Salta i links e vai al contenuto

Perché il mondo è così incomprensibile?

Lettere scritte dall'autore  Uffy
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 7 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

12 commenti

Pagine: 1 2

  1. 11
    Rossella -

    Non esistono soluzioni che vanno bene per tutti. Esiste una legge universale che porta metà dell’umanità a sentire il bisogno di dominare sé stessa per stare nel mondo e l’altra metà ad avere un naturale autocontrollo che nasce dalla fiducia nelle possibilità di redenzione scritte nella materia. La materia come dispensatrice di redenzione e non come dispensatrice di morte. I primi sono molto più trattenuti. Gli altri vanno avanti con le proprie opinioni e vivono l’educazione ricevuta come un termine di paragone, nel bene e nel male trovano il modo per capovolgere la realtà a loro favore, non ritenendosi mai offesi da nessuno. A scuola per estendere questo privilegio si diceva: -non si accusano i compagni!- E quindi tu ti sentivi immune dall’offesa, la consideravi una mancanza di civiltà travestita da intemperanza. In previsione di qualche tua caduta di stile trovavi anche la forza per perdonare ed andare avanti. Ovviamente la donna che ha bisogno di dominare sé stessa non avrà la stessa capacità di abbandono dell’uomo; tenderà naturalmente ad assicurarsi la salvezza e la beatitudine in quella parte di sé che non è stata contaminata dal progresso inteso anche come percorso di crescita che ha rovesciato la purezza e l’innocenza in potenza letale. Vive la stanchezza come la conseguenza del progresso e ha bisogno di un’educazione mirata. Il rapporto madre figlia è molto formativo.

  2. 12
    Rossella -

    […] Nel mio caso ho trovato già in mia madre quella forza nobile per vivere la mia infanzia in maniera molto attiva, manifestando una socievolezza e un fiducia nel mondo che non fanno parte del mio carattere, ma che in qualche modo mi hanno aperto alla trascendenza. E questo, considerando che negli anni a venire non avrei praticato la parrocchia, mi è servito a tenere vivo il senso di Dio. La figura di mio padre, al contrario, mi ha reso un’anima contemplativa perché i miei genitori sono molto diversi. Se mia madre avesse avuto un altro carattere probabilmente sarei stata una persona molto diversa, persa nelle sue fantasie, che avrebbe avuto bisogno di un’educazione che un tempo veniva assicurata dallo stato. Nei mie insegnanti era ancora ben visibile l’orgoglio dello scienziato. Anche in tv trovavamo una presenza massiccia di operatori della comunicazione che ti abituavano a stare al mondo. C’è sempre bisogno di queste figure… perché nella vita rischi di arenarti tutte le volte che ti trovi nella prova.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili