne!

  6. 6
    drose -

    cogito ha ragione. Io ho 26 anni, e ci sono dentro fino al collo. Da un anno ho una relazione con una ragazza fidanzata che mi ha sempre promesso di riflettere e di volere lasciare il suo ragazzo per me. Bugie e quant altro. Ma io essendo co...one non riesco a fare a meno di lei. Ho la depressione…sono molto giù…ma sono innamoratissimo di lei…non ho mai amato così….ma soffro anche tantissimo. Sono dimagrito di 18 kg. Purtroppo non so’ come uscirne.

  7. 7
    lola -

    Cogito anche tua madre è cosi????

  8. 8
    worse -

    @drose

    Sappi che quand’anche lei lasciasse il suo ragazzo per te, visto il suo modus operandi, sei destinato a questo…. http://m.youtube.com/watch?v=qmr1b1-bj-0
    Fai te…

    PS: Cogito ha ragione?!? guarda che ti sei messo con una già impegnata, quindi pure te…

  9. 9
    Altair -

    Cogito avrà sicuramente i suoi motivi per dirti di non amare le donne eccetera, ma davvero, ci sono ragazze e ragazze al mondo, e, come dice Serenella, non penso dovresti far di tutta l’erba un fascio– anche se, ora che ci penso, sono più frequenti le ragazze oche di quelle serie- In ogni caso, il voler cambiare o no deve venire da te, non dagli altri- potranno recitarti millemila discorsi, ma non saranno certo le parole di qualcun altro a farti riacquistare la tua ”capacità di amare”, se così si può definire-

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili