Salta i links e vai al contenuto

Ladra

  

Sabato scorso sono andata da oviesse viale oceano atlantico Roma per comprare una tutina da neonato che costava €19,99. Arrivata alla cassa ho dato un biglietto da €50,00 euro alla cassiera, la quale mi ha dato un resto di 1 centesimo!!!! Le ho subito detto di averle dato 50 e non 20 euro. Lei mi ha detto : “mi scusi oggi sono distratta ma se cio che lei mi sta dicendo è la verità contando i soldi in cassa risulterà”. Ha cominciato a contare ma poi è arrivata la direttrice che le ha detto di farsi da parte e che avrebbe contato lei… risultato: in cassa c’era un sovrappiù di €9,90 e che quindi al massimo mi avrebbero restituito questa cifra. Naturalmente io mi sono molto arrabbiata dicendo che rivolevo i miei €30,00 euro.. mi ha risposto che era la mia parola contro quella della commessa.
Vi pare normale?? Insomma non mi hanno restituito i trenta euro che mi hanno praticamente rubato (ma neanche i nove euro e novanta. Mai più mi recherò da oviesse… che ladri!!!

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Consumatori

11 commenti a

Ladra

Pagine: 1 2

  1. 1
    sempre diverso -

    Sei stata davvero ingenua e anche un pò stolta….avresti dovuto chiamare immediatamente i carabinieri, o meglio ancora la guardia di finanza, sai che casino per loro??? purtroppo hai dormito come un ghiro e ti sei fatta fregare proprio bene, scrivere qui questa lettera non ti servirà a niente….bisogna farsi rispettare, sempre, come diceva il mio prof di Diritto, la legge non tutela chi dorme, buona notte

  2. 2
    Writes. -

    denuncia il danno arrecato!!
    scusa, ma non c’era nessuno che ha visto???
    mi fa strano la cosa…
    o che fossero d’accordo…

  3. 3
    rob -

    Bastava accennare:
    Guardi non le dico che lavoro faccio io…..ma oltre che lo scontrino o ricevuta fiscale vorrei il resto adeguato alla cifra che le ho appena dato..ha conferma c’è sempre la telecamera di cassa…molto spesso obbligatoria nei negozoi seri.
    In caso contrario restituiva la merce si faceva ridare la cifra della mercanzia e si rivolgeva al primo comando di guardia di finanza ad esporre denuncia….poi la sua parola vale un c...o!!! quando si becca una notifica!!!

  4. 4
    rob -

    Comunque io renderei obbligatorio il pagamento digitale…cosi niente resti e zero evasione…

  5. 5
    LUNA -

    Da oviesse mai avuti questi problemi
    .certo loro stavano rappresentando perlomeno quel punto vendita e capisco il tuo disgusto. Se eri certa di aver dato 50 euro non dovevi dargliela vinta. Peccato che tu non avessi testimoni… ma comunque. Ora non farti il sangue amaro ma se ricapitasse sii ferma. Ti consiglio, nel dubbio di quali siano i tuoi veri diritti in questi casi, o come sia giusto procedere, di chiedere lumi alle associazioni consumatoriRob: da un lato e” vero ma non per questo non si verificano “clonazioni” o errori di pagamenti doppi, anche possibili con rate e bollette. Bisogna sempre e cmq stare attenti, anche laddove l’errore non zia volontario.

  6. 6
    selvatika -

    Non hai reagito prontamente perché avresti dovuto dire: cosa ne so io se già mancavano dei soldi e così avete sanato l’ammanco con i miei 50€? anzi visto che guarda caso la cassa risulta in esubero 9.90 me ne date la conferma perché evidentemente 50€ erano anche troppi.
    Quello che è successo non esiste..
    A me da OVS poco tempo fa hanno fatto la carta punti proponendola con l’inganno e mi sono ritrovata 3.50€ in più sullo scontrino. Quando ho fatto le mie rimostranze alla commessa lei asseriva di aver specificato il costo e che cmq non si poteva fare più nulla.
    Sono andata via ma una volta uscita ho telefonato alla direzione riferendo l’accaduto perché per me è totalmente inaccettabile pagare 3.50€ una carta punti che manco avrei usato come avevo tralaltro fatto presente alla commessa mentre insisteva per farmi aderire. Insomma, sono tornata la sera e mi hanno ridato 3.50€. Mi spiace per i tuoi 50€..

  7. 7
    alina -

    a me personalmente e succesco che facendo la spesa per mangiare al iper, oltre cibo pressi una latina di coca cola. Fatto sta che arrivata a pagare ho dovuto cacciare mi ricordo 42 euro e qualque centesimi. Mi sembrava leggermente un po tanto. Pagai, non ho detto nulla. Uscita, al bar del iper mi fermo per un caffe, guardo il scontrino e me ne sto accorgendo che mi hanno fatto pagare una casa intera di coca cola e non solo una latina che pressi. Andai dalla casa. Una fila di gente che mi guardava, spiegai la cosa.Mi ha mandata al ufficio direttore, anche lui guarda il scontrino e mi da ragione. Non mi restituisce i soldi, pero su lo stesso scontrino pagato mi mette un buono di 8, 90, soldi che avevo pagato inizialmente. Una firma sua, e una mia e abbiamo risolti la cosa. Si hanno chiesto anche scusa, pero capita. Alla prossima spesa, portai sto scontrino e giustamente mi hanno fatta pagare meno di soldi pagati in precedenza.

  8. 8
    Cinico -

    Cara Minerva avresti dovuto chiamare la guardia di finanza o i carabinieri sul momento e pretendere la visione delle registrazioni della telecamera direzionata su quella cassa,ormai nessun punto vendita ne e’ sprovvisto.Saluti.

  9. 9
    selvatika -

    Giusto Cinico, meglio ancora

  10. 10
    manumanu -

    è facile parlare e giudicare davanti al fatto compiuto. penso che molti dei commentatori, trovandosi ad affrontare la situazione sul momento, avrebbero reagito nello stesso modo della persona della lettera, semplicemente perché in quel momento entrano in gioco emozioni, effetto sorpresa, e così via. detto questo io mi informerei sul come sistemare la situazione… forze dell’ordine e quant’altro, adesso, anche se magari un po’ in ritardo. e se ti chiedono perché non l’hai fatto prima, digli che sei stata colta alla sprovvista, cosa che capita a tanti.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili