Salta i links e vai al contenuto

Lavoro, disoccupazione e ricambio generazionale

Lettere scritte dall'autore  Fabio Brachini

Buongiorno Direttore La contatto per proporle il il gravoso problema sociale nazionale lavoro/disoccupazione e ricambio generazionale, un problema che riguarda tutti in quanto tutti abbiamo figli, parenti o conoscenti che prima o poi affronteranno il problema lavoro.
Vivo ad Osimo(AN) da quando sono nato 73 anni fa; ho tenuto a farle conoscere la mia età per evidenziare che non lotto per me ma per quella che ritengo sia un’ingiustizia nei confronti della PERSONA disoccupata nonché di tutta la nuova generazione e di molti altri benefici sociali.
Non ci piove che: se vengono concessi due lavori o due entrate lavorative a Tizio inevitabilmente si nega un’opportunità di lavorare a Caio.
Ogni giorno in mille luoghi e in mille modi si sente parlare del problema lavoro e di come diminuire il livello di disoccupazione ma mai che si potrebbe trovare una parziale soluzione alla disoccupazione andando a valutare che molti posti di lavoro si troverebbero, a costo zero tra l’altro, facendo il possibile per far abolire il permissivismo statale, quantomeno anomalo, che autorizza a poter continuare a lavorare anche dopo aver scelto la pensione.
Se una discussione/dialogo potesse avvenire nei suoi programmi televisivi mi immagino una miriade di opinioni diverse, pareri contrastanti addirittura di giustificazioni ma, ovviamente, ogni problema si risolve o si attenua solo discutendone.
Mi auguro se ne faccia carico e predisponga uno spazio in alcuni dei programmi ad esempio OMNIBUS che seguo spesso o COFFI BREK o L’ARIA CHE TIRA.
A nome dei disoccupati presenti e futuri cordiali saluti e buon lavoro.
Fabio Brachini

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi: Lavoro, disoccupazione e ricambio generazionale

Altre sul tema

Altre nella categoria: enrico mentana - lavoro

3 commenti a "Lavoro, disoccupazione e ricambio generazionale"

  1. 1
    Fabio Brachini -

    Chiedo cortesemente a chiunque un giudizio in merito, e spero non mancherà, per aiutarmi a rispondere alla domanda familiare ma che rispecchia l’andamento generale del nostro bel Paese che mia nipote quasi diciottenne mi ha fatto pochi giorni fa: nonno come è possibile che le nuove generazioni trovino lavoro fin quando non viene superato l’ostacolo procurato da coloro hanno raggiunto la pensione e autorizzati continuano a lavorare continuando ad occupare il posto che potrebbe essere assegnato a me?
    A nome dei disoccupati presenti e futuri cordiali saluti e buon lavoro.

  2. 2
    white knight -

    Non saprei dirle: da un lato contesterei le sue idee poichè credo nel libero mercato e nella libera iniziativa economica, pertanto se un pensionato ha ancora voglia di mettersi in gioco, percepire degli extra e trova un MERCATO del lavoro pronto ad accoglierlo, non vedo perchè ciò non debba essere possibile.
    Dall’altro è vero che, come dice lei, si rischia di comprimere le opportunità di inserimento per i giovani. E sempre di più, poichè la piramide generazionale si sta invertendo, con la base di giovani sempre più risicata e una moltitudine di vecchi over 60 in aumento.
    Per sua nipote consiglierei qualche facoltà STEM, poichè:
    -nel mondo del lavoro, i “vecchi con esperienza” tecnologicamente parlando sono mediamente delle capre ignoranti;
    -le materie STEM in Italia sono sottorappresentate anche presso gli stessi giovani: tanti si ritrovano a ciondolare tra disoccupazione e sottooccupazione poichè hanno scelto scuole o facoltà non richeiste dal mercato del lavoro.
    Tanti…

  3. 3
    Fabio Brachini -

    La mia vuole essere una pacifica lotta al permissivismo statale a parere di molti quantomeno anomalo che permette di scegliere se continuare o meno a lavorare anche dopo aver scelto la pensione riducendo di molto le probabilità lavorative per le nuove generazioni.
    Chiedo cortesemente aiuto a chiunque di aiutarmi a stimolare una relativa riflessione e mi auguro comunque un gentile riscontro che aspetto con ansia e spero non mancherà anche perché oltre a farmi conoscere il parere in merito mi aiuterebbe a rispondere alla domanda familiare ma che rispecchia l’andamento generale del nostro bel Paese che mia nipote quasi diciottenne mi ha fatto pochi giorni fa: nonno come è possibile che le nuove generazioni trovino lavoro fin quando non viene superato l’ostacolo procurato da coloro hanno raggiunto la pensione e autorizzati continuano a lavorare continuando ad occupare il posto che potrebbe essere assegnato a me?
    A nome dei disoccupati presenti e futuri cordiali saluti e buon lavoro.

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'informativa sulla privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili