Salta i links e vai al contenuto

Morire dentro per amore

Buongiorno a voi tutti.. Sono circa le 5.13 del 12 luglio 2009 e mi appresto a scrivere la mia storia finita da praticamente sabato scorso dove ho visto il mio lui per l’ultima volta, dove dopo una settimana di astinenza dal solo guardarsi negli occhi, cosa che succedeva praticamente prima delle 07.30 del mattino ogni giorno praticamente da 8 mesi, orario in cui mi appresto ogni giorno ad entrare nell’ufficio pubblico presso il quale lavoro, è scomparso prendendo la scelta di interrompere questo rapporto improvvisamente.
Premetto che io ho 42 anni con un matrimonio fallito alle spalle ma costretta a portare avanti, vista la mia scelta di non dividere i miei figli di rispettivamente 19 e 12 anni dal padre, pensando che seppure un matrimonio finisce dopo 10 anni di fidanzamento e 20 di matrimonio non debbano essere i figli a pagarne le spese, assumendomi la responsabilità di rinunciare alla possibilità di rifarmi una vita; lui 54 anni, ben portati, lo stesso impiegato in un ufficio pubblico ma diverso dal mio, lui con 3 figli.
Nessuno di noi due cercava una storia. Ci si conosceva, ci si salutava, ma un bel giorno, entrando nel mio ufficio e trovandomi a parlare con lui, lo guardo negli occhi in maniera più profonda, ed inizio a provare crampi allo stomaco, una sensazione strana dentro, nel cuore. Nel tornare a casa non riuscivo a non pensare a lui, tra l’altro, visto il suo tipo di lavoro, mi lasciò il suo recapito cellulare, e cosa non tipica della mia persona iniziai a cercarlo, dapprima con anonimo, poi dal giorno dopo lui capii che ero io e fu lui a cercarmi.

Inizia cosi questa storia tra 2 persone adulte le definirei io, una storia bellissima che è cresciuta di attimo in attimo, fatta di dolcezza, tenerezza, e passione… tanta passione. UN AMORE GRANDE. Dopo una settimana siamo entrati praticamente l’uno nell’altro, si parlava di tutto e si discuteva di tutto e, soprattutto, si scopriva ogni giorno che passava, che non si riusciva a fare a meno l’uno dell’altro. Eravamo diventati praticamente un’unica anima. Lui riusciva a leggere nei miei pensieri prima ancora che io parlassi, come io riuscivo a leggere nei suoi silenzi e tradurre i suoi pensieri essendo lui molto riservato e serio nel suo essere. Oltre a questo iniziò gradualmente un rapporto sessuale direi a dir poco idilliaco, mai ero stata così felice e mai avevo avuto desiderio di vivere per qualcuno, di aspettare di aprire gli occhi la mattina ed averlo come primo pensiero e presenza nella mia anima.
Spesso in questo trascorso gli dicevo che si era impossessato della mia anima, e lui mi diceva lo stesso, che mai prima d’ora aveva amato una donna con questa tale intensità. la cosa più bella che potessimo dirci entrambi era che volevamo invecchiare insieme. Capite bene il significato di queste parole?
Tutto succede sabato scorso. Dopo una settimana di duro lavoro per me scelgo di prendere un giorno di ferie pur di vederlo. E così fu. Ci vedemmo, facemmo l’amore in un modo incredibile aprendosi sempre di più l’uno verso l’altro. Dopo ci salutammo con la promessa di sentirsi nel pomeriggio.
Dopo, nulla. È SCOMPARSO. Dopo 8 mesi di vita, perché per me questa è stata VITA, lui non sa dare una spiegazione del perché vuole interrompere questo rapporto. È una settimana che sono impazzita, morta dentro, perché non si può a quest’età, 54 anni, interrompere improvvisamente senza dare una benché minima spiegazione di perché sia finita e di quale spiegazione ci possa essere per dare all’altro almeno la possibilità si, di accettare la decisione ma bensì di elaborare il dolore. Quando una persona decide anche all’improvviso di interrompere un rapporto, ci deve essere sempre un motivo.
Qua parliamo di 2 persone adulte, non di una coppia quindicennne. Sto male, di un male indicibile che non si può descrivere. Piango quando riesco a stare sola, ma ciò che mi fa ancora più male è pensare che a 42 anni avevo trovato l’uomo adatto e consono alle mie esigenze. Mi chiedo: cosa sia potuto succedere, e perché un uomo a quest’età decide di chiudere senza dare una spiegazione? Volete sapere in uno dei suoi ultimi sms che mi ha scritto?
“Mi hai dato più di quanto mi sarei aspettato. Sarà dura accettare di avere perso la cosa più bella”.
Io vi chiedo aiuto, sto malissimo, aiutatemi a capire con i vostri pensieri cosa può essere successo e soprattutto, se la sua è stata una scelta di rinuncia, perché senza una spiegazione.
Grazie e voi tutti.

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

13 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Roberta -

    C’è sempre un denominatore comune nelle storie clandestine (tu non lo scrivi ma penso che il 54enne sia sposato),tutti descrivono la stessa sensazione di idillio e sesso mai provato prima…queste convinzioni,perchè di queste si tratta,esistono perchè la relazione è superficiale,se ci fosse la quotidianità tutto sarebbe meno fiabesco e molto più terreno,avresti tu stessa capito con chi avevi a che fare,un uomo che non ti pensava nemmeno come amante ma che poi gli eventi lo hanno coinvolto ad avere una “storiella” durata statisticamente un pò di più dei classici sei mesi.Ti sei fatta un film,anzi un cortometraggio,con la fine già scontata;non interrogarti sui motivi,quello che conta è il risultato finale: è sparito.Non è un gentiluomo ma uno che con le donne fà un passo indietro (infatti sei stata tu a tenefonargli)e si fà corteggiare fingendo di cadere dalle nuvole quando l’inevitabile succede…hai dato troppo spessore alle sue parole,agli sms,al sesso,a tutto meno che a una cosa: il suo non-amore nei tuoi confronti…se lui poi non fosse sposato tutto quello che ho scritto è amplificato al peggio,è sicuramente un Peter-Pan,lascia perdere in entrambi i casi.

  2. 2
    silvana_1980 -

    è brutto dirlo, ma secondo me lui ha ottenuto quello che voleva, non ti amava, quindi ti ha scaricato col silenzio assoluto
    guarda il lato positivo: hai un marito e una famiglia
    figli di p….. ne trovi tanto in giro: la tua famiglia è la cosa che conta
    piangi, soffri ma ragiona…ha sbagliato lui a prenderti in giro, hai sbagliato tu a perderti dietro alla passione, ti sei bruciata…ora torna nelle tue acque tranquille
    col tempo dimenticherai anch lui, tutto passa…se poi ti rendi conto che non meritava passa ancora prima
    PS: l’età anagrafica non corrisponde alla maturità di una persona

  3. 3
    carmela -

    Cara, c è poco da capire. Da quel che deduco, lui non ha solo tre figli, ma anche una moglie. Sicuramente ti ha voluto bene, ma non così tanto da lasciare i suoi figli, sua moglie, la sua casa.. Penso si tratti del classico uomo annoiato della vita matrimoniale, ma non al punto da prendere decisioni drastiche perché non gli interessa farlo: a 54anni non si ha più voglia di ricominciare con un altra donna con figli e dare spiegazioni ai parenti della moglie e ai propri. Dammi retta: non piangere, sei giovane e hai ancora tanto da dare a qualcuno libero da impegni familiari. Hai sbagliato, non credo che tu abbia bisogno di un mezzo uomo, meschino, egoista e che salta da un fiore all altro.ciao

  4. 4
    stelladimare -

    Innanzitutto grazie a Roberta, grazie a Silvana ed a Carmela. Sono convinta che lui sia voluto fuggire dalla realtà, perchè quando una storia extraconiugale o meno arriva a dei livelli così alti, bisogna avere il coraggio di affrontare la realtà, quando essa diventa importante ed entrambi si è sposati, non sempre si ha il coraggio di affrontare la realtà. Sto soffrendo da impazzire, è vero, ma so pure che ho perso la stima che avevo prima della sua persona. Una donna che ama non scopa. Fa l’amore. E l’amore parte innanzitutto dalla mente. So x certo come sto ed il dolore che ho dentro, ma vi assicuro una cosa. Lui c’era. E c’era prima come uomo, poi come sesso. Non mi sento una presuntuosa, ma x amare bisogna essere in due. E ripeto. Lui c’era. X ora so solo che ora sono io che sono scomparsa, senza sms, senza squilli anonimi. Di me più niente. Ed in questo momento sto facendo tremila cose pur di distrarmi e non pensare. Una cosa x ora è certa. Non potrei più amare un uomo che non stimo più.
    Grazie ragazze. Aiutatemi. Ho bisogno di voi tutte. Vi abbraccio forte.
    A presto. Stelladimare

  5. 5
    simo90 -

    ciao stelladimare,sno simo ho 19 anni e anche io 6 giorni fa sono stata lasciata dal mio ragazzo, che ne ha 22.una storia breve,4 mesi,ma credimi mi ha cambiata la vita.ho fatto cose mai fatte prima,tanta allegria,gioia,mi ha aiutata a superare il periodo degli esami di maturità.il 29 giugno,mi ha lasciata perchè qualcuno gli aveva riferito una bugia sul mio conto.il giorno dopo con mia grande insistenza siamo ritornati insieme,ho scoperto di un suo rapporto con l’ex,all’inizio del nostro frequentarci.non mi ha più detto di amarmi,ma è stato sempre più affettuoso nei miei confronti,e io mi sono illusa.6 giorni fa mi ha lasciata improvvisamente,dicendo che vuole stare solo e non è pronto per una storia seria.io sono a pezzi,dopo una delusione precedente,lui è stato in grado di aprirmi di nuovo il cuore.ora mi chiedo,perchè anche io,e a questo punto anche tu,ci caschiamo di nuovo,ci illudiamo,e poi veniamo ferite?sono piccola,ma credo nell’amore,e sto soffrendo.la vita,il futuro mi fanno paura.queste cose vedo che accadono a tutte le età.facciamoci forza,aiutami.ho l’età di uno dei tuoi figli,e tu l’età della mia di madre.sto male,lo cerco ma mi evita,lui si diverte con gli amici e io invece soffro.un’amica mi sta tenendo compagnia la sera,ma non è la stessa cosa.io spero ritornerà,perchè credevo che le cose andassero bene.nello stesso giorno mi ha confessato che temeva mi potessi scocciare di lui.e invece?è accaduto il contrario.perchè soffrire per chi non ci merita?un bacio.facciamoci forza.

  6. 6
    Anna -

    Ciao a tutti e ciao a te stelladimare, bè spero che sono passati dei mesi e tu stia meglio o forse peggio. La mia storia identica alla tua, ma con delle varianti, durata più di otto anni, io al momento ho 41 anni e lui 52, io single e lui sposatissimo con 3 tre figli. Lavoriamo insieme, condividiamo la stessa scrivania, non sto qui a descriverti la mia lunga storia ma solo a dirti che ti comprendo benissimo. Sono morta da molti anni e ho tentato di ricrederci nell’amore, nella vita, negli uomini, ma il baratro è sempre più profondo per restarci dentro. Io mi auguro con tutto il cuore che almeno tu e altre come te facciano il possibile per riporter vedere ancora la luce della speranza. Buona vita piena di luce.

  7. 7
    isabell -

    Vorrei essere Contattata

  8. 8
    patty -

    penso che dietro alle donne che si lasciano usare come dei calzini dagli uomini sposati, ci sia molto dolore. Esse si accontentano anche per anni delle briciole che ques’ultimo gli elargisce pietosamente, in nome dell’amore?? (amore che ha lui per se stesso e basta). Esse vagano come condor in attesa di spolpare la carcassa di una donna (la moglie) che è destinata a morire perchè… diciamocelo chiaro, una piu’ giovane, magari senza figli, senza responsabilità, in carriera, e che condivide con lui la stessa scrivania… non puo’ competere con la “vecchia ciabatta” che hai accanto dopo molti anni. E’ un’ironica provocazione la mia. Si offendano soltanto gli uomini di una certa specie. Ho imparato, dopo essere stata scaricata come un bidone dell’immondizia e due figli, dopo 23 anni di matrimonio, che questi uomini sono sadici narcisisti patologici, da curare. Che ti abbandonano e poi ti distruggono, scegliendo le poverine che sono state BRAVE e nell’ombra a tacere in nome dell’AMORE. Gli uomini per fortuna non sono tutti uguali. Ci sono anche quelli che sbandano, come sbandano le donne, succede a tutti per carità… e chi li condanna? sto soltanto dicendo che chi abbandona la famiglia distrugge non solo sè stesso ma travolge rovinosamente anche tutte le persone che ci ruotano dentro, figli compresi ovviamente. Anche se ci si comporta durante la separazione nel modo piu’ civile possibile, il dolore della separazione ti segna per sempre. Uomini narcisi che pensate (dopo i 45 anni in genere), di potere spargere ancora il vostro seme o di darvi “un’altra possibilità”, guardate quello che avete costruito, guardate in faccia ai vostri figli e ricordatevi che poi ci sarete soltanto al telefono come padri perchè poche “nuove donne” permettono una vera continuità familiare con la ex e con i di lui figli…. consultate un bravo psichiatra, prima di lasciare la vecchia ciabatta che avete accanto. Non me ne voglia nessuna donna, vi prego. Ironizzo sul male, per…

  9. 9
    patty -

    un’ultimo commento, se posso permettermi un consiglio: a tutte le donne, a tutte quelle che sono state abbandonate, la vita non finisce anche se si muore dentro.
    A tutte quelle che fanno le “amanti” e rubano briciole di tempo a uomini che non amano altro che se stessi, fatevi aiutare! ma soprattutto vogliatevi bene e lasciate perdere chi vi dona soltanto le briciole, chi vi nasconde, chi vi relega ad un ruolo d’ombra…. la cronaca insegna… diffidate di chi ha mentito alla sua famiglia, ai suoi figli, solo per l’amore che ha per se stesso e non per voi….
    tante buone cose a tutti

  10. 10
    nemoprofes -

    Io, purtroppo, ho subito il trattamento contrario. Lei mi ha lasciato. Io sposato con una figlia, lei sposata con due figli. E’ sparita, è passato un anno e ancora non la dimentico.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili