Salta i links e vai al contenuto

Indignazione di un disoccupato

Egregio dott. Presidente Berlusconi,
con la presente vorrei raccontarLe quanto accaduto nella mia regione Puglia con la speranza che susciti la Sua attenzione. Ebbene nell’edizione mattutina del TGNORBA 24(rete televisiva locale della Puglia) del 31 ottobre u.s.il direttore Magistà provvedeva ad intervistare il Presidente di un noto istituto bancario di Bari, sulla situazione lavorativa del paese e lo invitava ad esprimere pareri e consigli al riguardo per come “creare impresa” al fine di creare lavoro.Lui parlava di belle iniziative ed era di buoni propositi sul fatto che bisogna creare impresa per dare lavoro ai giovani e che proprio per questo la banca è vicina alle imprese per dare credito…
Appunto aggiungo io…ma non è stata proprio la sua banca e il suo Management che l’anno scorso non ci hanno pensato due volte a dichiarare lo stato di crisi della stessa e a mandare a casa tanti giovani disgraziati che stavano a tempo determinato da diverso tempo? E ad attuare inoltre un piano industriale per l’esodo incentivato ai vecchi e la stabilizzazione lavorativa dei giovani? Troppo facile dare la colpa alla crisi finanziaria ed adottare provvedimenti secchi a scapito dei giovani. Però nel frattempo, la stessa banca ha provveduto a nominare nuovi dirigenti e nel
contempo ad aumentare gli stipendi e ha preferito questo piuttosto che spalmare quattrini fra i giovani rimasti senza lavoro e spediti cortesemente a casa. L’intervista da parte del presidente si concludeva così: senza liquidità aggiungeva lui, non si va avanti..la comunità non regge.Ebbene caro presidente lei non pensa che tutti quei ragazzi rimasti a casa siano rimasti proprio senza liquidità e…senza certezze? Da ultimo Le dico che la mia è solo la considerazione di un cittadino davvero indignato e preoccupato.
Pongo tutto ciò alla Sua attenzione, solo per giusta cronaca ed informazione con la speranza che almeno Lei prenda in considerazione questa lettera visto che altri..non l’hanno fatto!
Concludo dicendo che se forse al mondo d’oggi finisse tutto questo FALSO BUONISMO e ci fosse una reale concertazione fra imprenditori, davvero potremmo sperare in cambio di rotta al positivo specie per i giovani e per il loro futuro.
Grazie Presidente e buon lavoro.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro

2 commenti

  1. 1
    disoccupato pugliese -

    condivido in pieno quello di precario77

  2. 2
    adolfo -

    hai ragione.. ostentano sicurezza e posti di lavoro ma alla fine ognuno pensa per se…

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili