Salta i links e vai al contenuto

La sciagurata riforma delle pensioni

Lettere scritte dall'autore  

Credo che Monti e il suo degno ministro del lavoro Fornero (i cosiddetti “tecnici”) non si siano resi conto di quali sciagurate conseguenze abbiano prodotto con la riforma delle pensioni.
La valutazione da loro fatta è che, essendosi allungata la vita, non era più proponibile che i lavoratori andassero in pensione a 65 anni.
Bene, ma non hanno preso in considerazione alcuni aspetti, o se l’hanno fatto se ne sono totalmente disinteressati; bastava però un po’ di solido buonsenso…
1) Si parla tanto di giovani senza lavoro, ma un lavoratore di 50 o peggio 60 e passa anni, disoccupato, non troverà MAI più lavoro; nei paesi civili (non il nostro), lo stato provvede a mantenere tali lavoratori, sia ex dipendenti sia con contratti “destrutturati” (vedi “a progetto”), fino ad una nuova occupazione, provvedendo loro a trovare e proporre il posto di lavoro.
2) Era così difficile pensare di porre una barriera di contributi versati (chessò, 30 anni, ad esempio)?
3) E’ pensabile, ad esempio, che un muratore salga su un tetto a 67 o 70 anni ?
4) Le aziende mantengono al loro posto i lavoratori di tale età?
5) Come è pensabile (ritengo sia la solita, pura demagogia!) che si parli tanto di creare posti di lavoro per i giovani, se restano al lavoro persone di età avanzata?
6) La pensione, per molti, era un traguardo per risolvere gravi probemi economici, in una situazione di crisi di sistema così profonda; così facendo, tale traguardo diventa sempre più lontano.
7) E’ etico proporre (come ha pensato Amato) di dare un contributo per il reinserimento lavorativo ad un ex politico 40 o 50 enne, oltre ai noti vantaggi pensionistici (e non solo) per la casta ?
8) Facile colpire i “soliti noti”, ma perchè invece non togliere i privilegi ai soliti politici e pensare di dare la pensione a tutti i cittadini alle stesse condizioni (indipendentemente dal ruolo professionale) solo in base ai contributi versati? Politici compresi come sarebbe stato giusto da sempre!
Infine cosa dire di Monti che è entrato in politica? Credo che abbia visto che è una bella e grassa mangiatoia, dove potersi nutrire in abbondanza !
E penso che alle prossime elezioni ci saranno molte sorprese…certo non ci sarà una grande soddisfazione per i “soliti noti”

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Politica

1 commento

  1. 1
    maria enrica -

    sono una sessantunenne a cui e’ stata tolta la possibilita’di andare in pensione cosi’ come previsto dalla riofrma maroni proprio quest’anno.ho 27 anni di contributi nel privato piu’ 10 nella gestione separata,ma la signora fornero ha stabiolito che non posso ricongiungere questi anni debbo aspettare i sessantacinque.intanto secondo lei posso andare a lavorare.magari!!!!! io non faccio parte di nessuna categoria perche’ non sono esodata (mi sono licenziata nel 2000 per assistere mia madre malata) non sono disoccupata perche’gli ultimi 10 anni sono stata amministratrice della mia azienda che e’ fallita(caso strano).non ho piu’ nulla,casa che andra’ all’asta,debiti(quelli si) perche’ li avevo fatti a mio nome per l’azienda sperando che le cose cambiassero.come ho detto non faccio parte di nessuna categoria e nessuno mi tutela.spero che qualcuno si faccia carico di quelle persone che si trovano nella mia condizione prima che sia troppo tardi.Forse la signora fornero,prima di fare questa riforma doveva guardare meglio le situazioni!!!!

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili