Salta i links e vai al contenuto

Mi sento sola… odio essere sola

Lettere scritte dall'autore  

Mi sento così tanto sola, ho continuamente bisogno d’affetto e di amore, odio essere sola, dipendo dalle persone, quando sono sola sono triste e mi sento respinta, abbandonata. Non sono totalmente sola ho una migliore amica fantastica. Purtroppo però ho solo lei, avevo altri amici, ma una da quando si è fidanzata non ha più una vita, tre si sono rilevate false, e delle cattive amiche, con i miei genitori comunico a stento, sono single, non ho un fidanzato anche se vorrei tanto averlo, e molte persone da quando mi fidanzai non le ho sentite più. Sono uscita da una storia di 1 anno 5 mesi fa. L’ho lasciato io, perché mi opprimeva, non avevo più amiche, era gelosissimo mi negava tutto ed eravamo sempre insieme. Ora invece essendo single, per me è un cambiamento radicale, sento così tanto il bisogno di un fidanzato, la mia migliore amica mi da amore, forse è l’unica, i miei genitori ed io siamo molto distaccati, ma non mi basta il suo bene. Ho bisogno di un ragazzo che mi faccia sentire amata, importante, essenziale. Il mese scorso ho conosciuto un ragazzo molto carino di 20 anni, io ne ho 16 comunque, inizialmente era dolcissimo, mi scriveva sempre, mi riempiva di complimenti, poi dopo si è allontanato sempre di più, ci siamo sentiti per 2 mesi, visti 5 volte, poi un giorno non si è fatto sentire più.. ci sono rimasta un po’ male naturalmente. Che ho sbagliato? Sono stata me stessa, non ero affatto opprimente anzi, ero gentile, dolce, mi ritengo carina, ma evidentemente lui era uno come tanti, si è rilevato un bastardo con un solo pensiero fisso per la testa. Ma la cosa che mi ha fatto più rabbia sono state le promesse, le bugie, pensavo fosse sincero, le cose che mi diceva erano importanti, mi ha illusa completamente. Ma per fortuna il vero problema non è questo, perché io non ne sono innamorata, in realtà non so proprio che cosa sia l’amore, incomincio a pensare che non esisti, non so il motivo.. forse perché ogni ragazzo che mi capita o lui si comporta male od io, in poche parole nessuno va bene, spesso mi accontento pur di non essere sola, so che non dovrei ma la maggior parte delle volte nemmeno me ne rendo conto, penso di avere una cotta il primo mese e poi mi accorgo di tutti i suoi difetti, mi annoia, non mi va bene più e lo mollo. Questo mi succede la maggior parte delle volte, forse perché oggi giorno è complicato trovare un ragazzo diverso, uno che colpisca, sono tutti uguali, in questa società nessuno si distingue, dicono e fanno tutti le solite cose. In seguito mi ha ricontattata un ragazzo, un po’ troppo grande per me forse.. 25 anni, mi ha riempita di complimenti e frasi d’amore ma forse un po’ squallide, mi è piaciuto, perché è sempre piacevole avere attenzioni di questo genere, ovviamente anche lui non si è fatto sentire più. Ma ripeto a me non importa di questi ragazzi, io non ho bisogno di loro, ma delle loro attenzioni, perché non riesco ad essere felice da sola? Tutti dicono che la felicità sta nell’indipendenza perché io non lo sono? Mi hanno detto che per essere felice basta curarsi, prendersi cura di se stessi sia dentro che fuori, lo faccio è vero, dopo mi sento fiera, soddisfatta, ma non amata. Potrebbe essere che sia alla ricerca di una figura maschile poiché mio padre è come se non ci fosse? Sono veramente molto confusa. Non so se sia normale alla mia età avere tutti questi problemi. Molte volte ho i sensi di colpa per quello che faccio, corro troppo, me ne rendo conto, sono abbaiata dagli adulti, dai ventenni, la macchina, le discoteche, l’alcool, gli spinelli, il fumo. Mi sento davvero una brutta persona perché ho commesso tanti errori, non sono più vergine, fumo e mia madre non lo sa, fumavo addirittura ogni weekand gli spinelli e ovviamente i miei non sanno niente, mi sono ubriacata, ma solo una volta perché nonostante tutto ciò e nonostante l’assenza affettiva dei miei genitori i quali non mi comprenderanno mai, sono completamente oppressa da loro. Non mi fanno fare niente, forse è anche colpa loro di molte mie azioni, più cose mi vietano e più la voglia di ribellarmi aumenta. Rispetto ai miei coetanei io non faccio nemmeno la metà. Mio padre è uno all’antica, mia madre si lascia sottomettere da lui e di conseguenza anche io, entrambi lavorano continuamente, di conseguenza sono sempre sola. I miei dubbi, problemi per la testa sono innumerevoli, sarà l’adolescenza, ma per quanto durerà questa confusione? Magari mi starete prendendo per una pazza o peggio, o per una stupida, non so nemmeno perché scrivo qui, è la prima volta, non ho con chi parlare ho paura di annoiare con i miei mille problemi. Nonostante io sia così piccola, ho frequentato tantissimi ragazzi, alle medie ero davvero stupida e immatura, non che ora sia cresciuta, cambiavo ragazzo ogni settimana, il valore del bacio, dell’amore, del sesso oggi è svanito completamente, specialmente nella mia generazione o comunque nell’ambiente che mi circonda. Ho avuto un lungo periodo di depressione, ho sempre avuto però questo genere di problema, ci fu un periodo in cui passavo le notti piangendo, mi sono tagliata 4 volte, non capisco cosa abbia, sento sempre che mi manchi qualcosa. Ho dubbi perfino sulla mia sessualità, ho baciato una ragazza, lesbica, mi è piaciuto, guardo le ragazze per strada mi piacciono, ma anche i ragazzi, provo quasi le stesse sensazioni per entrambi sessi, possibile che io sia bisessuale? Molti dicono che la bisessualità non esiste, sinceramente non lo so.. mah io ho baciato solo una ragazza, ho paura di uscire con altre, specialmente di diventare lesbica, è il mi terrore, perché so quanto è difficile la loro vita. Infine, in quest’ultimo periodo mi sto sentendo di nuovo con un ragazzo. Quando l’ho conosciuto avevo 12 anni, non avevo mai baciato un ragazzo, prima di allora non avevo mai avuto interesse per un ragazzo ne ragazza, ero presa completamente da lui, lui ora ha 19 anni, allora parlavamo sempre a telefono, spesso veniva sotto al mio palazzo a salutarmi con il motorino, parlavamo un po, sapeva che io ero pazza di lui, ma nonostante anche lui fosse abbastanza preso, non ha mai voluto qualcosa di più da me, più di un’amicizia, diceva che ero troppo piccola per lui. Un giorno litigammo e non ci siamo sentiti più, inoltre appunto mi fidanzai con quel ragazzo possessivo e per questo era impossibile risentirci. Lui mi è rimasto sempre impresso, perfino al mio primo fidanzamento, perfino li mi sentii con lui. Dopo essermi lasciata, lui mi contattò, da quel giorno lui mi contatta molto raramente, poi si fidanzò. 2 anni di fidanzamento, comprensibilmente non mi ha pensata più, ora è da un po’ che si sono lasciati, da quando è successo mi ha scritta 3 volte, la prima mi disse che stavano litigando spesso e che era un periodo di crisi, la seconda dopo tanto tempo mi contattò e ci provò, poi dopo 1 mese mi scrisse di nuovo, dicendo di avermi vista sabato e che ero bellissima, mi chiese di vederci e andare a prenderci un caffè insieme, io incuriosita accettai. Intanto mi scriveva sempre, sembrava davvero interessato, mi ha anche chiamata ieri dicendomi che io sono importante, che gli sono sempre rimasta impressa e che sono diversa.. bah cose che dicono tutti i ragazzi per rimorchiare. Prima ci siamo visti, mi è venuto a prendere con la macchina, mi ha portata in un posto bellissimo con il panorama, davvero romantico, è stato dolcissimo, mi ha rispettata e si è comportato diversamente dagli altri, in realtà io con lui mi trovo bene perché siamo molto simili, i suoi genitori sono completamente assenti, in più come me è impulsivo, egocentrico, egoista, vanitoso, vuole avere sempre ragione, si potrebbe dire che è me versione maschile, questo però mi preoccupa, perché come me con i ragazzi, lui non tratta benissimo le ragazze, si fa odiare, perché non si fa sentire molto, solo quando ne ha voglia ecc, ma quando si innamora non è così, infatti la sua ex l’ha cambiato… si sono lasciati perché lei è dovuta partite per la Spagna, per studiare. Cosa vuole da me? Come faccio a sapere se gli importa davvero come dice di me? Se sarò quella di cui si innamorerà o quella che tratterà male? Ci siamo baciati oggi, è stato bellissimo, mi sta piacendo ma ho paura, non solo per il mio e il suo brutto carattere ma anche perché mi ha dato una brutta notizia, forse il mese prossimo parte, si trasferisce molto lontano da casa mia e probabilmente non lo vedrò più. E’ così brutto pensare che proprio ora che sto stringendo i rapporti con una persona importante per me, come una volta, proprio ora debba partire. Questo è tutto, lo so parlo\scrivo troppo, penso troppo, spero di non essere sembrata disperata o una pazza o non so. Grazie a tutti per aver letto questa tortura, spero in una vostra risposta c:.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

7 commenti

  1. 1
    nobrainfound -

    Avrei una migliore opinione di te, se fossi fake.

  2. 2
    sara -

    Allora, cominciamo col dire, che dovresti uscire di più e magai frequentare qualche corso,, così conosci gente nuova. Poi, se una persona ci tiene veramente a te, non ti tratta da schifo, e non ti opprime. Dover avere necessariamente un ragazzo, non è n dovere, meglio soli che mal accompagnati. Prenditi un po’ di tempo e tieniti occupata, perché tanto vorrà un po’ prima che le cose cambino, nulla è immediato.

  3. 3
    equilibrio instabile -

    “Io non ho mai sofferto per la solitudine. Ho sempre sofferto per la moltitudine”
    (F.N.)

  4. 4
    I -

    Sara la penso proprio come te,purtroppo però i miei genitori non vogliono che io esca troppo o che pratichi sport,hobby. Dicono che non ho tempo per queste cose così superflue e che dovrei pensare solo allo studio,poi il weekand mi fanno scendere però sono molto rigidi,soprattutto con gli orari.Comunque cercherò di tenermi sempre occupata e speriamo il meglio. Equilibrio instabile,mm non l’ho mai vista da questo punto di vista ma certamente anche la solitudine avrà i suoi vantaggi,cercherò di essere positiva. Grazie a tutti per i consigli c:

  5. 5
    sara -

    @ I N.4: perdonami ma lo sport non è una cosa superficiale, anzi, è perfino salutare. Prova a spiegarlo ai tuoi. Altrimenti visto l’ostracismo da parte loro, non ti rimane che farli fuori!!

  6. 6
    Pino -

    Naturalmente odierai anche la fiera del luogo comune, ma credo che in questa vita terrena tutti quanti noi siamo soli. Secondo me dovresti semplicemente cercare solo di vedere i lati positivi sulle cose spiacevoli, solo così ritroverai la pace per stare bene, credici.

  7. 7
    LL800 -

    Farti le canne concordo ma non esagerare , per quanto riguarda l’alcool lascia perdere che è meglio e te lo posso dire io ..

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili