Salta i links e vai al contenuto

Iran mente. Ma anche Usa, Gran Bretagna, UE, Israele, ecc.

Il premier israeliano Netanyahu ha mostrato al mondo alcune prove (non tutte), in ordine ad un programma militare nucleare iraniano.

Ciò che viene stigmatizzato è che l’Iran ha voluto, ad insaputa del mondo, dotarsi di armi nucleari POTENTI COME QUELLE DI HIROSHIMA.

Queste prove costituirebbero ovviamente la base per un immediato attacco contro l’Iran, in modo da PREVENIRE la formazione nell’area medio-orientale di una potenza nucleare NON AUTORIZZATA.

Che tradotto significherebbe un pronto intervento della NATO, specialmente dalle basi italiane (ad insaputa e contro la volontà degli italiani) per fornire un appoggio tattico ad un’ altra azione di guerra vietata dalla nostra costituzione, art. 11: “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”.

Ora mi sembra che in questi ultimi mesi abbiamo collezionato una serie di fandonie da parte “occidentale” che dovrebbero farci riflettere sui nostri “alleati”.

  1. l’Inghilterra ha accusato la Russia di essere responsabile del tentato omicidio di un ex-agente segreto. Le prove non sono mai state fornite, anzi la versione ufficiale del governo è stata smentita dalle stesse autorità di polizia inglesi. Nel frattempo tutto il mondo occidentale aveva già espulso gli ambasciatori russi, incrementando la frattura tra Nato e Russia.
  2. Gli Stati Uniti hanno dichiarato di avere prove inconfutabili che il dittatore siriano aveva utilizzato armi chimiche contro la popolazione. Da qui la necessità di un attacco (guerra) in piena regola, con altri alleati NATO (tra cui l’Italia che ha fornito appoggio tattico). Nessun attacco chimico è mai stato provato.  Ciò segue alle varie armi chimiche degli anni passati mai trovate, tra cui quelle presunte di Saddam Hussein.
  3. Ora Israele ha dichiarato di possedere le prove certe di un programma militare iraniano,  quindi si è reso necessario un attacco immediato (durante la notte, cioè qualche ora dopo queste importanti rivelazioni). L’attacco ha ovviamente distrutto i siti oggetto di contestazione.

Tutto ciò fa seguito ad un’altra mega fandonia, quella della “espansione” della Russia. La Nato ha accusato negli ultimi anni la Russia di aver “avvicinato” la propria presenza alle basi della coalizione occidentale. Ecco la mappa delle basi Nato, così chiunque potrà capire chi si è realmente ALLARGATO.

Come osano i russi essere così vicino alle nostre basi?

L’atteggiamento degli alleati israeliani è stato oggetto di talune critiche, specialmente quando le “vittime dell’olocausto” sono state pizzicate a godere della morte di un ragazzino palestinese:

Cecchino israeliano spara a palestinese ed esulta

Infine vi è un interessante spunto di riflessione: se gli Iraniani, a casa loro (stato sovrano) decidono di avere un programma nucleare, con quale diritto internazionale dovrebbero essere “fermati” da altri governi i quali possiedono armi 1000 VOLTE PIU’ POTENTI DELLE BOMBE DI HIROSHIMA ?

I nostri “alleati” possiedono un arsenale nucleare di incredibili proporzioni, e si lamentano di 5 bombette prodotte dall’Iran ?

Ecco le armi atomiche per paese e per potenza distruttiva:

Stati con armi nucleari

Lascio ai lettori ogni ulteriore conclusione. Come sempre ho pubblicato i link agli articoli su internet, non ho creato nulla di mio pugno.

L'autore ha scritto 12 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Attualità - Politica

3 commenti

  1. 1
    Rossella -

    L’Europa, dal mio punto di vista, viene qualificata dai numeri. L’Inghilterra con le dimissioni del ministro si è trovata in una posizione d’avanguardia rispetto agli altri stati e ha potuto sostenere (anche questo mi sembra un parolone, perché dall’Italia mi sembra un maglione infeltrito) il dibattito che oppone gli intenzionalisti e i funzionalisti. L’Italia, tra l’altro senza un governo, quando si parla di elementi nuovi rispetto al passato diventa un paesotto. Con la differenza che gli italiani, rispetto alla media degli europei, tendono a credere che si possa vivere in una casetta con le pareti di marzapane. Te lo dice una persone che ha visto cambiare i costumi da così a così. Mi riferisco adesso alla parte “ricca” dell’Italia che sembrava aver maturato un certo gusto, ma che nei fatti ha dimostrato di essere molto più dipendente dal pensiero dominante. Perché altrimenti non sarebbero cambiati. L’Europa porta avanti le sue politiche, ma quando si spengono i riflettori sulla politica estera tornano a farsi i fatti propri.Per risollevare l’Italia non basterà la politica perché la statura delle persone dipende dalle coscienze.

  2. 2
    Rossella -

    PS Queste notizie non fanno altro che evidenziare le colpe della nostra politica. Per pronunciarsi bisogna essere pronti a lasciare tutto perché l’ipocrisia non aiuta.

  3. 3
    BeepBeep -

    Rossella, sono d’accordo con te. Trovo molto lodevole quanto hai scritto: ” L’Europa porta avanti le sue politiche, ma quando si spengono i riflettori sulla politica estera tornano a farsi i fatti propri.Per risollevare l’Italia non basterà la politica perché la statura delle persone dipende dalle coscienze.”

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili