Salta i links e vai al contenuto

1992

Nel 1992, quando avevo 21 anni, ho tentato il suicidio lanciandomi dal tetto della villa dei miei genitori. . . Mi sono lanciato nel vuoto da un altezza di circa 50 metri e l’ho fatto con la bibbia nei pantaloni, l’ho infilata sulla parte anteriore, tenuta ferma dalla cinghia. . . Mi sono risvegliato all’ospedale quando l’infermiere stava per togliermi la bibbia dai pantaloni. . . L’ho stretta a me e mi sono alzato dal lettino. . . In quel momento è come se fossi risorto. . . Perché l’ho fatto. . . Perché come dice il vangelo nella liturgia di oggi, domenica 05 agosto 2012. . . 20 anni dopo ” non c’è amore più grande che dare la propria vita per gli amici “. . . Dopo 20 anni un reato si estingue, ieri, ho capito che il mio è stato un gesto d’amore che mi ha portato alla fede in dio. . . Infatti, oggi, sono un credente e ho fede in gesu’ cristo che è dio. . . Dopo questo gesto, considerato male dalla società, i miei genitori mi hanno portato da psicologi, psichiatri, neurologi. . . Ancora adesso assumo psicofarmaci. . .

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

1 commento

  1. 1
    komghi kong -

    Rivolgiti a delle associazioni , NON TI ABBATTERE, io avevo un’amica che è andata dallo psicologo, gli hato dei farmaci e lei è uscita dalla depressione.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili